Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Johnblue

Utenti Registrati
  • Content Count

    172
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Johnblue

  1. Le basse attenuazioni possono non essere causate unicamente dalla svogliatezza dei lieviti, ma anche da una elevata quantità di zuccheri scarsamente fermentabili nel mosto, bisogna vedere qual'è il problema.
  2. Hai ragione, un mese non è molto alla fine, ricordo l'ultima saison che ho fatto, per attenuarla sufficientemente ho dovuto penare un bel pò e a temperature molto più alte. Infetta non direi almeno non dal sapore nè dell'odore, ma la sentenza la darà il bicchiere tra qualche mese. Ossidata forse un pò, visto che ho dovuto riossigenare a più riprese per far riprendere la fermenatzione dopo le varie interruzioni. La scarsa attenuazione in effetti è un problema che affligge tutte le mie produzioni e che mi crea l'incognita più sentita in assoluto, maggiore anche di quella della bassa estrazione, non riesco a capire il perchè, (anche se probabilmente si tratta di scarsa ossigenazione) ma i lieviti quando varcano la mia soglia di casa diventano inevitabilmente dei fannulloni. La prossima cotta utilizzerò il tuo metodo, letto in un altro topic, di ossigenazione con trapano e paletta forata e vediamo se così si daranno da fare. Per la lettura ho usato il densimetro. Tu usi il rifrattometro per la misura del FG? Nel qual caso come ti trovi? Ciao
  3. Visto che concordo pienamente con il finale educativo/divulgativo definito nel topic: [url]http://forum.areabirra.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=7971[/url] Sono qui a postare gli ultimi aggiornamenti riguardo la mia Tripel. Ieri finalmente ho imbottigliato, dopo ben 6 settimane di travaglio [:0] FG 1020, AA-72% Poteva fare meglio, ma alla fine non è andata male. Per il sapore ne riparliamo dopo le vacanze. Quali possono essere gli effetti sul prodotto di un fermentazione così lunga?
  4. Ci sono molti articoli su questi prodotti, uno per tutti: [url]http://www.cronachedibirra.it/notizie/1583/distillati-di-birra-questi-sconosciuti/[/url] Personalmete ne ho assaggiato uno, circa 40° abbastanza simile ad una grappa.
  5. Vasca da bagno anch'io, circa gli stessi tempi. Ancora un graffio allo smalto e mi troverò a raffreddare sotto un ponte :(
  6. [quote]clau ha scritto: serve per togliere l'ossido... è vero che il rame si passiva ma se la serpentina esce lucida dalla bollitura è perchè il mosto leggermente acido ha sciolto l'ossido.. [/quote] Se è per togliere l'ossido dalla serpentina, basta utilizzare del comune aceto con un panno prima di utilizzarla, torna immediatamente come nuova. Strano però che il mosto abbia un pH tale da rimuoverti il film di passivazione..
  7. Oggi ho assaggiato la porter (n° 6 per gli amici) della Baltika e devo dire che ne sono rimasto piacevolmente sorpreso. Sulle prime ero un pò scettico su ciò che avrei versato nel bicchiere una volta aperta la bottiglia, ma devo dire che già alla vista e all'olfatto questa birra del freddo nord non mi è sembrata per niente malaccio. Scura, con una bella schiuma, anche se non troppo persistente, un buon aroma tostato come si conviene allo stile, il tutto confermato in bocca insieme ad una buona nota di caffè. Alla fine sono rimasto così incuriosito da questo prodotto a me sconosciuto che ho preso anche una bottiglia di 4 che testerò nei prossimi giorni. Qualcun altro ha mai assaggiato questi prodotti e vuole condividere la sua esperienza?
