Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

andrea75

Utenti Registrati
  • Content Count

    272
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    12

Everything posted by andrea75

  1. Di solito è espressa la potenza in KW, che però è un po' fuorviante, perché quella è la potenza assorbita. Se per ipotesi un motore è poco efficiente, consumerà molti KW, ma la potenza effettiva sarà bassa. Non avendo però altri parametri, prendi come riferimento la potenza assorbita. Riguardo al trapano, devi fare molta attenzione se lo usi, perché le farine entrano nelle prese d'aria e te lo bruciano. Esperienza personale.
  2. Credo che l'unica cosa che cambia è il tempo impiegato: se con 130 rpm impieghi 15 minuti, con 200 ne risparmi 5. La cosa importante è la coppia, cioè se ha la forza di macinare i grani, anche quelli più duri.
  3. Io Grosjean l'avevo dato per morto, invece non solo è vivo, ma è saltato fuori dal guardrail incolume con le dita scottate solo perché ha toccato il guardrail incandescente. Pazzesco. Non mi sarei mai immaginato che la sicurezza dei veicoli fosse arrivata a questo punto. Inoltre, se avete notato, è saltato da "fuori" la pista "dentro" la pista, cioè è finito dall'altra parte attraverso il buco nel guardrail creato dal muso dell'auto!
  4. L'ideale sarebbe quello, ma la penultima cotta che ho fatto il T-58 mi è "scappato di mano" e mi ha fermentato da subito a 21 gradi. Risultato ottimo comunque.
  5. Secondo me il Maris Otter non c'entra niente, non lo metterei mai in una Lager, se voglio che sia una Lager propriamente intesa; poi gli esperimenti si possono sempre fare. I fiocchi di mais forse capisco l'intento, ma con quella percentuale non ho idea di come ti esce il pappone in ammostamento. Un conto è farlo a livello industriale, un altro conto in una pentola a casa propria. il miele di castagne secondo me lo sentirai poco o niente, la buccia di arancio a 30' darà asprezza e niente aroma, in DH occhio alle infezioni. Dopo tutti questi consigli, ti suggerisco di farla lo stesso e poi ci vieni a dire com'è venuta. magari qualcuno ti copia. Prima di febbraio, però!
  6. Io ho scoperto il T-58 e non lo lascio più. L'ho amato da subito. Non lo metto in tutte le birre, ci mancherebbe, ma ora che devo fare l'ordine, ne prenderò almeno tre bustine.
  7. Mi sono spiegato male, intendevo solo "il fare la cotta". Comunque grazie per aver specificato.
  8. Per brassare la birra basta un locale solo; il dimensionamento degli impianti dipende da quanta birra si vuole fare e da quale impianto si vuole utilizzare. Se uso un silos di un metro di diametro e tre di altezza, ci vengono fuori duemila litri di mosto e quindi (più o meno) anche di birra. Bisogna predisporre un'area per la fermentazione, magari nello stesso locale, se vuoi fare lo splendido un piccolo laboratorio per il trattamento dei lieviti e per fare piccole sperimentazioni poi un magazzino dove riporre gli ingredienti (per duemila litri di mosto possono servire fino a 500Kg di grani), una cella frigorifera per lieviti e luppoli (temperature diverse), ma sto parlando di una produzione artigianale secondo me già piuttosto grande. Il limite massimo per legge perché un birrificio sia denominato artigianale è 200000 ettolitri/anno, ma sono cifre enormi, un brewpub non ci si avvicina neanche, più probabile che usino tini da 500 litri o giù di lì. Con due silos per la fermentazione si possono fare almeno due cotte al mese, cioè fino a 200 ettolitri di birra, sufficiente a dissetare centinaia di persone alla settimana. Sul canale youtube BrewingFriends puoi vedere Salvatore in uno dei suoi ultimi video all'opera all'interno di un birrificio intento a produrre birra, magari ti fai un'idea.
  9. Allora, non so se è un discorso egoistico, utilitaristico o accettazione della realtà, ma vi posso dire che esistono software che possono scaricare l'intero sito in locale. Chi ha paura di perdere tutto questo, può usare uno di questi software, così il sito se lo consulta sul proprio pc. Non mi piace dare di questi suggerimenti, ma mi pare che ormai la festa sia finita. Prima che chiuda tutto, qui sul forum dobbiamo fare qualcosa per salutarci, almeno che ne rimanga un bel ricordo.
  10. Casualità vuole che la fermentazione della mia ultima birra (una belgian dubble) si sia un po' piantata quasi alla fine. Per fortuna mi era rimasta l'ultima bustina di lievito ed era proprio una US-05. Non ho esitato e l'ho buttata dentro. E' scesa un altro paio di punti, dopodiché ho imbottigliato. Ancora da assaggiare.
