Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

andreachiara

Utenti Registrati
  • Content Count

    10
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutra

About andreachiara

  • Rank
    Junior Member
  • Birthday 29/10/1964
  1. Scusatemi se mi inserisco nella conversazione. Io sto progettando nei prossimi giorni di fare appunto una Diablo e leggendo i vostri post mi è venuta una curiosità a proposito del doppio lievito: posso inoculare due lieviti con ceppi diversi (quello della confezione + o il Safbrew T33 o il T58) nello stesso mosto, secondo voi?
  2. Ciao a tutti, ieri, a distanza di 15 giorni dall'imbottigliamento la curiosità mi ha fatto aprire la prima bottiglia. Con le dovute cautele del caso ecco le mie impressioni: il corpo è ovviamente ben poco strutturato ancora, ma non c'è da stupirsene visto il pochissimo tempo passato, il sapore nel complesso è gradevole, all'inizio un sentore di canditi che lascia il posto ben presto allì'amaro leggermente più di quanto mi aspettassi (ma si tratta pur sempre di una Bitter). L'amaro finale rimane in bocca abbastanza a lungo e non è fastidioso, anzi. Birra molto molto "pulita", sedimenti pochi anche se non ho fatto il secondo travaso L'unica cosa che mi lascia un po' perplesso è la scarsità di bollicine. La bottiglia ha "sbuffato" all'apertura, le bollicine sono presenti, piuttosto piccole ma rade, la schiuma è quasi totalmente assente per ora. Secondo voi, per la vostra esperienza, il processo di carbonatazione è giusto che sia così lento, o non è magari da considerarsi già concluso? Grazie
  3. Il lievito era quello del kit, nessuna indicazione particolare purtroppo. Per quanto riguarda la temperatura della cantina, nell'orario più caldo (oggi alle 14 circa) era 16 gradi, quindi presumo che di notte scenda intorno ai 10-12.
  4. [quote]Cerevisia ha scritto: Dipende tutto da dove sei partito chiaramente cioé quale era la tua OG. Se la fermentazione si ferma noralmente o è la temperatura o il lievito è esausto perché vecchio o maltrattato o sono finiti gli zuccheri e hai sbagliato le misurazioni. Professionalmente quando si fa birra si annota una scheda per ogni cotta e per ogni fermentazione e maturazione e ci si scrive tutto cio che si è fatto quantità , tipo, aspetto ed orario dell'aggiunta degli ingredienti e dell'attivazione di ogni fase, temperature, pressione e grado saccarometrico due volte al giorno proprio per sapere il come ed il perché dei risultati e degli eventuali problemi. CIAO. [/quote] Posso fare un aggiornamento, la fermentazione l'ho arrestata a 1012-1014, (so già che se decido di procedere con questo metodo dovrò dotarmi di uno strumento più preciso) quindi dovrebbe essere in un range abbastanza buono, ho messo una punta di zucchero in ogni bottiglia e per ora, dopo 4 giorni, non ho sorprese in cantina. Vi terrò informati su successivi sviluppi. Io ho intenzione di provare anche la modalità "non Cerevisia", e pensavo di provare con una Gold Pils della Brewferm, qualcuno ha esperienza a riguardo? ciao
  5. Il punto: Passate 36 ore dall'inizio fermentazione ho pulito la schiuma e i residui insolubili, ora sono passati 5 giorni e mezzo dall'inizio fermentazione, da 1040 siamo passati a 1015 (stamattina), stanotte vorrei winterizzare (sperando che nel palazzo non venga in mente a nessuno di "testare" la caldaia e di aumentarmi la temperatura in casa...) e domattina dovrei imbottigliare. La bollitura è diminuita notevolmente, il sapore è meglio di quanto mi aspettassi e a questo punto c'è solo da sperare che la maturazione in bottiglia vada bene. Non so se 1012/1015 sia rischioso considerato che la mia cantina non è il massimo della "freschezza", credo che di giorno si sia intorno ai 18 gradi e mi sembrano ancora tanti. Metto in conto qualche esplosione (me lo sento...) ma secondo voi è il caso di aggiungere una punta minima di zucchero nelle bottiglie o evito?
