Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Roy

Utenti Registrati
  • Content count

    20
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

2 Neutra

About Roy

  • Rank
    Junior Member

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Roy

    Gruppo di degustazione

    Anni fa Cantillon e Oud Beersel, la scena tradizionale inglese e i bei brewpub della Franconia se ne stavano relegati ai loro piccoli confini comunali e in italia si gioiva per una Bonne Vieux, le Aynger, le Gouden Carolus ecc ecc. Se ad oggi possiamo parlare di "Birra", per come la conosciamo e la apprezziamo, è grazie al lavoro di quei Geek primordiali che (soprattutto in quel di Roma) hanno iniziato ad organizzare d e g u s t a z i o n i tra amici, permettendo a noi della nuova leva (iniziati dopo il 2010) di trovarci referenze da tutto il mondo, sia online che in loco, oltre che pub più riforniti, al fine di appassionarci. Sul prezzo tanto vale la domanda, purtroppo più appassionati vuol dire più fasce societarie coinvolte e, dato che spesso le bottiglie più costose sono state quelle inizialmente più carbonare e limitate, è successo che chi più poteva pagare più poteva spingersi in là, ma ciò non toglie che il mercato moderno non sia frutto di depennamenti voluttuari, tanto che -Extraomnes vende la maggioranza della linea entro i 4 euro -Mukkeller spara le 0.5 entro i 5 euro -Molte delle referenze belga stanno nei range di apprezzabilità (de Ranke, de Glazen Toren, de la Senne, Hof ten Dormaal) e tanti altri esempi che tedierebbe riportare Certo se vuoi la Kriek di Cantillon sborsi 20 euro a bottiglia, ma quelle sono eccellenze, a Milano non si fanno problemi a sborsare 14 euro per una pizza fatta come si deve, ma non per questo Napoli insorge (fuori dai vicoli la qualità si paga). Detto ciò mi esimo dall'esprimermi sulla questione pupazzate (omnipollo &co.), su 7 miliardi di persone sul pianeta non possiamo essere tutti sani di mente, per fortuna sono una minoranza. Per il resto, ad avercene di possibilità di fare beersharing!
  2. Roy

    Gruppo di degustazione

    Mah, si beve bene quando si impara cosa ci piace bere e ciò passa attraverso numerose pinte diverse vuotate. Il beersharing non è un ventre sforna geek, dovrebbe essere una facilitazione per chi, magari non avendo tanto tempo da dedicare al bancone, vuole provare più cose senza vendersi i reni: anche solo per il fatto che le bottiglie le tieni li e le stappi quando hai un attimo di tempo, c'è tutta sta differenza tra lo stare in 4 su un divano o ad un tavolo? quanto pressapochismo
  3. Il problema dei ceppi da aggiungere in rifermentazione in questo caso è che potrebbero consumare troppi zuccheri, se ti scendesse la densità a 1.010-008 ti verrebbero fuori al meglio delle birre super carbonate peggio di orval con annessa fontana di schiuma all'apertura, al peggio delle bombe a mano. scrivendo mi sono sempre più convinto all'esperimento sour, almeno è quello che farei io a sto punto, tipo buttaci dentro qualche Kg di frutta a pezzi e una fiala di Brettmix e via
  4. Con densità 1.020 non ti conviene aggiungere lo zucchero per la rifermentazione, di norma questo passaggio si fa in quanto il lievito a fine fermentazione ha lasciato dietro di se quei pochi punti densità sopra lo 0 (acqua) tra proteine non sfruttate, alcol e zuccheri complessi che non è in grado di fermentare,...quindi si aggiunge zucchero per permettere la rifermentazione, ma se ora sei bloccato su 1.020 in quel 20 ci sarà una quota di zuccheri fermentabili (e non fermentati). Tutto questo per dire che in 1.020 c'è abbastanza zucchero residuo per ricarbonare e ora veniamo al secondo problema, quasi sicuramente i lieviti sono andati, quindi se aggiungi zucchero otterrai una zuppetta dolce al diacetile; imbottigliando puoi sperare nella fortuna e secondo me è l'unica cosa da fare inoltre ti sconsiglio di aggiungere altro lievito nel fermentatore perché tra ossidazioni varie e la sequela che dovrebbe seguire come bassa fermentazione sarebbe un casino....al massimo prova a buttarci dentro un lievito Saison e vedi che ne viene, o un mix di Brett, tanto nascono così le sour
  5. Imbottiglia e vedi come va, mica può sempre tornar tutto no? fai una bella lagerizzazione e non aggiungere lieviti per la rifermentazione per evitare bottiglie esplosive
  6. Roy

