Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

sollazzo

Utenti Registrati
  • Content Count

    200
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by sollazzo

  1. Ciao a tutti... Mi ripresento dopo praticamente 10 anni di assenza (mannaggia, si stava meglio nel mondo universitario che nel mondo lavorativo ). Tra impegni lavorativi e passione per la montagna il tempo è sempre meno e negli ultimi anni ho abbandonato l'homebrewing. In questo ennesimo lockdown mi son finalmente deciso a riprendere in mano il mio vecchio impianto all grain. Settimana prossima prevedo di fare una cotta: chissà se sono ancora in grado :)
  2. [quote]Messaggio di Giannox88 Ciao a tutti! Nei prossimi giorni ho in programma una waizen all-grain. Non ho mai provato a fare il priming con metodo krausening e volevo delle dritte sulla quantità di mosto da aggiungere. (per una waizen mi sembra di aver capito il 10% ma nn ne sono sicuro..) Il mosto da prelevare per poi effettuare il priming deve essere prelevato prima dell'inoculo dei lieviti giusto?? Un amico mi ha detto che solo una volta ha provato con questa tecnica, ma dopo le 2 sett di fermentazione, quando è andato a fare il priming, si è accorto che il mosto per il krausening puzzava e che quindi ha continuato con lo zucchero.. in seguito a questo avrei pensato che forse è possibile congelarlo il mosto, che ne pensate? Grazie a tutti!! [/quote] Non l'ho mai fatto e quindi non so le percentuali (anche se penso dipendano dal volume di c02 che si vuole: ci sarà sicuramente qualche formula a riguardo). Quello per certo che ti posso dire è: - assolutamente prelevare il mosto prima del lievito (lo scopo è di utilizzare qualcosa di zuccheroso che fermenterà in bottiglia: se prelevi dopo l'aggiunta di lievito questo si pappa tutti gli zuccheri); - lo prelevi e lo congeli. La sera prima che devi fare il priming lo togli dal freezer, lasci a temperatura ambiente che si scongela e il giorno dopo prima di usarlo per il priming lo fai bollire; Quello che non so per certo è se il mosto va prelevato dopo la fase di mash (quindi mosto non luppolato) o dopo quella di boil (mosto luppolato)
  3. [quote]Messaggio di rroby Sto cercando di procurarmi un mulino. Ho trovato in casa una macchina della pasta usata, di buona qualità ed avendo una certa pratica di lavori manuali e dopo essemi letto attentamente le disussioni in merito, avrei deciso di trasformarla in mulino per il malto. Ora, essendo i mulini a rulli seri troppo impegnativi economicamente, l'unica altrnativa sarebbe il Corona, che però mi pare riscuota gradimenti molto diversi. Vedo inoltre che diversi utenti sono passati dalla macchina della pasta al Corona quasi come in due step consequenziali. Ora, la domanda che vorrei porre è: ma vale la pena che mi sbatta per modificare la macchina della pasta o è comunque meglio spendere si 60 euri e passare direttamente al Corona?. Che ne pensa chi ha fatto entrambe le esperienze per favore. Specifico che mi vorrei dedicare al BIAB. [/quote] Ti dico la mia sui mulini (non faccio BIAB): presi inizialmente il marga per risparmiare e ci dovetti comunque fare la tramoggia e il supporto per il trapano. Dopo un anno di agonie mi sono preso il Crankandstein 2A (109dollari piu spedizione) e penso sia stato l'acquisto più azzeccato che abbia mai fatto nell'homebrewing. Questo per dirti che, opinione personale, tenderei a risparmiare su altre cose più fattibili da autocostruirsi e non "badare" a spese per un mulino serio (che sia il corona piuttosto che il crankandstein piuttosto che il barley crusher).
  4. [quote]nino22 ha scritto: Avuto problema simile ... ho provato a mettere una spirale dentro al bazooka e domenico vedrò che succede, se sono lento anche cosi allora mi sa che è macinazione. [/quote] Non penso sia il bazooka. Io uso il bazooka normalissimo senza averlo rinforzato con la spirale e non ho problemi (pentola da 110litri, con 60litri di mash e 16-20kg di malto). Con 7kg di malto non ci dovrebbero essere problemi di schiacciamento o altro. Magari evocattivo riesci a dire anche la ricetta?Hai usato fiocchi?
