Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

ciccio81

Utenti Registrati
  • Content count

    372
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

27 Eccellente

About ciccio81

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 13/02/1981

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Ciao a tutti, volevo provare a carbonare un fusto di birra con C02 (quindi senza rifermentare). Qualcuno ci ha già provato? Ho a disposizione un fusto in acciao da 20 l, la testa di spillatura, la bombola di C02 e il relativo manometro. Posso semplipemente saturare il fusto ad una determinata pressione ed aspettare qualche giorno che la birra si carboni? A che pressione devo mettere il fusto in relazione a volumi di C02 richiesti? Ho infatti sempre ragionato con volumi C02 litro mentre il manometro ha un indicazione di pressione in BAR. Che relazione c'è tra le due grandezze? Dipende dalla temperatura? Scusate per le mille domande
  2. Ciao, io l'ho preso. Sinceramente è un bel libro, stampato molto bene con tante fotografie. Riguardo hai contenuti, molto deludente la parte rfelativa alla produzione carina invece la parte dedicata alla storia dei vari birrifici. Il costo non è basso anche se la qualità del libro in parte lo giustifica. In ogni caso io mi aspettavo altro e se tornassi indietro non lo riprenderei.
  3. ciccio81

    Fermentazioni Non Corrette?

    kit, E+G o All Grain? Inoculi a 24 ma poi a che temperatura arrivi in fermentazione? Ti succede solo nelle ultime o da sempre? OG delle birre? Ricette? In bottiglia trovi lo stesso difetto o è solo nel mosto? Con così poche info è molto difficile capire dove è il problema. Chiaro che i 24 ° non ti aiutano e come suggerito dovresti attrezzarti....
  4. ciccio81

    Ipa Day Da Hammer

    e per quanto riguarda: "limitare i malti crystal (ed i malti speciali in genere)" hanno dato altri spunti/consigli?
  5. Veramente un bel progetto! Complimenti
  6. Nelle 3 settimane ne consideravo 1 per la fermentazione, 1 per eventuale dryhopping e ultima per crash cooling. La parte di maturazione avviene dopo che hai confezionato (fusti e/o bottiglie) se usi unitank oppure direttamente nel maturatore/spillatore se spilli direttamente da li. Il punto è quindi se conefzioni il prodotto o lo lasci a maturare nei tini di maturazione. NEll'ultimo caso il tempo di permanenza si allunga molto
  7. No, il tempo è praticamente lo stesso. Semplicemente invece che occupare per il 100 % del tempo un Unitank, utilizzerai all'inizio il fermentatore e poi il maturatore. Con Unitank puoi fare sia alte che basse.
  8. Le differenze sono 3 -Costo: Per ottenere la stessa capacità di cantina l'unitank è mediamente più costoso -Processo: Con unitank non hai bisogno di fare travasi -Versatilità : Il maturatore può essere utilizzato per spillare direttamente Entrambe le soluzioni hanno pro e contro. Ti segnalo un link interessante sull'argomento: http://www.aitbm.it/rivista.php?cat=16
  9. La quantità di birra che riesci a fare con un impianto da 2.5 Hl può variare molto e dipende da quanto tempo ed energie hai da dedicare. Numero di cotte che i birrifici fanno a settimana può variare molto. C'è chi fa 1-2 cotte a settimana chi ne fa 4 in una giornata di lavoro. Dipende da te e da quanta birra hai bisogno e quanti soldi hai quando compri l'impianto. Se dovessi fare un conto io farei il seguente ragionamento: Per dimensionare sala cottura -Valuterei quanta birra ho intenzione di fare e soprattutto di riuscire a vendere. Magari prendendomi un pò di margine per poter crescere in futuro -Con questo quantitativo e il tempo che vuoi puoi dedicarci capisci subito se con un 2.5 Hl ce la puoi fare. Se dovrai fare mille cotte al mese oppure se è ragionevole. Considera che ci sono anche periodi di picco di richiesta e magari di picco di lavoro in pizzeria Per i fermentatori/maturatori: -Ogni fermentatore è occupato per un periodo di 3 settimane. Tempo da quando fai cotta a quando il prodotto è pronto per essere confezionato oppure mandato a maturatori spillatori. -Quindi ogni fermentatore in un anno potrebbe produrre (sempre che lo si tenga sempre in funzione) 18 "cicli" di produzione. Più realisticamente 15 Da queste due valutazioni ne esce il numero di fermentatori che ti servono e il numero di cotte che con un impianto da 2.5 sono necessarie. Poi da qui ci sono mille possibilità . Avere fermentatori che contengono solo una cotta oppure più grandi magari con un rapporto costo/capacità più vantaggioso. Confezionare il prodotto in fusti (e magari qualche bottiglia) o spillare direttamente dai maturatori. Scegliere una sala cottura piccola e fare molte cotte o una grande e farne molte meno ecc ecc Il punto di partenza però è sempre lo stesso. Quanta birra devi fare e soprattutto pensi di vendere. Purtroppo però è la cosa più difficile da stimare e su cui gli errori di valutazione ti possono costare molto cari. Spero di esserti stato d'aiuto.
  10. ciccio81