    Birra con graspe d'uva

    Secondo me dovresti tenerla in un contenitore dal quale puoi tirare fuori qualche assaggio per vedere come evolve, considerando che non sai che direzione prenderà quel mosto
  7. Roy

    Birra con graspe d'uva

    Hai mai fatto esperimenti del genere? e quando hai inserito l'uvaggio? Considera che la buccia dell'uva è un ambiente importante da mettere in un mosto, non ci sono solo Saccharomyces lì sopra e oltretutto non hai né l'alcol che tiene a bada, né i lunghi riposi a temperature differenziate per stagione, né i prodotti antimicrobici derivati dalla produzione della pianta, che se ne sono andati dilavati durante la pigiatura
  8. Roy

    Densità post imbottigliamento

    Menomale che non è un forum di chimica generale
  9. Roy

    Densità post imbottigliamento

    3/4 delle spontanee nostrane sono nate dalla candida
  10. Roy

    Densità post imbottigliamento

    Il punto dell'osservazione di segni d'infezione risultanti all'osservazione diretta sta proprio nell'impossibilità di avere metodi affidabili per risalire con la densità alla traccia di attività fermentanti che vadano oltre il lavoro del Saccharomyces; mettiamo anche il caso che tu abbia nella birra un organismo anaerobio a fermentazione alcolica di glucidi complessi, che non abbia bisogno di un granché di proteine per replicarsi, che sia riuscito ad emergere dalle migliaia di altri microrganismi diversi che consideriamo nel caso di situazioni di infezione (attrezzatura sporca, confezionamento non curato ecc.)...e già a questo punto ti rendi conto che stai escludendo troppe variabili per essere accurato, ma mettiamo il caso: usi il rifrattometro per essere il più preciso possibile, vedi che da FG 1.010 sei arrivato a 1.002. Bene e ora? potrebbe essere un contributo positivo o negativo? a che ti serve saperlo? se stai a Notre dame d'Orval forse è utile per sapere se l'inoculo di Brett che hai fatto a fine fermentazione è servito magari dopo un periodo di grossi sbalzi di temperatura su un determinato lotto (e comunque non penso usino questi metodi), ma se stai a casa tua ti basta sapere che se vedi una patina biancastra filamentosa nel fermentatore è fioretta e nessuno si vorrebbe bere della candida
  11. Roy

    Densità post imbottigliamento

    Il comportamento dei microrganismi in bottiglia è del tutto diverso da quello in fermentazione, entrano in stress per la scarsità di ossigeno e nutrienti e il mix di una eventuale infezione verrebbe influenzato da tutti i fattori possibili, tra temperatura, esposizione alla luce, grist di base, mix e quantità di luppolo ecc. ecc. comunque non penso tu possa seguire in bottiglia queste variazioni, in primis ti falsa al densimetro la CO2 e se anche tu usassi un rifrattometro l'associazione densità-microbi fermentanti è talmente basilare che non sarebbe affatto accurata. L'unico modo per seguire un'infezione oltre i segni che lascia (visivi, olfattivi, gustativi) è fare un piastramento
  12. Ciao! Non so di preciso come lavori il lievito e quanto effettivamente flocculi, ma in linea generale l'indicatore del processo fermentativo è la densità e non il gorgogliatore, se continua a scendere va bene così. Il rallentamento della fermentazione può essere dovuto a molte cause diverse, data la discesa lenta ma ponderale mi sento di escludere particolari errori di estrazione in mash, propendo più per un problema intrinseco del lievito, forse la vitalità, ma ci sono talmente tante variabili che non saprei dire con preciso (anche perché non sembra tu l'abbia maltrattato ) Sul da farsi come sempre aspetta che si stabilizzi la densità prima di procedere, tanto tra tempi di fermentazione e successiva lagerizzazione non corri così tanti rischi a lasciarla una settimana in più; Per quanto riguarda l'eliminazione del travaso io non lo faccio indipendentemente dal tipo di fermentatore in uso, faccio fermentazione poi sposto il mosto in contenitore per imbottigliamanto usando un sifone aspirante (meccanico, non elettrico) che ti permette di pescare il mosto dall'alto lasciando il residuo di lievito sul fondo, a riguardo ti consiglio di leggere questo articolo: https://brewingbad.com/2014/02/la-psicosi-collettiva-del-travaso/
  13. Roy

    Off Topic dell'off.topic!!

    Esposto alla pubblica piazza va meglio?
  14. Roy

    Off Topic dell'off.topic!!

    Mi sento corteggiato, pure il quote
×