Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

ale-75-homeb

Utenti Registrati
  • Content Count

    318
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    12

Everything posted by ale-75-homeb

  1. secondo me possono andare bene, anche quando farai E+G... L'unica cosa che mi viene in mente è che dentro siano lisci così si puliscono meglio. Io uso, per risparmiare, un bidone di quelli blu in HDPE da 60 litri. Molti inorridiranno, ma alla fine è plastica alimentare... e costa un botto meno rispetto ad uguale attrezzatura per HB. Anch'io ho messo un rubinetto e bucato il coperchio per il gorgogliatore. funziona a meraviglia. Unico neo: dentro non è del tutto liscio, motivo per cui bisogna stare un po' più attenti in fase di pulizia. P.S. se usi la candeggina puoi lasciar perdere il metabisolfito a mio parere...
  2. Grazie conco, ma non ti preoccupare... ci sto dando dentro per finirle e questa sera pensavo di stappare quelle rimanenti e di ritapparle per farle durare ancora un po' di giorni. (non he ho più tante, 6 o 7 da 66) Di fusti ne avevo solo 1 da 18l e due fustini e li ho bevuti (e offerti) per primi... prima delle bottiglie, del resto tutti avevano lo sfiato che non è intervenuto. Ma comunque ho imparato. La penultima cotta resterà nei fermentatori finchè la densità non si fermerà! dovessi lasciarcela tutto l'inverno Però io esco pazzo comunque perchè non capisco come dovrò orientarmi per le prossime cotte, a livello di temperature di mash!
  3. ...e continuo a rimuginare: perchè il mio mosto è così fermentabile?!? il software prevedeva una FG di 1014, non di 1008!!!
  4. il discorso è lunghetto... nell'impianto ricircolo il mosto nel tino di mash (pentola da 75 litri) con una pompa che viaggia al massimo a 8 litri al minuto (effettivi, misurati durante la cotta). L'ultima cotta avevo 56 litri di H2O nel tino di mash, quindi per ricircolarli tutti occorrono più o meno 7 minuti. La stratificazione dovrebbe essere minima e comunque temporanea, durante le rampe quando il mosto in cima è più caldo di quello che esce sotto. Però, in teoria, dopo 8 (facciamo 10) minuti, tutto il mosto va in temperatura e poi il ricircolo continua per mantenerla sempre costante. Il tino di mash ha una coibentazione di polistirolo spesso 8 centimetri. La temperatura la misuro in cima al tino di mash, quindi quando si assesta so che dopo 8-10 minuti diventerà costante in tutto il tino. il problema pensavo fossero le sonde.... ero convinto che la mia birra fosse troppo "corposa" a causa delle sonde che rilevando una temperatura minore di quella reale, causavano una maggior azione delle alfa amilasi. Ma ora che so che a essere starate sono le mie papille gustative, e che confondo il corpo con l'alcool.... tutto si è complicato! Io ne esco pazzo!
  5. Allora il problema, oltre alla ignoranza delle mie papille gustative, può essere relativo al lievito? pitching, ossigenazione che faccio splashando la birra nel fermentatore e poi scuotendolo energicamente fino a che non mi stufo? Oppure semplicemente dovrei alzare la temperatura in fase finale di fermentazione per accelerare un po' la conclusione della stessa? Ne esco pazzo!
  6. Ecco, per curiosità sono andato a misurare la gravità di una bottiglia: 1008. Sono sempre più confuso... quindi ho un mosto molto fermentabile?!? o un'infezione che non lascia cattivi odori? Del resto a questo punto devo farmi due domande perchè io ero fermamente convinto che le mie birre fossero troppo "corpose" mentre qui di corpo mi pare ce ne sia poco o nulla... e invece c'è tanto alcool (ora capisco perchè l'altra sera che ho esagerato un po' con questa APA poi la mattina dopo ero ribaltato al lavoro ). Forse devo iscrivermi a qualche corso x degustazione di birra, altrimenti non ci salto fuori!
