Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Ar-Es

Utenti Registrati
  • Content Count

    1.176
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Posts posted by Ar-Es


  1. Grazie della conferma e del consiglio :) , preferirei però essere autonomo senza chiedere favori ogni volta che devo infustare.

    La chiave che ho fatto è molto artigianale, ma funziona benissimo, non ho nessun problema a scaricare pressione e a svitare lo spinone. L'incastro a baionetta è solido e sicuro, il perno centrale scende avvitando la barra filettata per aprire valvola e sblocchi, e quando non c'è più pressione svito usando una chiave a pappagallo. Costo totale, meno di 10 euro, contro i 200 della rete. Di quella sono molto soddisfatto

     

    sotto.jpg

    lato.jpg

     

     

    aperto.jpg

     

    Il mio dubbio riguardava la compatibilità  delle misure, e soprattutto la sanitizzazione dello spinone. Credo che dovrò farla attraverso un attacco apposito, ma mi piacerebbe una conferma...

     

     

    sei un genio del male!! haahahah per sanificare acqua e peracetico, per scrostare soda a 75 gradi o olio di gomito..

    non ho però capito che compatibilità  vai cercando, se con il prodotto non avrai problemi, i fusti tengono la pressione e il materiale per alimenti

    • Like 1

  2. Prima di tutto dovresti vedere come ti sei beccato l'infezione, se l'hai beccata con lievito nuovo non mi metterei a sperimentare nel riutilizzo perchè evidentemente c'è una carenza di igiene in qualche fase..

     

    Io ho provato a conservarlo in vari modi, dalle petri con agar, al terreno liquido e in frezeer con glicerolo e nel riattivarlo non ho mai avuto problemi o infezioni; tuttavia bisogna lavorare il più sterile possibile avendo a disposizione un pò di attrezzatura, alcol e una fiamma! Da quello che ho letto usi le fiale, quindi penso proprio white labs, il mio consiglio è quindi quello di fare uno starter con metà  fiala aperta e inoculata in prossimità  di una fiamma ( che può benissimo essere un fornello ) e richiudere prontamente l'altra metà  dopo aver pulito con alcol in concertazione superiore al 25% il tappo, puoi anche usare un soluzione molto diluita di peracetico, ad esempio un paio di gocce in mezzo litro. poi lo rimetti in frigo e ovviamente quando vai a usarlo dovrai fare uno starter un pò più vigoroso.


  3. il frumento maltato ha più potere enzimatcio del malto d'orzo ma a complicarti la vita saranno i fiocchi di avena che al posto di quella maltata non ha glumelle e la segale che ha un sacco di composti gelanti come glucani e pentosani; l'efficienza bassa è scontata, per il BIAB non so dirti più di tanto perchè lavoro con l'all grain!


  4. ITALIAN PILS REVOLUTION AFTERNOON

    L'appuntamento di sabato questo, 12 aprile, si arricchisce dei dettegli, ed eccoli:

    16:00 -16:10 – STORIA DELLE PILS E SPECIFICHE DELLO STILE: dall’origine storica alle affermazioni delle tradizionali pils boeme e tedesche, alla peculiarità  delle pils moderne, per arrivare alle tipicità  tutte italiane
    16:10 – 16:30 – FOCUS SULLE MATERIE PRIME: il malto, il luppolo e il lievito delle pils, ognuno dei tre elementi spiegati in compagnia dei tre birrai presenti, per poi approfondire insieme il ruolo dell’acqua nell’alchimia delle 3 diverse ricette
    16:30 – 17:30: DEGUSTAZIONE DELLE TRE BIRRE:degustazione condotta dai neo diplomati UB di secondo livello con la supervisione per ogni birra dei diversi birrai che la producono.

    Dopo di che, Pils a fiumi alle nostre spine!

    Vi aspettiamo numerosi...


  5. se vuoi ti linko un pò di riferimenti che sto usando io

    - il manuale del birraio pratico

    - yeast: practical guide to beer fermentation

    - for the love of hops

    - brewing science and technologies

    - la chimica degli alimenti 

    - principles of brewing science

     

    più un sacco di altro materiale trovato online tra cui delle tesine americane molto interessanti


  6. Quoto Eferdore, un'imperial IPA avrebbe sia l'alta gradazione che la Massiccia luppolatura, ma da il meglio di se quando è ancora giovane e l'aroma di luppolo è ancora forte

     

     

    non sono per niente d'accordo, ti conviene provare la stessa birra a distanza di anche soli 6 mesi per capire come evolve e ne guadagna parecchio, Il luppolo al naso sarà  meno " fruttato" ma guadagna una nota quasi liquorosa che rende certe birre davvero interessanti!

    Altro fattore da tenere in considerazione per l'invecchiamento è la presenza di zuccheri riduttori e melanoidine. é un discorso che vale molto per imperial stout e porter, questi zuccheri subiscono dei cambiamenti impressionanti che evolvono il gusto notevolmente perdendo astringenza e guadagnando complessità 

    • Like 1
×
×
  • Create New...