  8. Gli acidi trans-iso alfa derivano dall'utilizzo del luppolo e sono responsabili dell'amaro della birra. A causa però di alcuni fattori, tra cui la temperatura possano degradare, dando vita a prodotti ciclici che generano sapori sgradevoli. Direi che hanno scoperto l'acqua calda, anzi.. la birra fredda. Unico vanto, è dato dal fatto che hanno capito la dinamica di reazione, visto che la comune saggezza fa si che tutti sappiano che la birra tenuta al caldo assume un pessimo sapore: ora grazie a quest scenziati sappiamo pure il perchè. Questo è il link della ricerca per gli interessati: [url]http://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/jf104392y[/url] PS Ghiacciata ti spacciano per birra anche la trielina
  9. Bene, dopo 5 giorni nei quali ho aumentato la temperatura a 23-24°C la fermenatzione ha deciso finalmente di andare in porto, ieri ho misurato la densità : risultato 1022, se scende ancora qualche punto rientro perfettamente nel range di attenuazione del lievito.
  10. [quote]evocattivo ha scritto: [quote]Johnblue ha scritto: Esiste già la birra alla canapa, la produce un brewpub di Vienna in cui mi sono imbattuto qualche anno fa. Ovviamente usano le varianti legali della pianta, quindi no thc come specificato nella descrizione della birra. [url]http://www.7stern.at/en_index.html[/url] [/quote] si ma non sa di "cugina" [8D] [img]https://lh3.googleusercontent.com/_tgonp6CC7xg/TPX15chgfjI/AAAAAAAAE-Y/yXmTHF7qtUI/s400/IMAG0210.jpg[/img] [/quote] Ti dirò di più... non sa proprio di niente [:256]
  11. Chimica degli alimenti di Cabras l'ho letto e devo dire che l'ho trovato interessante anche se purtroppo breve, visto che solo una quarantina di pagine sono dedicate all'argomento birra. D'altra parte però sono descritte con dovizia di particolari molte informazioni anche prettamente tecniche sulla ''chimica della birra'', nonchè alle lavorazioni collegate, partendo dal chicco e finendo alla ''bionda''.
  12. Esiste già la birra alla canapa, la produce un brewpub di Vienna in cui mi sono imbattuto qualche anno fa. Ovviamente usano le varianti legali della pianta, quindi no thc come specificato nella descrizione della birra. [url]http://www.7stern.at/en_index.html[/url]
  13. [quote]rico kaboom ha scritto: [quote]Johnblue ha scritto: @Rico Primo inoculo busta da 50 ml datato 10 mesi dalla produzione. Ho fatto uno starter da 1/2 litro il giorno precedente alla cotta. Secondo inoculo, busta da 125 senza starter. Ovviamente per un volume di 23 litri. Ok proverò ad innalzare la temperatura e vediamo che succede. [/quote] Domanda banale ma non scontata: ovviamente hai aspettato che si gonfiasse la busta prima di inoculare il lievito nello starter e nel mosto vero? Comunque lo starter mi sembra scarso visto l'alta og avresti dovuto farne molto di più[/quote] Si le buste erano belle gonfie. Hai ragione avrei dovuto fare almeno un paio di litri di starter. :( La cosa strana però è che anche dopo il secondo inoculo con una busta da 125, la fermentazione pur ripartendo si è fermata ugualmente quasi subito. Non so che pensare :(
  14. @rico o chiunque conosca la risposta. Per quale motivo il protein rest col Pale è sconsigliato o addirittura controproducente?
  15. @Rico Primo inoculo busta da 50 ml datato 10 mesi dalla produzione. Ho fatto uno starter da 1/2 litro il giorno precedente alla cotta. Secondo inoculo, busta da 125 senza starter. Ovviamente per un volume di 23 litri. Ok proverò ad innalzare la temperatura e vediamo che succede.