    Fusti Pet

    Non penso che possano essere comprati dai privati. Gli unici che ho visto erano della poretti e davano al "publican" (se si può parlare di publican uno che spilla poretti..) in comodato d'uso,con contratti e annesse penali, il sistema per comprimere il fusto. Anche trovando i fusti, dubito che recupererai l'impianto per spillarli. PEr tanto così, prendi key keg che vendono anche a privati e ti basta un attacco (anche quello venduto sul sito) e un compressore con manometro.
  11. ciccio81

    Fusti Pet

    Ciao cosa intendi con fusti pet? Petainer? http://www.mr-malt.it/attrezzature/fusti-e-accessori/petainer.html Per questi serve comunque la CO2. I fusti che spilli con aria compressa (o addirittura acqua) sono i keykeg: https://www.keykeg.com/it/home?gclid=CPSL5d7on8sCFSsz0wodbEICzQ
  12. Alcuni maturatori hanno delle sacche usa e getta interne tipo i fusti keykeg. Quando spillano introducono Co2/aria compressa/acqua nell'intercapedine tra acciaio e la sacca con una pressione leggermente superiore a quella della birra. In questo modo la birra non è a contatto con niente e si conserva di più. La regolazione della pressione è molto simile a quella di un comune impianto di spillatura. Altri invece sono normali tini e per spillare introducono CO2 o carboazoto. Chiaramente in questo caso la shelf life è più corta ma se non si spilla non è un grosso problema. Solitamente i birrifici hanno maturatori senza sacca per questo motivo e sopratutto perchè costano meno! Se la carbonazione viene fatta naturalmente (spunding, krausening o priming) conviene farla in fermentatori isobarici. Almeno la birra che finisce nei maturatori è pulita. Basta regolare il gorgogliatore alla pressione che interessa avere. Poi però si deve travasare con un sistema isobarico (non tutti sono in grado di farlo). Se invece la carbonazione è forzata (aggiunta di CO2 da bombole) si può fare sia in fermentatore che in maturatore.
  13. ciccio81

    Impianto 50 Lt Speidel Braumeister

    Vendi anche separatamente?
  14. Mi sembra che ci siano 1000 post su gushing, su gorgogliatore che non gorgoglia, tecniche di sanitizzazione ecc ecc ma non molti su ossigenazione con ossigeno puro.... Almeno quando ho aperto questo post non ne avevo trovati.... In ogni caso capisco il problema della ridondanza di certi argomenti. E' fastidiosa e controproducente per il forum. Però invece di fare polemica non è più sensato suggerire dei post dove il problema è già stato affrontato e magari suggerire a moderatori di chiuderlo?
  15. Ciao dragonlord, si il post è vecchissimo e probabilmente non ha più senso discuterne ora. Nel frattempo io ho (cercato) di studiare e Tyrion ha perso il suo lavoro al CERN (mi spiace proprio)! La mia polemica si inseriva in un contesto diverso in cui io e tyron avevamo avuto qualche battibecco sullo stesso argomento. Leggendo solamente questo post probabilmente ti è risultata eccessiva e offensiva nei riguardi di un utente che fa molto per il forum. Qui non c'è nessuna vena ironica. Lo penso veramente! Quindi direi che la questione relativa a questo post almeno dal mio punto di vista è chiusa . Quello che volevo sottolineare in passato e che secondo me non è ancora più che attuale in questo (e in altri forum) è un certo tipo di atteggiamento che non capisco e non codivido. Se una persona chiede è perchè non ha trovato l'informazione altrove. Questo può essere per vari motivi tra cui anche come sottolinii tu la pigrizia. Mi chiedo però che senso ha perdere tempo a rispondere per dire solamente studia! Gli unici tre atteggiamenti che mi sembrano costruttivi sono: 1-Cerchi di rispondere alla domanda anche se la reputi stupida o ripetitiva. Qui capisco che ci voglia molta ma molta pazienza. 2-Gli suggerisci dove trovare la risposta 3-Ignori allegramente la richiesta. Ci penserà qualcuno più paziente a rispondere o al limite qualche moderatore a cancellare il post per ridondanza. Sono l'unico che pensa che questa cosa va contro lo spirito di un forum che nasce per condividere informazioni e esperienze?
×