  7. Eh, averceli i dati (ma prometto che alle prossime annoto tutto!!!) Quella nelle bottiglie è questa qui: Cotta il 13/9, i pacchetti di US-5 erano due. OG preboil 1052, 40 litri nel fermentatore un po' scarsi, L'OG 1062. La temperatura di fermentazione è stata su 18-20 gradi, come pure la maturazione in bottiglia. Il 1/10 avevo 1014 nel fermentatore e visto che ormai quasi non gorgogliava più (ed è qui che forse avrei dovuto aspettare...) ho infustato e imbottigliato. non ricordo ovviamente il priming ma di solito sto sui 3gr/l... Ovviamente nel fusto non mi sono accorto di nulla a parte una eccessiva torbidità che c'è anche in bottiglia, ma l'ho attribuita al fatto che non ho fatto travasi (solo cold crash). a fine ottobre ho assaggiato alcune bottiglie e la carbonazione era ok/leggermente elevata. I dati li evitavo anche per questo: non ce li ho precisi .
  8. Ho un problema con la penultima e la terzultima cotta: la fermentazione non si ferma e procede, anche se molto lentamente, ma procede. Della terzultima cotta ho solo ancora qualche bottiglia (l'avrò fatta ai primi di agosto). E le bottiglie stanno lentamente e inesorabilmente sovracarbonando (motivo per cui mi sto affrettando a berle per paura che esplodano). Non è gushing, o almeno credo perchè quando la stappo niente fontana, semplicemente tanta CO2 al punto che è imbevibile e va lasciata un po' lì a sgasarsi. Se la lascio in bottiglia piano piano esce la schiuma ma mi sembra che il problema sia unicamente la carbonazione (anche nel bicchiere fa un panettone di schiuma) Non ha sapori o odori strani o particolari che mi facciano pensare ad una infezione, e comunque non è mutato radicalmente rispetto al fusto (che ho finito una quindicina di giorni fa) Della penultima cotta (1 ottobre) ho due fermentatori pieni che a distanza di un mese continuano a fare qualche gorgogliata, sempre più lenta, ma non si fermano. Se posso vi tralascio i dati delle cotte, che sono tendenzialmente sovrapponibili e che come differenza rispetto a cotte precedenti hanno unicamente il profilo del mash. Ho infatti fatto monostep a 67. Visto che entrambe le suddette birre sono eccessivamente corpose, il mio dubbio è che la mia misurazione della temepratura sia sballata per difetto e che col monostep io abbia fatto lavorare troppo le alfa e poco o niente le beta, producendo un mosto molto carico di zuccheri poco fermentabili. Ma poi l'US-5 è in grado di fermentarli lentamente come mi sembra stia capitando? Può avere senso o il problema è da cercare altrove?
  9. Sempre da ignorante in materia: l'idea che mi sono fatto è che con meno gas si ghiaccia solo la prima parte del circuito "refrigerante" (evidentemente in basso), invece che tutto il circuito come nel funzionamento "normale". Il risultato netto è comunque un minor potere refrigerante del sistema.
  10. Davvero non so se dico stupidaggini: la mia idea è che sia uscito un po' di gas per cui un po' ce la fa ma con prestazioni del tutto minori... Il clima della mia auto aveva una perdita e, dopo la ricarica di gas, funzionava per un po' di settimane, poi calava piano piano le prestazioni fino a non funzionare del tutto...
  11. Non sono un esperto ma temo che se il compressore va, ma raffredda molto meno del dovuto, ci sia stata una perdita di gas...
  12. No, non ho strizzato i luppoli.... e a questo punto mi avete chiarito gran parte dei dubbi: ho avuto un'efficienza leggermente minore rispetto a quella impostata nel software, e ho avuto perdite decisamente maggiori di quelle impostate nel software... Un'ultima cosa: secondo voi i tempi e le temperature del profilo di mash hanno portato a conversione di tutti gli amidi? (ero senza tintura di iodio!) Grazie!!!!
