Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

nino22

Utenti Registrati
  • Content Count

    318
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by nino22

  1. Più che altro direi ... può essere che si manifesta sempre ed in tutti i fermentatori ? Assai improbabile direi non credete ? Inoltre l'FG dovrebbe andar giu e le bottiglie diventare bombe a mano ... questo non avviene cosi come fortunatamente non soffro neanche di gushing
  2. Ok ... ma mi sembra assurdo aver infettato qualche decina di cotte non credete ? Ph di mash 5.2, lavoro col ph stabilizer e mi trovo abbastanza bene, ph di sparge molto simile ... ph delle birre finite sinceramente non l'ho misurato. In quanto a stili parlo di APA, Saison, Stout, Blonde, Session Ale ...
  3. Non cambia molto sia in birre con 2,3 vol che con birre più carbonato tipo 2,8 vol Infezioni escluse per vari motivi ... og e carbonatazione stabili ... nessun segnale organolettico di infezioni ma soprattutto non si tratta di 2 cotte ma molte di più ed è altamente improbabile che guarda caso si siano tutte infettate ... poi non penso neanche di lavorare male dal punto di vista della sanificazione
  4. FG 1014 partendo da 1050 se non è mappazza poco ci manca ... sinceramente preferisco birre ben più attenuate e cmq non è cambiato molto anche con stout ad esempio ... con OG FG simili a queste in esempio .... non è una problema che riguarda la parte maltata e quindi in un certo senso la parte dolce, bensi più una sensazione tattile che manca in primis e poi una mancanza di persistente, la birra è corta ... una volta mangiata giu sparisce dalla bocca.
  5. Anche con concentrazioni di cloro di 100/120 ppm è cambiato ben poco, come sodio sto sui 20/30 ppm L'idea del protein rest a temperature più elevate era mirata a toccare il meno possibile le proteine a catena media (responsabili appunto del corpo e del mouthfeel) bensì quelle a catena lunga (responsabili del chill haze) trasformandole appunto in proteine a catena media ... oppure come scrivevo effettuare il mash in a temperatura del primo step di saccarificazione incrociando le dite per quanto concerne le efficiente e chill haze.
  6. Risultato analogo sia su prodotti giovani che dopo qualche mese di maturazione
  7. Mia sensazione, confermata da altri non informati da questo mio riscontro Come scrivevo sopra accade lo stesso sia con mash bassi (62 C°) che con mash medio/ alti (68 C°) e come dicevo anche con FG non di certo basse vedi 1010 o addirittura 1014 ... è un qualcosa che va aldilà della percezione maltata Modifico l'acqua ... bicarbonati ovviamente bassi, solfati in base agli stili ... magnesio sotto i 10 ppm, calcio fra i 50 e 70 ... cloruri fra 50 e 100
  8. C'è un difetto comune a gran parte delle birre che produco, l'assenza di corpo, di mouthfeel, la scarsa persistenza in bocca oltre che una sensazione watery, la birre in poche parole hanno una tendenza ad essere vuote e corte in bocca. Il tutto indipentemente dal tipo di mash, lievito, stile, OG, FG ed anche dall'intensità del maltato. Ho ipotizzato vari interventi fra cui: - eliminare l'attuale protein rest che attualmente svolgo a 52C° per 10 min oppure applicarlo per gli stessi tempi a 58C° - inserire piccole percentuali di carapils (1/2C%) - minimizzare le ossidazioni durante il mash - curare un boil vigoroso in modo da ottimizzare le reazioni maillard Escludo infezioni oltre che ossidazioni della birra finita. Sarei curioso di conoscere il vostro parere, oltre che le esperienze di chi magari come me ha avuto problemi simili.
  9. Non c'è l'obbligo di indicare le spezie utilizzate (metti che qualcuno è allergico ad una spezia invece che un altra) figurati se indicano irish moss, gelatine, ecc. ecc.
