Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Ar-Es

Utenti Registrati
  • Content Count

    1.176
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Posts posted by Ar-Es


  1. es. se ho fatto 5 lt di mosto con og 1050 utilizzando 1.2 kg di malto avrò:
    - gradazione saccarometrica : 50/.383 = 130.5 gr/lt
    - quantità  totale di zucchero : 130.5 gr/lt x 5 lt = 653 gr

     

     

    1.050 OG corrisponde a 12,3 plato che sono 123 g/L ( da beersmith ) il fattore 0,383 dove l'hai preso? perchè può essere che è un pò diverso all'aumentare dell'OG


  2. A livello di qualità  si può dire che si equivalgano! preferisco però un minimosto (fatto da me ) di cui so regolare le tempistiche rispetto a una busta da schiacciare.. un mio amico ne ha ordinate 2 che si son poi gonfiate da sole, in frigo!

    credo che sia comodo come sistema sopratutto se non si ha idea di come fare uno starter, ma non lo trovo molto affidabile. Consigliavo di attivarlo 2 giorni prima( ma anche 3 ) così che se già  al primo giorno è sveglio e gli altri 3 rimane un pò scazzato con uno starter prima della cotta si ha tempo di ricaricare il lievito mentre se non si gonfia in tempo lo starter gli da l'input che manca!


  3. io lo starter lo faccio lo stesso, però non mi piace come sistema quello di rompere il sacchetto e preferisco di lunga i white labs; 2 giorni prima secondo me è accettabile! schiacchi fino a che senti il sacchetto interno rompersi, ci vuole un pò di forza e sentirai una specie di scoreggia, l'ideale è appoggiarlo su un tavolo e tirargli una manata; quando è bello gonfio che sembra scoppiare è pronto, la mattina della cotta mettilo in un paio di litri di starter e poi fermenta che è un piacere


  4. si ho provato usando il fondo di una bottiglia di plastica per tenere l'altra in equilibrio, la capovolgerei a terzo lavaggio, poi per rimuovere l'acqua basta rimettera nel verso giusto e aprirla; le impurità  rimangono sul tappo per una questione di cariche


  5. se è un lievito a bassa fermentazione ti resta tranquillamente 2 settimane! in pratica recuperi in una bottiglia sterile lo slurry, ci aggiungi acqua sterile fino a riempire la bottiglia agiti e lo lasci in frigo a decantare per una notte, a questo punto noterai l'acqua che resta torbida e il lievito che schiarisce; vuoti quindi l'acqua sporca e ne riaggiungi di sterile ( mi raccomando non fargli fare sbalzi di temperatura al lievito!!! ) e ripeti la procedura fino a che l'acqua resterà  limpida! questo dovrebbe succedere dopo 3 o 4 lavaggi se parti da un buon slurry


  6. ho sentito parlare di quella tecnica la prima volta al birrificio italiano, in pratica consiste di una sosta a ph 2,7 per 2 ore. ( valore da accertare ma mi pare proprio quello! ) tuttavia ho letto sul manuale che è sconsgliabile perchè pur eliminando ogni tipo di patogeno danneggia gravemente il lievito anche se il tempo di contatto è breve; ovviamente ci sono tipi di lieviti più o meno resistenti!! è comunque preferibile un lavaggio con acqua abbinato a un igiene impeccabile!


  7. 1 - la parte che rimane nel cono la sfecci così hai mosto limpido a fermentare, e ne guadagni organoletticamente

    2- lo spurgo ideale sarebbe ogni 2 giorni

     

    I primi giorni di fermentazione non hai problemi perchè si satura di co2 ma poi questa tende ad allontanarsi, anche se molto lentamente dato che tende a restare verso il basso, non dovendolo mai aprire per travasare non dovresti avere problemi di alcun tipo! ma se compri un fermentatore da 50 litri per produrre 25 litri di birra non ha molto senso! se invece fai 40 litri vai di troncono!


  8. c'è sempre i rischi di infezioni in quanto i travasi non sono mai a tenuta ma c'è uno scambio di aria, senza contare le mutazioni e la feccia che ti porti dietro.. poi se vuoi provare ci sono molti utenti del forum che lo fanno senza tutte ste seghe mentali e hanno ottimi risutati!!


  9. SicuramenteE la qualità  dei cereali destinati ala fioccatura è interiore rispetto agli stessi che saranno maltati, tuttavia è probabile che provengano dallo stesso campo ma vengano selezionati perché di dimensioni o contenuto non uniforme al resto! Il presso poi è molto inferiore su un rivenditore che al super

  10. non dovrebbero essere tutti identici? gelatinizzati a vapore e stirati nei rulli caldi?

     

    Il procedimento è identico ma è il tipo di coltivazione che cambia; per la birra si preferiscono con meno glucani e quindi il cereale viene bagnato di meno in campo per non svilupparne eccessivamente, mentre per i  "dietetici" ne sono richiesti di più e quindi si usa più acqua! 

     

    Un altra causa del problema del test negativo è un ph non idoneo alla lavorazione degli enzimi! vedremo come attenua per capirne di più


  11. secondo me il problema non deriva da come hai effettuato il test ma dal fatto che anche alcuni betaglucani polimerizzati( e avendo usato un kg di fiocchi d'avena ne avrai di certo un be pò ) creano un elica come l'amilosio che fa risultare positivo il test dello iodio! non avendo fatto una sosta per questi zuccheri credo che il problema dipenda proprio da quello!!

     

    ma per completezza è meglio sapere se il pils era vecchio ( pochi enzimi )

    i fiocchi li hai acquistati da un rivenditore per birra o in qualche negozio ? perchè ho provato i fiocchi acquistati in un negozio bio e mi davano lo stesso probema!

×
×
  • Create New...