  5. mannaggia ne volevo uno anche io. mi sapresti dire dove li avevi recuperati?
  6. [quote]Messaggio di evocattivo ieri parto con la mia bella cotta di Tripel che somma in totale 7kg di malti vari. Tutto ok e arrivo ad ottenere 24 litri a 1072 nel fermentatore. Si ma lo sparging.... 2 ore e mezza per tirare fuori il nettare. Ok che la pentola da 25 è piccola, ok che il malto era tanto, ma è stata veramente una pena sta fase. E qui domando: ma non c'è davvero modo per agevolare un pò il drenaggio? E se usassi un pompa x "succhiare"? Una volta costituito il letto di trebbie non dovrebbe estrarre schifezze. O no? Chiaro che dovrebbe essere una cosa delicata [/quote] Come mai così tanto? Non ho capito bene qual'è il problema. Riesci a dare qualche info in più? Tipo: - Fly o batch sparge? - Tipo di filtro? - Quanto apri il rubinetto? Con 24 litri nel fermentatore ipotizzo che hai fatto bollire circa 33 litri. Per raccogliere 33 litri in preboil dallo sparge non riesco a capire come hai fatto a metterci così tanto (almeno che non ti sia intasato il filtro). Se fai batch sparge, puoi filtrare alla massima velocità . Se fai fly sparge, anche raccogliendo mezzo litro al minuto non ci dovresti mettere più di 70minuti.
  7. [quote]Messaggio di Andry4 sarà l'ennesimo post sull argomento ma volevo avere la certezza di non aver fatto caxxate... allora oggi ho lasciato le bottiglie in acqua e candeggina per un oretta... poi le ho sciaquate con acqua calda e ho messo un po' di acqua e metabisolfito....le ho tappate con la pellicola con ancora dentro il meta....e domani le sanitizzo con acqua e betadine.... va bene [/quote] ella*********! addirittura betadine??? Acqua e candeggina è più che sufficiente. Io uso 5ml di candeggina a litro con acqua fredda e dopo un oretta sciacquo solo con acqua. Più che sufficiente (sempre se ti tengono le bottiglie pulite, come ha detto giustamente t rex).
  8. Come fermentatori ci siam procurati questi da 100 litri [url]http://www.lamaplast.biz/tappo_a_vite__da_30_a_100_lt-7~1386.htm[/url] in totale dieci fermentatori. Abbiam avuto la fortuna di avere un conoscente che ci ha dato a disposizione un bagno abbastanza grosso di un appartamento dove stoccare il tutto. Le bottiglie son fortunato perché ho parenti e conoscenti di hotel che d'estate lavorano parecchio con congressi etc e me le tengono da parte (principalmente bottiglie da prosecco, tappo corona 29). Settimana prossima dovremmo imbottigliare (tutto in bottiglia, niente fusti perché come ho detto non ho mai provato e non mi va di sperimentare con tutta questa birra :D ). Dovremmo riuscire a portare i fermentatori la sera prima da un nostro amico e tenerli in cella a 4° un giorno e poi imbottigliamo e mettiamo tutto sempre da questo nostro amico che ha un sala grossa con temperatura controllata. Abbiamo fatto tre tipi di birra: - 400L circa di weisse (ricetta presa da Brewing Classic Styles) - 400L circa di birra al miele di castagno (ricetta mia prendendo spunto da questa [url]http://misterdoc.altervista.org/Siaselix.php[/url]) - 80L di stout (ricetta di un amico) Ci dovevan essere in ballo anche un paio di cotte di IPA ma abbiam avuto alcuni ritardi e abbiamo abbandonato. La produzione è andata bene tranne per un piccolo inconveniente avvenuto durante la prima cotta e che si è protratto per le rimanenti: il motorino per il tergi che ho (non avendolo mai testato con il nuovo impianto) non è in grado di reggere 60L di mash + 18Kg di malto. Abbiam dovuto procedere alla vecchia maniera [url]http://www.fercastore.com/images/NONE_CCCH_bf2.jpg[/url]