  13. Eh... non ho tanti dati oltre a quelli che ti ho già messo... ma ci provo Acqua mash 56l, da cui ne ho tolti 6 per bagnare i grani prima della macinatura, la diluizione è di 2,8 (considerando tutti i 56 litri ovviamente), acqua sparge 40l, non lascio fondo, però non ho mai guardato se c'è una perdita per evaporazione durante la cotta.. Nel software ho lasciato tutto com'era: assorbimento 0,8 l/kg perdita in mash 0 bollitura 60' evapor. 6l/h perdite trub 1l altre perdite 0,2l assorb. luppoli 4ml/g l'efficienza mash l'ho messa al 70% perchè mi sembrava più verosimile rispetto a cotte precedenti Dopo avere travasato tutto nella pentola di boil lascio riposare una decina di minuti il letto di trebbie e ancora qualcosa riesco a travasare in boil. Visto che ho usato solo coni la pentola di boil conteneva schifezze grossolane. Forse comunque uno o due litri sul fondo restano a causa del bazooka (ho comunque inclinato per travasare il più possibile). I tubi contengono quantità esigue... e non ho perso mosto durante i vari travasi...
  14. ph 5,5, no stratificazione (ricircolo durante tutto il mash), temperatura rilevata nei punti giusti (che poi i tre termometri comunque contengano un margine di errore intrinseco ci stà). I litri dove siano finiti non lo so proprio, perchè le perdite in teoria le calcola anche il software no? (uso calcoliamo birra). Ho pensato o ai coni (ne ho usati veramente tanti...) o alla bollitura: magari è stata vigorosa e non me ne sono accorto... (la pentola è molto larga e senza coperchio e questa volta c'era tanto mosto). Però il dubbio mi resta: ho concentrato troppo in bollitura (e allora l'efficienza è stata veramente scarsa rispetto alla solita, che è attorno al 70%), oppure ho perso litri (come tu ipotizzi) e allora l'efficienza era un po' meglio (e non avrei dovuto allungare...) Forse è un mix delle due cose e allora ho comunque allungato troppo... BOH, grazie della tua valutazione!
  15. Secondo me già il risultato l'hai raggiunto: stesso abbattimento di temperatura con flusso leggermente superiore... Io farei così (ho solo leggiucchiato tutto il papiro sopra....): - acqua di rete in parallelo (ad ogni scambiatore arriva acqua fredda direttamente dal rubinetto) - birra in serie: pentola boil --> scambiatore 1 --> scambiatore 2 --> fermentatore Ovviamente i collegamenti in controflusso: dove entra la birra calda esce l'acqua calda, dove esce la birra fredda entra l'acqua fredda L'unico dubbio che ho è sulla portata dell'acqua di rete... raddoppi il consumo (ammesso che riesci a raddoppiare la portata...)
  16. la prossima volta faccio una zuppa di farina di malto (e così impomo tutto l'impianto )
  17. Sicuramente la prox volta macino più fine, ma ero in paranoia che mi si intasasse il ricircolo visti i 20kg di grani (al limite dell'impianto direi, avevo la pentola di mash piena quasi fino all'orlo!). Ho rabboccato acqua più che altro per non far sballare l'amaro, ma forse ho fatto la cazzata... Però mancavano 10 litri rispetto a quelli attesi... perchè?!? Può essere che ho usato i coni? assorbono tanto? La bollitura non è stata poi così vigorosa... o sono i 6 litri che ho tirato via dal tino di mash per bagnare i grani prima di macinare? ma quelli li hanno comunque assorbiti i grani.... e la lolla? assorbe anche lei? Per quanto riguarda i tempi alla fine il mash è durato 77 minuti, poi 15 di rampa fino a mash-out... troppo poco dici? BOH!
