Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

andrea75

Utenti Registrati
  • Content Count

    259
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    12

Everything posted by andrea75

  1. Capisco benissimo il tuo discorso e credo di avere abbastanza giudizio per capire che i consigli non vanno seguiti a tutti i costi, l'importante è comprendere cosa ti si vuole dire. E ti sei anche spiegato molto bene, ti ringrazio ancora, sicuramente caricherò di più in aroma: sposterò in avanti di 5 min. il golding e aumenterò la dose a 75g. Di più mi fa un po' paura: è un'IPA, ma non voglio creare un Arbre Magique in bottiglia. Sembrerà strano, ma non ho mai fatto una birra così carica di luppoli e poi in freezer ne ho in abbondanza da amaro, ma sono un po' sotto con quelli da aroma. Però come giustamente dici, se poi non si sentono, ho buttato via 50g di golding, perciò tanto vale.
  2. Grazie, conco per i tuoi consigli. Allora, per aroma mi restano ancora 30g di Saaz, che porca miseria, non si sente, è troppo leggero, del Huell Melon e poi dell'altro Golding. Oppure del Centennial, che dovrebbe essere ambivalente. Ma possibile che 50g di Golding siano ancora pochi? Il DH mi dà fastidio che è troppo volatile. Ma invece il Target a 20 no perché, giusto per imparare qualcosa? Credevo che piazzandone un po' a 20 min. avrebbe dato una sfumatura di aroma, visto che ho sentito dire che qualcuno lo usa anche per aroma.
  3. La birra più semplice che puoi fare è un kit con lieviti ad alta fermentazione (famiglia chiamate ALE), come ti ho detto sopra. In pratica sono delle lattine con dentro il malto concentrato. A te tocca solo diluirlo, aggiungere il lievito e fermentare. Più semplice di così non si può. Poi ci sono tutte le accortezze del caso, per le quali ti consiglio di informarti per bene: l'estrema cura nella sanitizzazione della strumentazione, il mantenimento della temperatura, il raffreddamento rapido, il travaso.... di queste cose non potrai fare a meno. Per la temperatura se lo fai in casa non avrai problemi, perché immagino che si aggirerà intorno ai 20 gradi, magari la sera qualcuno meno. Escludi le birre a bassa fermentazione che richiedono temperature molto più basse e senza un frigo a temperatura controllata non lo puoi fare. Fra quelle ad alta fermentazione ci sono le IPA e APA, che hanno uno spiccato sentore di luppolo, le Porter e le Stout, che sanno molto di tostato e di caffé, le Barley wine che sono molto alcoliche e poco gassate. e poi ce ne sono molte altre... puoi farti un'idea leggendo le descrizioni sui siti che vendono birre. Sono tutte fattibili in appartamento e il procedimento è il medesimo (finché fai kit). Alcune in ricetta richiedono il dry hopping, ma se vuoi semplificare, escludile e cerca altre birre.
  4. Su quale marca acquistare non saprei dirti, dipende anche dove acquisti: Cooper o Birramia fanno e vendono discreti prodotti. Il procedimento è sempre il medesimo, se parliamo di birre ad alta fermentazione. Quello che puoi fare per migliorare la birra è sostituire il lievito, ma dipende da quale birra vuoi fare. Siccome farai sicuramente una ad alta fermentazione, un Safale US-05 potrebbe andare bene, che è uno dei più utilizzati e va bene un po' con tutti gli stili. Fai attenzione a rispettare il range di temperature indicato in etichetta, cercando di stare più o meno nel mezzo. Ad esempio, il lievito che ti ho detto fermenta bene a 19-20 gradi. Poi, lo zucchero sostituiscilo con dell'estratto di malto in polvere: renderà la birra più corposa e più gustosa. Devi però sapere che ne serve approssimativamente il 30% in più, perciò se ad esempio nella ricetta originale serviva 1 Kg di zucchero, lo dovrai sostituire con 1,3 Kg di estratto di malto. Prendilo chiaro, perché poi tende sempre a scurire in bollitura.