  6. [quote]tonyz2qwa ha scritto: <Preparati ad averla decisamente più amara purtroppo .... L'amaro IBU è stimato per 23 litri se ne fai solo 15 l'amaro aumenterà ... Poi se ti manca lo zucchero che lo trovi veramente ovunque chiedilo anche al vicino, ma non dimuire mai l'acqua [/quote] Una delle prime cose che mi hanno consigliato sia chi mi ha venduto il kit (enologiabarald***), sia un altro HB rivenditore a Milano sono proprio di, eventualmente, diminuire un po' l'acqua per accentuare il corpo e il gusto. Mi hanno detto una cavolata?
  7. Non sono 15 litri, sono 19, dati da 1+3+15. Ovviamente non ne aggiungo ora di acqua, ma ho fatto questo calcolo: se per 23 lt ---> 500gr zucchero + 700 estratto malto allora per 19 lt---> 413 gr zucchero + 536 gr estratto malto Io ho aggiunto un po' meno zucchero (100 gr in meno) e un po' più estratto (100 gr in più). Dite che si nota una grande differenza a livello di amaro? Oh, poi se dovesse venire una schifezza settimana prossima la rifaccio :D
  8. Ciao a tutti, ieri mattina è partita la lavorazione della mia prima birra, una Bitter della Muntons. In breve quello che ho fatto : 1) Sanificazione di tutto 2) Bollitura della latta (10 min, anche meno) 3) Versato malto e 3 lt di acqua bollente nel fermentatore 4) Aggiunto 300g zucchero e 700g estratto amber 5) Aggiunto 15 lt acqua. In considerazione del fatto che avevo meno zucchero ho calcolato (a occhio) di ottenere 19 lt di birra invece dei 23 canonici 6) Starter del lievito secco e inoculo dopo una mezzora abbondante, con il mosto a 24 gradi. Il gorgoliatore ha iniziato dopo un paio d'ore a dare consistenti segni di vita :D 7) OG a 1040 come da previsione. Ora dopo una partenza credo "normale" vorrei proseguire con il metodo suggritto da Cerevisia, cioè dopo 48 ore dall'inoculo togliere i residui galleggianti, e soprattutto a 1020 winterizzare (ho messo il fermentatore nella vasca da bagno per facilitare la discesa di temperatura in seguito con acqua fredda o ghiaccio) ed imbottigliare senza priming (o quasi) in maniera di far finire la fermentazione in bottiglia in cantina. Speriamo in bene [:p]
  9. [quote]Cerevisia ha scritto: Questo forse l'avevo già detto arresto della fermentazione a circa 2/3 dell'attenuazione, tramite shock termico. Se la fermentazione è troppo vigorosa nonostante siate nel giusto range di temperature indicato dai rivenditori, trovate il modo di raffreddare per rallentare. [/quote] Per avere un'idea, quanto dura lo shock termico o meglio fino a che temperature va portato il mosto?
  10. sì, visto grazie mille, questa settimana dovrei cominciare, mi toccherà stare attento alle prevsioni del tempo!
  11. Ok, ok, il titolo del post può essere ingannevole..Si tratta della mia prima fermentazione ed essendo un supeniubbo parto subito con qualche domanda semplice semplice. La prima è senz'altro stupida, ma non ho trovato suggerimenti a riguardo: voi dove tenete il contenitore con il mosto in fermentazione? In casa, cantina, garage? Io vorrei farlo in casa ma non so che tipo di "odori" (odori, non puzza?) si propagano per gli ambienti. Posso tenerlo per esempio in ripostiglio senza che abbia per casa odori sgradevoli e la moglie incavolata? Altre domande: come malto ho una Bitter della Muntons, mi consigliate di aggiungere estratto di malto al posto di parte dello zucchero per avere un risultato migliore? Il lievito contentuto nella confezione è sufficientemente buono o posso migliorarlo con altri lieviti in commercio? Qualcuno ha esperienza diretta con il malto in questione? Ciao e grazie!
  12. Visto il tenore friendly del forum (splendido peraltro) azzardo un "ciao" come saluto :) Mi chiamo mauro, sono della provincia di Milano e mi sto avvicinando al mondo dell'homebrewing da molto poco, sono quello che si dice un super niubbo nel campo ed avrò bisogno di aiuto, molto aiuto da parte vostra per aver dei buoni risultati. Ciao!
×
×
  • Create New...