  18. Ieri ultima cotta dell'anno, 70 litri, APA, luppoli autocoltivati tranne il magnum, tutti i luppoli in coni. Questo da software: 20kg malto pale 100gr magnum a 30' 150gr cascade a 10' 150gr cascade a 5' 180gr cascade a 0' 70gr centennial a 0' 70gr chinook a 0' 2 buste di safale US-05 + lievito riciclato da precedente APA (sarà stato circa 150ml di lievito) Acqua mash 56l acqua sparge 40l Og 1057, IBU 42, BU:GU 0,74 X la macinatura ho preso 6 litri dal mash tun e ho bagnato i grani per ridurre le farine. Forse il mulino autocostruito (macchina della pasta + trapano) si è un po' allentato... morale: i grani grossi spaccati in metà, i piccoli boh! pochissima farina comunque. Per il mash, ho usato TRE termometri, per essere un po' più sicuro di non sbagliare le temperature: uno sulla pentola analogico, uno a "mercurio" che ho pucciato qua e là, più la sonda dell'ITC-100. Di seguito riporto una media delle temperature dei tre termometri. Il profilo di mash è il seguente: - 37' a 64° - rampa di 20' fino a 70° - 20' a 70° - rampa di 15' fino a 77,5° - mash out 20' Ho perso la tintura di iodio in cantina, e ovviamente me ne sono accorto durante la cotta, quindi non ho la minima idea se i tempi siano stati sufficienti.... OG preboil 1046 (il software diceva 1051), volume preboil non lo so perchè non ho ancora graduato la pentola di boil... A questo punto il mio tasso alcolico era diventando piuttosto altino e quindi ho iniziato a perdere qualche colpo e a non segnare più i dati della cotta. Mi ritrovo in fermentatore 10 litri in meno del previsto (bollitura non eccessivamente vigorosa). Quindi allungo con 10 litri di acqua minerale e ottengo una OG di 1046 nel fermentatore (doveva essere 1057 secondo i calcoli.....) Dove ho sbagliato secondo voi?!? Grazie come sempre, Ale EDIT: dimenticavo, ci ho messo anche 1/2 kg di lolla per evitare intasamenti della pompa (ed è filato tutto liscio in effetti)
  19. Io ieri ultima cotta dell'anno, con risultati decisamente sotto alle aspettative (tanti punti in meno di OG) Non mi è chiaro cosa ho sbagliato (forse ho macinato troppo "largo", avevo i chicchi appena rotti, alcuni prob. interi). Del resto il mio tasso alcolico procedeva di pari passo alla saccarificazione, forse il problema è stato quello...
  20. eh vabbeh... parliamo di milligrammi di colla in contatto con tanti litri di birra (che poi la colla sta fra le due superfici... e il contatto con la birra è infinitesimale)... secondo me il gioco vale la candela!
  21. se non ho capito male si sfila il tubo dal coso rosso (il tubo ha un diametro più piccolo e si dovrebbe incastrare dentro al coso rosso?). Se è così io lo fisserei con un po' di colla...
  22. beh, l'autocoltivazione è uno sbatti, però è anche una soddisfazione... dipende dal tuo livello di tolleranza dello sbattimento... del resto sia cascade che chinook sono le uniche piante che mi crescono bene e producono tanto, senza troppe accortezze. io personalmente la amo perchè fantastico di arrivare ad essere (quasi) autosufficiente con gli ingredienti... (fantasia)
  23. si, sono in freezer sottovuoto. Ho già fatto 1 cotta per testarli un mesetto fa (ho fatto due bolliture con la stessa cotta), ma ce l'ho ancora nei fermentatori e devo decidermi ad imbottigliarla (ho fatto un assaggino oggi e il cascade sembra decisamente scarico, mentre lo chinook è bello profumato). Con questa qui li finisco (ce li butto tutti di ignoranza). Alle fine il raccolto mi permette di fare late-hopping ad un centinaio di litri di APA.
  24. Alla fine vado per una APA svuotafrigo, secca (forse) e un po' cafona (per dirla come Simone). Sono i luppoli autocoltivati quindi forse anche con 10gr/l in late-hop non verrà proprio proprio carfona... vedremo. A questo proposito sto ripassando il bjcp per vedere se posso definirla una IAPA
×
×
  • Create New...