Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

andrea75

Utenti Registrati
  • Content Count

    259
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    12

Everything posted by andrea75

  1. Potresti spiegare le motivazioni? Così la prossima volta magari ne provo un altro. il wb06 a me non è dispiaciuto. Forse il gusto è rimasto un filo troppo delicato, lo avrei preferito più intenso, ma non mi sembrava male. Per essere preciso, la mia birra era molto leggera, si è attestata sui 4.5 gradi, ma era voluto.
  2. Vi ringrazio per i consigli. Dunque, stavo cercando di usare gli ingredienti che ho in casa e attualmente come lieviti ho due bustine di US-05, una di T58, una BE-256, sempre safale e un S-33, che fra tutti forse è quello che attenua meno, ma gli esteri? Per le chips forse è meglio lasciar perdere. L'US-05 scarica tanto, speravo di recuperare un po' di corpo con il carared, ma se 6% è tanto, devo rivedere la cosa. Ho riguardato le mie scorte e mi sono accorto di avere ancora 150g di cararoma e 250g di Crystal , che avevo completamente scordato. Il problema è che è un Crystal 400 ed è nero come la pece. Potrei sostituire il choco con questo Crystal. Come gradazione lo so che è basso, ma non volevo una birra troppo alcolica. L'unica soluzione potrebbe essere arrivare a 8% e usare le due buste di US-05, anche se come dice Simone, forse attenua troppo. Oppure, mantenermi (relativamente) basso come alcool, produrre 12-13 litri e a quel punto una bustina sola di un lievito qualunque dovrebbe bastare.
  3. A breve mi appresterò a brassare l'ultima cotta stagionale e vorrei che fosse una Barley wine. La mia prima Barley wine. Non ho ancora definito nel dettaglio la ricetta, ma userò senz'altro Maris Otter come malto base, poco chocolate (2% circa) e del carared per un 6-7% per aggiungere un malto caramello. Non ne ho altri. Come luppolo metterei in amaro del Target (o Equanot? E' un'eresia?) e poi ho del centennial o del cascade per dare poco aroma, ma non molto. In generale dovrà essere una birra poco luppolata. Potrei anche non mettere per niente luppoli da aroma. Ora, come lievito avrei del classico US05, ma mi resta anche un bel T-58. So che quest'ultimo è un bel cagnaccio da ammansire e non l'ho mai usato, ma a parte questo, mi chiedevo se ci stava. Non mi interessa che la birra sia perfettamente in stile, non devo farci un concorso. L'importante è non rovinare la birra. Ultima domanda: potrei anche aggiungere delle chips, ma non l'ho mai fatto e non conosco il dosaggio. Se le aggiungo le metterei in dry hopping in fermentazione secondaria. Ma dovrei forse prima sterilizzarle bollendole? Così facendo però perdo gran parte dell'aroma. Ho intenzione di lasciare la birra per un bel po' a maturare, conto di berla questo autunno inoltrato. Sono un bel po' di domande, è la mia prima barley wine e ne produrrò non più di 15 litri, forse anche meno. Questo dovrebbe garantirmi anche l'utilizzo di una sola bustina di lievito secco. La gradazione alcoolica non deve essere altissima, mi andrebbe bene anche 7.5%, anche se so che le barley spesso superano abbondantemente questa gradazione.
  4. Io ho recentemente usato il SafAle™ WB-06 e ne sono stato soddisfatto. Ha lavorato pulito fermentando a 20 gradi, lasciando un bell'aroma di Weizen, ma non troppo invadente. Birra un pelo troppo chiara, è uscita quasi una Crystal Weizen, ma non mi lamento.
  5. Io non forerei nulla, ma una ventola per uniformare la temperatura non è una cattiva idea. Credo ne basti una di quelle da pc da 15 cm di diametro.
  6. Ciao, io mi trovo bene. Il batch più grande che ho fatto fin'ora è di 20 litri, ma il mio bollitore è da 30 litri. Credo si potrebbe arrivare a 23, ma ci si avvicina al bordo e c'è il rischio che inizi a fuoriuscire mosto dalla pentola. Io con il mio, che non ha il cestello, tiro su la sacca con l'aiuto di una carrucola, faccio un piccolo sparge per recuperare un po' di mosto dalle trebbie, poi vado in bollitura mentre lascio colare il mosto e do una piccola strizzatina, senza premere troppo. Quello che hai intenzione di prendere tu ha il cestello, se ho capito bene. Credo che questa parte venga meglio con il cestello. Con questo sistema ottengo un'efficienza che si aggira intorno al 75% e per me va benissimo. Aumentare l'efficienza anche di poco vorrebbe dire morirci dietro e io non sono il tipo. Quello che manca a me è una pompa per il ricircolo del mosto. In pentole alte e strette come queste bisogna fare attenzione alle stratificazioni, soprattutto se il rapporto acqua/grani è basso, cioè quando hai tanti grani in acqua. Non si può lasciarlo in ammostamento senza fare niente, perché finisce che ti trovi una differenza di 3-4 gradi tra sopra e sotto. Allora io, oltre a mescolare, prelevo del mosto dal rubinetto e lo ributto dentro dall'alto, faccio un ricircolo a mano. Non di continuo. Una volta ogni 5-10 minuti ricircolo 4-5 litri. Non è efficientissima come soluzione, ma pazienza. Se pensi che questa cosa ti scocci farla, allora compra una pompa per il ricircolo, perché con queste pentole il mosto va necessariamente rimescolato. Ogni tanto mi capita di trovarmi il fondo della pentola con un po' di mosto bruciato, anche se uso il fondo forato, Evidentemente delle farine vanno a depositarsi sul fondo e si bruciano, questo problema non ho ancora capito come risolverlo, ma la scocciatura più che altro è pulirlo, perché non crea problemi alla birra. La differenza di prezzo tra il mio e il Maischfest è di circa un centone. Con il senno di poi, andrei dritto sul Maischfest, tanto tra serpentina e sacca filtrante che ho comprato a parte, comunque ci si avvicina a quella cifra. E la sacca potrebbe essere una scocciatura se non si ha un sistema per sollevarla. io mi sono arrangiato con corda e carrucola, perché a mano diventa problematico, soprattutto se si è da soli a fare birra.