  5. Il Maris Otter me lo voglio tenere per la Stout che farò penso dopo natale. Mi rimane solo il Pils di cui ne ho in abbondanza. Di conseguenza il protein rest lo tengo perché con malto pils lo faccio sempre. Lievito: effettivamente potrei sostituirlo con l' S-04, più classico per queste birre. Luppolo Magnum ne sono sprovvisto. Ho messo Target perché ne ho molto. Per fare l'amaro non ha così tanta importanza il tipo di luppolo: basta che abbia tanti AA. Luppolo da aroma: potrei alzare, sì. Ma 0,8 non è troppo? Poi mia moglie me la sputa se è troppo amara.... questo è il mio dilemma più grande.
  6. Mi dite se per un'IPA la ricetta è equilibrata? Ho la fobia della birra troppo amara e ho sempre paura di mettere troppo luppolo. Non voglio una tamarrata, ma il luppolo deve sentirsi. Il DH non so se è il caso, perché è molto volatile e poi mi viene da scolarmela tutta. Ho messo 100g di Crystal più che altro per scurire leggermente il colore. Efficienza : 72 % Litri in fermentatore: 20l OG : 1060 ABV : 6.0 % Plato : 14.8 IBU : 35.8 BU/GU : 0.6 EBC : 22 Malti e Fermentabili Pils Grani 4000 gr 71 % Munich Malt Grani 800 gr 14 % CaraRed Grani 700 gr 13 % Crystal 150L Grani 100 gr 2 % Totale 5600 gr Luppoli Target (AA 9) 20 gr 60 min Pellet Target (AA 9) 15 gr 20 min Plug English Golding (AA 4.38) 50 gr 10 min Plug Lieviti SafBrew Specialty Ale S-33 Profilo Mash: Protein Rest 52 °C 15 min. Mash In 66 °C 60 min. Mash Out 78 °C 15 min.
  7. Secondo me puoi buttarli dentro più litri già nel pentolone. La questione del rapporto acqua/grani è importante per il lavoro degli enzimi, ma qui gli enzimi non devono fare proprio nulla, perché gli zuccheri sono contenuti nell'estratto. Aspetta pareri più onorevoli, ma io credo che puoi andare tranquillo. A meno che non parli di grani speciali che necessitano di mash come il biscuit, ma anche fosse, credo che te ne puoi fregare lo stesso, perché estrarresti una quantità ridicola di zuccheri da 200g di malti. Perciò vai tranquillo due volte.
  8. Ok, però c'è gente che va e gente che viene. Vedo tanta gente che si iscrive, ma pochi restano. Mi pare che la maggior parte fugge via ed è un peccato.
  9. Peccato che sia frequentato da 4 gatti. Eppure vedo gente che ha migliaia di posts. Mi dà l'impressione che una volta questo forum fosse più popolato. O sbaglio? E se è così, dove sono finiti tutti?
  10. Sì, è così: il volume dell'aria sovrastante è molto superiore, perciò serve molto più gas per creare una pressione interna tale da vincere l'opposizione del liquido del gorgogliatore. Io non avrei tolto l'acqua. In fondo, non è importante che gorgogli, ma che fermenti. Se togli acqua in pratica vai a diminuire la pressione interna del gas, che prima era identica a quella di una normale fermentazione di 23 litri. Adesso è più bassa. Non so se questo comporti un problema (non credo), comunque è una differenza rispetto al solito.
  11. Quoto Agos: la 2 troppo sbatti e chi lo sa come ti viene. La 1 è già testata e sai che funziona bene.
  12. Per attrezzature c'è sempre il buon vecchio Amazon: non trovi tutto per la birra, ma molte cose sì.
  13. Enzimi sufficienti per fare cosa? Gli zuccheri vengono estratti per la quasi totalità dagli estratti, i malti speciali servono solo a dare colore e aroma, ma non mi pare che servano enzimi speciali per fare ciò e che non siano presenti nel biscuit.
  14. Mi spiace, non ho una soluzione al tuo problema, però ho una curiosità da chiederti alla quale non riesco a resistere: ma tutta quella birra... chi cavolo se la beve?
  15. Direi di no. Io figurati che faccio un ammostamento concentrato. 6:1 a me pare già tantissimo. Lo so che in letteratura si dice che devi mettere tutta l'acqua, ma se questo (a quanto pare) crea problemi con gli enzimi, di sicuro non andrei ad aumentare ulteriormente la quantità di acqua. Se vuoi mettere tutta l'acqua in ammostamento, allora devi buttare dentro il pentolone tutta l'acqua: anziché tenerla da parte per lo sparge, la metti subito e via.