  9. [quote]cacio ha scritto: sul sito della blichmann indicano un valore di l/min, noi dopo qualche settaggio dovremmo essere sui 8/10. però a parer mio basta che non sia troppo forte, nel senso non schiacci i grani o sforzi fondo. fondamentale è pescare dall'alto tramite tubo che passa attraverso fondo. poi ogni impianto va a sé bisogna testare con varie cotte. @sollazzo: le pale nn servono, esempi che ho visto nn ci sono mai. per quanto riguarda la differenza tra hlt e mlt dipende sempre da tuo impianto e anche lì si prova e via. noi di solito quando inziaimo dobbiamo salire di 1-2 gradi e imposto nel hlt un grado in più. poi quando arriva alla T desiderata nel momento in cui vedo che magari sale dello 0,1-0,2 gradi abbasso leggermente hlt. nostro di solito è differenza dello 0,8 gradi, spero di esserti stato di aiuto [/quote] Thanks! Immaginavo che HLT andasse settato qualche grado in più: si perde sempre qualcosa nello scambio termico. Facendo qualche calcolo si potrebbe riuscire a farci un PID per la regolazione della temperatura di HLT. Appena finisco di sistemare il mio impianto penso ne farò uno herms con tre amici che vogliono cominciare anche loro. Pensavamo a circa 400litri di birra finita con sistema HERMS. Ma qui si parla di futuro: non cominceremo a farlo prima dell'estate prossima :D
  10. Comunque penso che anche il fatto di bollire vigorosamente o meno sia importante in fase di "calibrazione" dell'impianto per quanto riguarda la evaporazione del mosto. Se faccio una prova con bollitura vigorosa, suppongo che evaporerò più litri di mosto. Se poi durante la cotta non bollo vigorosamente, dovrei evaporare qualcosina meno e dovrei bollire un po' di più per raggiungere il volume post boil ideato e ciò comporterebbe un aggiustamento dei luppoli per le IBU.
  11. Ho due bustine di lievito liquido della wyeast già attivate da un paio di giorni, ma per motivi di tempo non posso utilizzarle fino a metà novembre. Domanda: come le conservo? Ormai sono belle gonfie. Le ripongo in frigor così? Ci faccio un starterino e poi metto in frigor? Varie/eventuali?
  12. Non faccio HERMS (ma sto pensando a passare ad HERMS) ma provo a ragionare per intuito. Innanzitutto penso dipenda molto dalla lunghezza della serpentina: più è lunga più dovrebbe scambiare calore. Se fosse sufficientemente lunga, ad occhio direi circa 6litri al minuto? Ipotizzando 18kg di malto circa e 60 litri di acqua di mash più o meno, con 6 litri al minuto in 10 minuti dovresti fare un ricircolo completo della pentola. Vorrebbe dire che per ogni rampa di temperatura in 10min riesci a portarla a quella temperatura. Ad occhio io ragionerei così, ma non avendo esperienza lascio ad altri più esperti risolvere il tuo problema :) A tal proposito, visto che si parla di HERMS, ho un paio di domande/dubbi: - ricircolando il mosto, le pale nel mash tun non servono? - la temperatura del recipiente dove c'è la serpentina per il riscaldamento deve essere qualche grado superiore alla temperatura desiderata? Per esempio, se voglio 66 gradi per il mash tun, se porto a 66 il recipiente dove tengo la serpentina il mosto si scalda veramente a 66gradi? O per esempio per arrivare a 66gradi devo scaldare a 68? In altre domande, quanto è efficiente la serpentina?
  13. Si si, niente impegni per le prossime due settimane. Poi comincio a lavorare: ho trovato lavoro dopo un mese e mezzo dalla laurea: per fortuna il mio settore non ha subito crisi. Avevo pensato ai fusti ma non avendo mai provato non volevo rischiare con 800 litri di birra :)
  14. Produrre birra come se i Maya avessero ragione: FATTO! Ovviamente non sono a scopo personale tutti questi litri: mi sono fatto ingabbiare con dei soci e ci han chiesto di produrre un po' di birra pagandoci le spese. La tripla cotta in giornata è veramente massacrante: dalle 6.15 alle 21 circa. Per fortuna eravamo in tre. La doppia cotta in confronto è una passeggiata. Tutto sommato sono state belle giornate in compagnia. Il peggio purtroppo deve ancora arrivare: imbottigliare tutto questo benessere [xx(]
  15. Secondo voi è da malati produrre 850L di birra in dieci giorni con un impianto da 80/90 litri di birra finita? Ma soprattutto, produrre tre cotte in una giornata? Devo cominciare a preoccuparmi?