  7. Io un paio di volte ho usato la candeggina diluita senza mascherina e mi è venuto un mal di gola che è durato tre giorni. Forse sono io a essere ipersensibile, ma nel dubbio...
  8. Mi raccomando, usa la diluizione precisa, la candeggina è roba seria. Usa sempre i guanti e la mascherina. Dopo che ha agito un po', la sciacqui per bene, ma proprio tanto. Fare la birra in kit secondo me ti dà questo vantaggio: non ti preoccupi della birra, ma di pulire, cosa importantissima nel processo di birrificazione. E' palloso, ma va fatto. Poi, superato questo "ostacolo", puoi decidere se fare l'upgrade a e+g o all grain. Anche se non è obbligatorio. Io mi pento di non aver acquistato un paio di kit, perché fare la birra in all grain richiede tempo e io non ne ho molto in questo periodo.
  9. è la tua prima birra, non ti consiglio di partire con le basse fermentazioni. Secondo me è molto meglio se trovi un posto più caldo. Vedo tre possibilità: 1- Fermenti in casa. Potrebbero sentirsi degli odori. 2 - ti crei una camera di fermentazione a temperatura controllata. Non è difficile, ma se ancora non sai se continuerai con questo hobby, forse non ne vale ancora la pena. 3 - Aspetti che faccia più caldo.
  10. Se può aiutare, ti linko un video del dott. Bressanini:
  11. Ma da una bottiglia recuperi veramente pochissimo lievito e chissà in che condizioni. Secondo me non otterrai un gran ché.
  12. avere tanta aria nel fermentatore non è il massimo, perché effettivamente aumenta il rischio di infezione, ma non è detto: se hai fatto tutto per bene non dovresti avere problemi. Ci sarebbe anche il rischio di ossidazione, ma finché non provi a berla non puoi saperlo. Se il gorgogliatore non gorgoglia non vuol necessariamente dire che non sta fermentando. Potrebbe esserci qualche piccolo sfiato da qualche parte che abbassa la pressione. Tu lascia tutto lì, quando è passato un po' di tempo, puoi provare a misurare la densità e vedi quanto è scesa.
  13. Il tubo dovrebbe essere da 10, ma secondo me anche se è da 12 con delle fascette tiene bene, anche senza raccordi. la sacca è normale che si macchi: l'importante è lavarla bene, per il colore fregatene.
  14. Bordone, che tecnicamente sarebbe a Montà.
  15. Ca..o, non è lontano! Ci posso andare anch'io. Magari ci passo mentre vado per il vino a Canale. Grazie per la dritta.
  16. 45 minuti a 73 gradi? Hai distrutti gli enzimi della betaaamilasi, quella che produce zuccheri fermentabili. Se vuoi meno corpo devi scendere di temperatura. Le hai fatte tutte così?
  17. secondo me aggiungere zucchero non è un'idea così malvagia, se vuoi restare nella gradazione prefissata. Ora tutti mi salteranno al collo, ma è un correttivo molto pulito, proprio perché non dà gusto.
  18. Non credo sia una buona idea. Lo zucchero verrà sempre consumato dai lieviti, perciò ti troveresti ad avere un sidro ancora più secco e ancora più alcoolico. Per non parlare poi del rischio esplosione delle bottiglie. Vedo due modi per addolcire il tuo sidro: 1- Fermare la fermentazione neutralizzando i lieviti, magari bollendolo. Non so se questa pratica abbia senso e se qualcuno l'ha mai fatta. 2 - Addizionare il sidro con zuccheri difficilmente fermentescibili. Cioè NON zucchero, ma per curiosità: tu aggiungi zucchero? Mi viene il dubbio perché il fruttosio non è lo zucchero più semplice che esista.
  19. Credo esista un minimo rischio di contaminazione: la schiuma è entrata in contatto con l'esterno. Una parte probabilmente sarà ricaduta all'interno. Inutile fasciarsi la testa: prosegui seguendo i consigli di cicquetto e vedi come viene.
  20. Perché ossidazione? Se hai bollito l'acqua, in teoria doveva essere acqua pura, senza surplus di ossigeno.
  21. Benvenuto (o bentornato?). L'E+G è un ottimo compromesso, non lo faccio quasi mai, ma nel prossimo acquisto che farò sicuramente mi farò una scorta di estratti di malto, perché ogni tanto una birra veloce è l'unica soluzione.
  22. Per come funziona il rifrattometro, non è possibile misurare direttamente la quantità di alcool contenuta in un liquido. Le tabelle ti possono dare una previsione sul possibile gradi di alcolicità, ma è una previsione, non una misurazione reale. Per conoscerlo bisogna arrivarci per deduzione. Esistono algoritmi in rete che aiutano nel calcolo, ma sinceramente non ce li ho sottomano. Appena ho tempo provo a cercarli.
×
×
  • Create New...