  16. Se non fai sparge ottieni una densità più bassa, si parla di qualche punto di densità. Per il resto non cambia niente, anzi, ti togli un possibile problema di ossidazione e di estrazione tannini. Se invece si vuole raggiungere la densità prevista, chi non fa sparge deve decidere se avere qualche litro in meno di birra oppure se usare qualche etto in più grani. Lo sparge lo si fa principalmente perché si vuole aumentare l'efficienza e di conseguenza massimizzare il rapporto di costo al litro. Se per esempio con sparge un litro di birra ti è costato un euro, senza sparge ti viene a costare 1,1. Butto lì per far capire, non è che i dati siano proprio corretti. Io in BIAB faccio un fly sparge molto rapido, in modo da recuperare qualcosa e avvicinare un po' l'efficienza al quella ottenibile con all grain puro, ma senza impazzire per recuperare il massimo. Faccio un compromesso, insomma. Quindi alla fine se vuoi provare il no sparge, nel software che usi abbassa l'efficienza, il resto viene tutto di conseguenza. Se per esempio con lo sparge arrivavi al 70% prova a mettere 65%. Devi provare per capire a quanto ammonta la perdita.
  17. io possiedo uno tipo Corona che ho trovato su Amazon pagato 39 euro: è tutto stagnato e non si stacca nessuna vernice. Va benissimo. 5 Kg li macini in 15 minuti.
  18. Imbottigliato questa mattina. priming di 5 gr/l. Niente assaggio, tanto non credo avrei ottenuto più informazioni rispetto a una settimana fa. Ora si aspetta e stiamo a vedere.
  19. Tieniti un lievito aggiuntivo da parte. Se vedi che con quello originale la fermentazione non parte, ci butti dentro quello nuovo e così la birra dovrebbe venire. Ma non aspetterei molto, perché un mosto così zuccherino se lo lasci per tanti giorni fermo rischia di infettarsi.
  20. Infatti la tradizionale pentola ti permette di fare molti litri di birra in più, basta comprarla più grossa, il resto è uguale. Però chi fa birra per sé non ha bisogno di grandi quantità di birra, io già fatico a bermi quella che produco e inizio a regalarla a destra e manca. Cotta piccola problemi piccoli e questi bollitori sono l'ideale. x Federico123: sarebbe una bella cosa autocostruirselo, ma il risultato sarebbe qualitativamente paragonabile? Devi sapere molto bene cosa fai, altrimenti rischi paciocchi. Inoltre, non risparmieresti un gran che, perciò per come la vedo io, non ha senso. Io ho sempre pensato che le cose me le faccio da me se risparmio, altrimenti cosa perdo tempo a fare? Non fate l'esempio della birra, perché io non paragono la mia birra con la Peroni. Grazie. E comunque qualche birra commerciale ancora me la compro.
  21. Certo, se ci sono problemi bisogna intervenire. Io ho verificato con attenzione e la temperatura segnata dal termostato è sempre leggerissimamente superiore a quella reale. Scoperto questo, tengo la manopola regolata un paio di gradi più in alto e il gioco è fatto. Il vero problema è la stratificazione, perché la temperatura in basso non è mai uguale a quella in alto e bisogna continuamente rimescolare. E la pompetta potrebbe venire in aiuto. Ottimo anche quello che hai suggerito tu, non lo conoscevo.
  22. Qual è questo discorso della protezione? Il mio (ricordo che possiedo il Klarstein) quando arriva in temperatura si stacca e si attiva la resistenza di mantenimento. Se ruoto la manopola al massimo invece scalda senza sosta, ma non mi è mai andato in protezione. io sono per le cose semplici: se una cosa non serve non ce la metto. La pompetta potrebbe servire invece, ma io mi aggiusto rimescolando a mano. Il rischio è che poi si intasi, scleri e via dicendo. Meno cose ci sono, meno se ne rompono e meno problemi hai. Io sono pure un patito dell'elettronica e l'informatica è il mio pane, ma quando faccio birra voglio tornare alle cose semplici e manuali. Questa è la mia filosofia, poi ognuno fa come più gli aggrada.
×
×
  • Create New...