  10.   A sto punto spiega anche a noi ;) Inoltre che problemi potrebbero dare sti fosfati?
  11. Ezcalculator dalle vostre esperienze è affidabile anche x la previsione del ph di mash ?
  12.   Anche usando fino al 10% di malto roasted ad esempio? Non mi è chiara la cosa che indipendentemente dall'acqua usata, rapporto acqua grani, tipo di grani sta roba porta il ph a 5,2 ...troppo bello per essere vero !!!
  13.   Anche con grist con parecchi malti scuri ?
  14. L'ho visto anche io in giro ... ma fatemi capire ... indipendentemente dal grist o dal water/grain ratio, metto sta roba nei dosaggi prescritti ed il ph va a 5,2 ??
  15. A mio parere puoi benissimo fare lo starter 1 settimana prima in un unica soluzione e circa 48 ore prima dall'inoculo far mettere in frigo a far sedimentare i lieviti.
  16. Magari no, ma io per sicurezza l'unica volta che mi è capitato di ritardare con la messa nella camera di fermentazione una girata l'ho data ed un po di lievito ti dico che sul fondo c'era.
  17. Non intendo giorni .... Intendo che magari imbottigli 50 lt, fra la prima bottiglia e l'ultima quindi il suo tempo passa, magari fa pure freddo, magari per motivi vari passa qualche ora prima che le metti a temperatura (pausa pranzo, stai birrificando, motivi vari ....) ed allora il lievito specie se flocculante protebbe cominciare ad andare sul fondo, in quei casi io una mischiatina la darei ...
  18. Un po più generoso con le ultime gittate :D Come minimo le raddoppierei, aggiunta di un altra gittata a 0 e dryhop di almeno 3 gr/lt
  19. Potrebbe essere utile secondo me se è passato molto tempo da quando la birra è stata magari al freddo prima di andare in un ambiente con una temperatura + idonea alla rifermentazione.
  20. Un esperienza simile l'ho avuta con una BDSA. Inizialmente difficile da buttar giu, poco attenuata, poco carbonatata, troppo dolce ... Bevuta quando aveva quasi 2 anni ed era una non ottima ma certamente buona birra, bella schiuma, carbonatazione giusta, complessa, andava giu bene ...
  21. Non sono un fan dei single hop, molto didattici per scoprire i luppoli ma in quanto a risultato finale troppo scontati, alla seconda metà di bicchiere la birra ti ha già detto tutto. Hai fatto benissimo ad abbianare un altro luppolo, anzi la prossima abbinane un terzo e non scherzo.
  22.   Attendo il riscontro con ansia ;) nel frattempo se qualcuno ha testato sto lievito batta un colpo !!
  23. Non ho fatto confronti in parallelo con un manometro (non ce l'ho :D) però ho avuto modo di testare medio/basse OG con e senza lievito fresco in aggiunta, a livello di tempi la differenza c'è, se già a 15 gg una birra cui è stato aggiunto lievito fresco è quasi OK a livello di priming, senza lievito ce ne vuole almeno una in più. Ho avuto problemi in passato usando lieviti freschi diversi dal lievito in uso per la rifermentazione, riscontrando sovracarbonatazione sicuramente data da un lievito da rifermentazione + attenuante del lievito in uso, ecco xchè quando uso i secchi conservo qualche mezzo grammo di lievito per poi usarlo in imbottigliamento, mentre coi liquidi, quando sono costretto (vedi alte OG) cerco un lievito + simile possibile a quello in uso. Adesso mi attirava sto F2, dicono (Fermentis) che assimila principalmente zuccheri semplici, cosa in teoria buona, ma preferivo prima sentire un feedback da chi ha avuto modo di usarlo.
  24.   x le alte OG lievito fresco in rifermentazione credo sia una necessità , per le basse OG vado anche senza anche se per ovvi motivi la rifermentazione è + lenta, e spesso liberare 1-2 settimane prima la camera di rifermentazione per dar spazio ad altre bottiglie, non è poi una cosa che mi dispiace ;)
×
×
  • Create New...