  16. [quote]dueerre ha scritto: [quote]Sbraga87 ha scritto: Non mi dilungo che Vale ha gia scritto il sunto. Sono stato un po frainteso, non volevo andare a finire alla fisica e chimica dei liquidi:D Ribadisco come quella da me vista, era una situazione in cui sollazzo peccava di potenza ai fornelli, in quanto oltre che essere minore la T, non bolliva proprio, come da lui citato in finale, post risoluzione. Non ho replicato riferendomi ad una bollitura presente ma poco vigorosa, ma ad una non bollitura ( se cosi erroneamente la posso chiamare). Sono comunque lieto che abbia risolto, a prescindere da quello che era, visto che seguo un progetto molto simile al suo ( autocostruzione). Ciao a tutti [/quote] mi son perso, come ha risolto? [/quote] Ho messo un regolatore ad alta pressione con "valvolina" di regolazione e relativo manometro. L'ho settato praticamente a poco meno di 0.1bar
  17. [quote]X84ANDREA ha scritto: non mi piacciono in quanto hanno capacità parassite, resistenze ecc ecc Certo se hai già gli altri ingressi analogici usati allora è una buona strada, alternativamente si potrebbe usare un relè. Mentre un termometro andrebbe sempre calibrato, ma la risoluzione è data dal convertitore, che ad esempio nei pic è di 10bit, questo porta ad avere una risoluzione di 5mV in ingresso, quindi bisogna condizionare il segnale in maniera da poterlo leggere il più comodamente, questo appunto lo fai con uno-due operazionali. Cmq anche se non è poi tanto lineare potresti linearizzarlo via software, ma necessiti di temperature precise per tarare il termometro! [/quote] io per la taratura avevo fatto così: - il primo punto di calibrazione al posto della pt100 ho collegato una resistenza da 100ohm, supponendo che sia il punto di calibrazione per 0 gradi e mi sono segnato i valori analogici rilevati; - per il secondo punto di calibrazione, ho collegato la sonda e portato un campione d'acqua a 36 in modo da poterlo misurare con accuratezza con un termometro da febbre e anche qui mi sono segnato i valori analogici rilevati; - mi sono quindi calcolato i coefficienti della retta. Portando successivamente il campione a 40 gradi (sempre misurato con il termomemtro da febbre) applico una correzione alla temperatura rilevata dalla sonda (dal momento che 100ohm a 0gradi non è proprio così esatto come punto di calibrazione). La correzione che ho applicato è di circa 0.3 gradi. Non è proprio il massimo, ma si desidera ottenere una precisione di circa mezzo grado il sistema funziona: le misure rilevato dalla mia pt100 confrontate con il termometro analogico sono pressoché identiche (per il nostro scopo)
  18. [quote]X84ANDREA ha scritto: non mi piace... il multiplexer porta problemi... io sarei per tutto analogico fino agli ingressi analogici di arduino... senza il buffer, cosi si usano solo due operazionali! [/quote] Io ho usato il multiplexer perché altrimenti non avevo abbastanza input analogici (ho anche i sensori di pressione). Comunque perché dici dovrebbe portare problemi? Per il resto, capendone poco di elettronica operazionali etc etc mi sono affidato a qualcosa di già pronto. Sicuramente si può fare in altri modi :) Come l'avevo fatto io era abbastanza preciso: la precisione al decimo non la so, ma facendo un po' di test con il termometro analogico che usavo prima mi segnava la temperatura giusta. In sostanza con quel circuito c'è da fare una calibrazione con due temperature note e tracciarne praticamente la retta (supponendo la linearità da 0 a 100° della pt100)
