Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

GeCofreE

Utenti Registrati
  • Content count

    865
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

2 Neutra

About GeCofreE

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 31/01/1982

Profile Information

  • Sesso

Contact Methods

  • Interessi
    Homebrewing Fotografia Acquariofilia Calcetto
  • Occupazione
    Impiegato
  1. Ti ha già detto tutto metalk7
  2. ciao a tutti... beh...non è una e vera presentazione...diciamo che è un ritorno... sono circa 4 anni (forse di più) che non scrivo...e altrettanti che non faccio più birra a casa per vari motivi di forza maggiore che non sto a spiegare... comunque ora, pian piano sto riprendendo...e diciamo che al momento, non potendo permettermi altro, ho "reiniziato" con i malti preparati...
  3. come da oggetto vendo il dominio internet http://www.birrificando.com il dominio è sito in un host condiviso, scade il 25/09/2013 ecco le caratteristiche: spazio web; 1 accesso FTP; Web file manager; supporto file RealAudio(1) e RealVideo(1); supporto CGI utente; supporto PHP; spazio per la posta elettronica; 30 account MAIL POP3 (vi potete quindi fare la vostra mail personale @birrificando.com) infiniti alias e-mail; accesso POP3 indipendente dalla connessione utilizzata; accesso IMAP4; accesso webmail; server SMTP personale con accesso protetto; filtro antivirus e antitrojan(3); filtro antispam avanzato capace di eliminare oltre il 95% di posta indesiderata senza falsi positivi(4); fino a 4 database MySQL; accetto offerte... siccome sono latitante nel forum scrivetemi un mp o meglio ancora mandatemi una mail a luca.dalben@gmail.com
  4. ok...ora andrò a recuperarmi il libro di bertinotti che ho prestato ad un amico e mi metto a leggere meglio... vi chiedo una info iniziale da ignorante: la birra deve avere immagino un ph di un certo valore con un certo scarto...questo valore è costante o cambia a seconda dello stile di birra? per correggere il ph, cosa uso? immagino acido citrico se è troppo alto...e se è troppo basso? quando va misurato? se faccio una correzione quanto devo aspettare per rieffettuare il test? io ho un ph-metro digitale che dovrebbe misurare a 25°C...se parliamo di mosto la temperatura sarà superiore...secodo voi è un problema o il marine di errore è minimo?
  5. allora...sui secchi vai di WB06...è l'unico per le weizen... che poi non sia entusiasmante son d'accordo...però è l'unico secco
  6. no...non controllo il ph...dite che sia il caso di iniziare??
  7. riprendo il post... qualcuno ha idea del perchè SOLO questi 2 tipi di birra mi vengono fuori con un acido spiccato? col tempo poi diventa quasi imbevibile... escludo infezioni...sono carbonate giuste e non schizzano a fontana quando le apro...e poi purtroppo le riconosco le infezioni :-(
  8. mmm...ok... il problema nasce dal fatto che non avrei spazio per tenere il fermentatore in un frigo e per 1 mese in garage mi secca... e se mettessi il fermentatore solo 6/8 ore in congelatore e poi imbottiglio? lasciando le bottiglie in garage per alcuni mesi a temeprature fra 6 e 10°C?
  9. allora, premetto che ricordo di aver letto tempo addietro un post che ne parlava, ma non riesco a reguperarlo, quindi se lo riuscite a trovare vi prego di segnalarmelo. detto questo, è fattibile sostiruire le 3 o 4 settimane di lagerizzazione a 5/6 °C con 2 giorni di fermentatore in congelatore? se no, perchè?? thanks...
  10. sorry...nella fretta ho scritto 9, ma volevo dire 6...6.30 euro per essere precisi...
  11. dico anche io la mia: faccio una premessa, ho 30 anni e da 26 convivo con una malattia cronica che mi fa prendere medicine 4 o più volte al giorno. senza entrare nei dettagli, che non mi va poi tanto, racconto la mia esperienza: 5 mesi fa ho conosciuto per caso un ragazzo che ha il mio stesso problmea, ma meno marcato del mio, e mi ha detto come con un'alimentazione BIO e regolata sia riuscito ad eliminare quasi il 95% della quantità di medicine che prendeva. Non ci credevo, ma ho provato...non avevo nulla da perdere... sono sempre stato convinto che il "bio" fosse uguale ma che costasse di più...beh...niente di più sbagliato. in 3 mesi ho ridotto di 1/4 le medicine che prendo ogni giorno e anche il controllo della malattia ne ha giovato tantissimo (in 26 anni non ho ricordi di aver mai avuto valori tanto buoni) mi sono appoggiato ad un'associazione del mio paese, un GAS (Gruppo d'Acquisto Solidale) dove non solo si risparmia acqusiatndo in gruppo, ma vi è un'attenzione alla qualità e alla provenienza del cibo. Fanno parte dell'associazione anche un veterinaio specializzato in allevamenti di "grandi bestie" (passatemi il termine) ed un biologo specializzato nel trattamento di coltivazioni biologiche. con il loro aiuto siamo riusciti a trovare produttori che vendono prodotti veramente BIO e "smascherato" chi invece di BIO aveva solo l'etichetta o poco più... quindi, è vero che non tutte le etichette BIO siano tali (lo fanno per speculare) ma è altrettanto vero che un prodotto BIO fa molto meglio alla salute. Premesso questo, no mi son mai pensato di utilizzare il malto bio che trovo nel mio supermercato di fiducia per la birra...l'ho acquistato un apio di volte per fare dei dolci... leggendo però il post (soprattutto la parte iniziale, non la diatriba...) mi son detto che ne vale la pena provare... oggi ho comperato un vasetto di malto d'orzo liquido da 900 grammi a 9 euro...farò una mini birra di prova... è ovvio che a livello di prezzi siamo ben lontani da quelli a cui siamo abituati, e quindi che a livello casalingo siamo comunque "tagliati fuori" altrimenti si spendono 40 euro per far 20 litri di birra... farò una ALE...vedremo che ne salterà fuori
  12. ciao... il peated dicono sia abbastanza invadente e per questo usarlo non più del 5% sulla ricetta...io mi sono spinto fino al 10% circa. complice anche una buona luppolatura (ho fatto una specie di Ale in stile inglese...) è risultato piacevole e con un aroma di torbato (tipo speck) molto presente sial all'olfatto che al gusto... io ne ho usato 450 grammi su 5600 grammi totali + 300 grammi di fiocchi...oltre non andrei...
  13. tieni conto che l'estratto fermenta meno e quinid hai una FG più alta....1020 per una stout son tanti...ma se fra 2 giorni non scende fai come dice Phate e imbottiglia....hai comunque una stout da 4.6°
  14. Vale...stai a milano...se non ci mettono il cloro ti trovi le alghe che ti escono dal rubinetto... forse non le hanno scritte perchè dentro ai valori standard, ma fidati che ci sono...il cloro c'è ovunque, in qualsiasi acquedotto, altrimenti l'acqua ti verrebbe fuori verde per il proliferarsi di microalcghe unicellulari, combattute appunto con il cloro...
  15. allora, per quanto riguarda il cloro ti confermo che se lo lasci circa 24/48 ore (dipende anche dalla superficie a contatto con l'aria) evapora almeno un buon 70% poi, io da acquariofilo come altro hobby, uso anche un sistema autocostruito che ho preso da una guida in un forum di acquari ti metto il link http://www.acquaportal.it/_archivio/articoli-3/depuratore.asp questo praticamente elimina totalmente il cloro e gli NO3 (che nel caso della birra ce ne potremmo anche fregare, ma se son bassi male non fanno)