  11. Ti sei registrato al forum solo per fare pubblicità al tuo sito? Ma a che livello di insensibilità siamo arrivati? Non è così? Allora la rava e la fava devi spiegarcela, ma dubito fortemente che porterai prove scientifiche a sostegno della tua "tesi".
  12. Io ne posseggo uno economico, ma è difficile calibrarlo: o non macina niente o sfarina come se non ci fosse un domani. 100 euro penso che possano bastare per acquistarne uno decente.
  13. A me le IGA fanno ca..re.
  14. Intanto secondo me una settimana di cold crash è esagerata. Di giorni ne bastano 3 e forse anche 2. Ma è un'opinione personale. In ogni caso, prima di fare cold crash assicurati bene bene che la fermentazione sia conclusa, poi fai winterizzazione. Poi travasi in bottiglia, priming e tappi. Per quanto tu abbia tolto lieviti, ne rimarranno sempre un po' in bottiglia. Non serve che li riscaldi prima, tanto dopo che hai imbottigliato, qualche ora e la temperatura torna quella ambientale. Magari si risvegliano il giorno dopo, ma in sostanza non cambia nulla. Se i lieviti sono pochi, ci metteranno di più a fermentare lo zucchero che hai aggiunto, ma alla lunga il loro lavoro lo fanno.
  15. Oh, ma io mica la butterei, però. Ormai che ci sei.... fai la coca cola. Fai un priming spinto e la bevi bella fresca. Magari schifo non fa.
  16. hai ucciso tutti gli enzimi che convertono gli zuccheri complessi, il lievito a questo punto non riuscirà più a fermentare. E' già tanto che sei sceso a 1030. Ormai la birra è fatta. Rimarrà poco alcolica e molto dolce. Non saprei come rimediare. Assaggiane un po' e dicci com'è.
  17. Chi sono questi a cui viene discreto= Io tutti quelli che ho assaggiato fatti in casa fanno cagare.
  18. conco, potresti spiegare alla comunità come fai? Perché io tutte le volte che ho provato a far rinascere dai semi mi è sempre andata male.
  19. Io ho 6 piante di Habanero che per il momento scarseggiano con i frutti: ho raccolto il primo maturo due giorni fa, ce n'è uno per pianta per adesso. Spero che tra un po' accelerino, altrimenti siamo messi male.
  20. Non sono sicuro di avere colto. Capisco il tuo discorso sugli youtuber, sul guadagno eccetera. Ma qui si parla solo di rimborso, cioè nessuno ci guadagna niente. Per esempio: chi paga le fatture fa upload sul sito e mostra le spese. Chi vuole pagare paga (nessun obbligo) e quando si arriva a zero stop. Nessuno sponsor, nessuno intasca soldi, nessuno ci guadagna una lira. E' UN ESEMPIO di gestione. non mi pare che snaturiamo niente: il sito rimane sempre lo stesso.
  21. si possono comprare domini a pochi euro l'anno, se è solo questione di licenza per il nome. Se serve un aiuto tecnico, qualcosa si può fare. Se poi serve anche l'aiuto economico, credo che qualche spicciolo tra tutti quanti riusciamo a racimolarlo. Facci solo sapere con un certo anticipo che intenzioni hai: non sei obbligato a restare impelagato con il sito, se vuoi puoi mollare, basta che ci avvisi per tempo.
  22. Io anche faccio sempre tutto da solo e sinceramente non so se avrei voglia di fare i tre tini. Mi piace fare la birra, ma stare tutto il giorno da solo mi scoccerebbe un po'. Lo sbatti maggiore? Per me è pulire!!
  23. Per la differenza sostanziale è lo "sbatti". Con tre tini è più laborioso, ma se trovi una buona compagnia con cui fare birra potrebbe essere piacevole e divertente e magari vi dividete i compiti. Se sei solo... mmm... ti direi di andare con l'AIO.
  24. Io ho l'acufene da più di vent'anni. Il problema non è attualmente risolvibile, ci si può solo fare "l'orecchio", nel senso che ti ci abitui e basta. Lo yoga è fuffa per queste robe qui, non diamo poteri magici a cose che non ce l'hanno. L'alimentazione non c'entra nulla. Quello che si può fare è evitare di ascoltare suoni o rumori ad alto volume. Per il resto armati di pazienza. Poiché l'acufene è un suono abbastanza pulito, quello che pensavo era se fosse possibile riprodurre nell'orecchio un suono simile con stessa frequenza ma fase opposta. In questo modo "in teoria" le due onde si dovrebbero annullare, ma è rimasta solo una teoria, perché soluzioni vere non ne ho trovate.
  25. Ma ci sono passato pure io da San Giorio ieri (domenica)! Dovevo leggere prima il forum.
×
×
  • Create New...