  19. [quote]Green House ha scritto: Non capisco perchè state a farvi queste "seghe mentali": il punto di ebollizione di un liquido è quando in una sostanza abbiamo la coesistenza di stato aeriforme e liquido contemporaneamente. Se ci sono delle bolle gassose che risalgono in superficie creando moti convettivi, allora la sostanza sta effettivamente bollendo. Per esperienza personale, posso dirvi che a volte il nostro termostato segna di solito 98.5°C in bollitura, altre volte meno e altre volte di più. Mai visto sopra i 99°C. Non mi preoccuprei del valore della pressione, a meno che non brassiate a 2000 m. :D [/quote] La mia sega mentale però era fondata: ora bolle, prima non ci arrivava. Ora bolle sui 98 gradi, prima non mi andava oltre i 96 :)
  20. questo è il circuito che ho utilizzato io per le pt100 con arduino. [url]http://openenergymonitor.org/emon/node/75[/url]
  21. [quote]LedrosesHB ha scritto: la mia ci ha messo un ora e 15 per freddare 100 litri di mosto con il controflusso vi sembra normale? [/quote] Mi sembra un po' tantino: io la mia per raffreddare 80/90 litri ci metto circa 40 min e porto alla temperatura di 25 gradi circa. A che voltaggio la fai girare? Che serpentina hai?
  22. ora si che bolle come dio comanda!!!! ho un altro problema ora però: la bombola implora pietà XD penso sia ora di fare l'allacciamento al metano. costa troppo una bombola :D
  23. [quote]Sbraga87 ha scritto: Appena appena aperto il riduttore e il fornellone strilla :) Io la bollitura con quel coso la faccio pure col fornello piccolo da 5,5, pur avendone uno piu potente. Fai una prova con acqua, con l'occasione ti ricalcoli i livelli di evaporazione. Io consumo 7 litri l'ora, prima solo 5. Ciao [/quote] Infatti avevo preso un fornello da 7.5kw perché pensavo fosse quello il problema ma mi sa che riesco a fare tutto con quelli da 5.5kw. Oggi rifarò una prova di bollitura mentre faccio il mash
  24. [quote]Sbraga87 ha scritto: Sembra il mio vecchio. Secondo me con due spicci ti compri quell'altro e a prescindere dal fatto che il tuo problema fosse stato questo o meno, apri il bruciatore che è tutta un'altra storia :D [/quote] Penso proprio di aver trovato il problema: ho preso un regolatore ad alta pressione e ora i fornelli sembrano le fiamme dell'inferno !!! c***o se cantano :D Anche gli altri due da 5kw cantano che è una meraviglia. L'ho regolato proprio al minimo: il manometro segna 0.1 bar. Almeno riesco a regolare bene la fiamma tramite il rubinetto del fornello. Domani cotta. Sono sicuro che ora avrò una bollitura decisamente vigorosa. Per ora grazie mille: mai avrei pensato al regolatore (che capra che sono) :)
  25. [quote]Sbraga87 ha scritto: Ti ho chiesto del riduttore, perchè i comuni riduttori che danno in dotazione con la bombola non mi permettevano di aprire bene la fiamma sul fornello da 9kw, sono quelli di chi usa la bombola in cucina per capirci. In quei casi non sfrutti a pieno un fornello della tua potenza, che ripeto è buono per bollire quei volumi. Ho completamente risolto problemi di vigorosità della fiamma con un riduttore ad alta pressione, tipo questi [url]http://www.ebay.it/itm/RIDUTTORE-GAS-GPL-ALTA-PRESSIONE-FORNELLONE-BARBECUE-/160809027833?pt=Altro_per_Bricolage&hash=item2570f708f9[/url] [url]http://www.ebay.it/itm/REGOLATORE-ALTA-PRESSIONE-PER-FORNELLONI-GAS-GPL-/160425557316Tengo[/url] due fornelli insieme e se non taro bene il riduttore e non sto attento quando apro viene na fiamma alta quanto me, certo deve lavorare "gentilmente" non deve friggere, e la fiamma deve rimanere blu. Così mi hanno detto gli esperti a cui ho posto il problema. [/quote] Ho visto il regolatore: 30mbar. Devo cambiarlo?
×
×
  • Create New...