  16. La Tripel che ho praparato 2 settimane fa mi sta dando più grattacapi di quelli che avrei immaginato. La ricetta e il modus operandi sono i seguneti: 6Kg di Pale 150 gr Crystal 50 g di Chocolate 800 gr di zucchero caramellato Protein rest a 50°C per 30 min Mash a 68°C per 60 min Mash out a 75°C per 15 min Sparge a 78°C L'efficienza non è stata un gran che ma come seconda cotta del nuovo impianto devo accontentarmi. L'OG era di 1072, fermentata col Trappist HG a 19°C dopo dieci giorni dava ancora 1040 di densità , mentre mi sarei aspettato almeno 1020. Premetto che sia l'odore che il sapore non sembrano aver niente strano, ma si presenta effettivamente torbida. A questo punto visto che il lievito che avevo usato era un pò vecchiotto ho inoculato nuovamente con un'altra busta di trappist fresca fresca dopo aver travasato il mosto. Morale della favola, la fermentazione è ripartita, ma si è rifermata quasi subito, lasciandomi dopo tre giorni dal secodo inoculo una FG di 1032. A questo punto mi domando che cosa devo fare? Dovrei attendere ancora tre o quattro giorni e vedere se si è mosso qualcosa. Riossigenare ancora il mosto? Altrimenti ? Idee per salvarla?
  17. Assobirra alza gli scudi compatta, c'è poco da fare. [:189] Prendete questo estratto dal nuovo sito: I Love Beer.it parla di birra e di cultura della birra, per questo non verranno ospitate discussioni o comparazioni fra brand, così come i contenuti non in linea con le policy sul bere responsabile di Assobirra e di Heineken. In barba al valore del prodotto, tacciono le discussioni per non danneggiare gli altri associati. Sono il massimo. Concordia civium murus urbium
  18. @mase Cosa sono i fogli per decantare il vino? Ammetto la mia completa ignoranza nel settore enologico. @panzabirraio Sono d'accordo con te, è il metodo che anch'io ho sempre usato e sempre userò, ma ogni tanto quando vedo oggetti di uso quotidiano che ritengo possano essere usati nella pratica birraria mi viene da chiedermi se qualcuno lo ha già fatto. Semplice curiosità .
  19. Mai usato niente e mai avuto problemi. La storia delle pentole che si deformano poi mi sembra una gran cretinata. Al massimo lo spargifiamma dovrebbe evitare accumuli localizzati di calore e quindi bruciature del mosto, ma più di questo proprio no.
  20. I fori non sembrano così grandi, ma potrei sbagliarmi, dato che ho visto l'oggetto solo in foto. Lo hai provato? E in caso affermativo con quale resa del luppolo?
  21. Andando a braccio direi che il potere sanificante del betadine in soluzione cala col tempo, ma non così rapidamente come possiamo credere. In questo disinfettante infatti lo iodio è presente ( come anche nella tintura omonima) come ione triidruro, condizione che lo rende più solubile in acqua e meno volatile, inoltre nel Betadine questo ione è complessato con un polimero, che lo rilascia gradualmente nella soluzione. Questo non toglie che la soluzione degradi, probabilmente però la cosa è dovuta in larga parte alla reattività stessa dello iodio più che alla sua volatilità .
  22. Vorrei le vostre impressioni su un prodotto che usato impropriamente potrebbe risultare utile. Mi riferisco a questo: [url]http://img684.imageshack.us/f/cuociriso.jpg/[/url] I comuni mortali lo usano per cuocere il riso, ma potrebbe essere utilizzato in modo creativo come hop bag, o addirittura per contenere modeste quantita di grani (molto modeste in realtà date le dimensioni). I fori sono talmente piccoli che anche i luppoli in pellets potrebbero esser gestiti con facilità . Qualcuno di voi lo ha mai utilizzato?
  23. Quoto il mio conterraneo! Dopo aver usato la soda, sciacqi bene un paio di volte, poi una passata di acido citrico per neutralizzare eventuali residui e passa la paura! :D
  24. Per ovviare un pò al problema togli la bottiglia dal frigo qualche tempo prima di aprirla così da far aumentare leggermente la temperatura. L'equilibrio della CO2 disciolta (che ha solubilità inversa) si sposterà in favore di una minore quantità presente nel liquido. Questo dovrebbe ridurre la "fontana".
×
×
  • Create New...