Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Wik9234

Utenti Registrati
  • Content Count

    56
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Wik9234

  1. Tanti auguri a tutti quanti, spero vi siate ricordati di lasciare una birra vicino al camino per il caro vecchio babbo.. Mi raccomando bevete tanto e mangiate responsabilmente
  2. Anche io volevo brassare oggi ma è sceso il fratello dalla terra dei mangia rane quindi si sta in famiglia.. Ieri però abbiamo fatto il tour.. Parcifal, crucco, lambic, poi pizza e siamo finiti in un bar dove ci siamo messi a trangugiare shots in maniera totalmente indecente e a provarci con qualunque cosa avesse la patata.. Tanto già alla terza birra diventa difficile trovare donne brutte
  3. Eheh.. Quante salvate in corner con menietti.. Si trova anche qualche negozio in cui puoi trovare bustine di us05 o s23 per le emergenze (ma proprio per casi estremi visti i metodi di conservazione). Tornando su menietti, ricordati di chiamare sempre prima, raramente ha disponibile subito quello che serve. Si rifornisce da mr malt, calcola 2/3€ in più.
  4. Anche io elimino le proteine e luppolo libero, infatti, come detto non lo farei... Per quanto riguarda i birrifici ovviamente non ha senso perché dovresti avere diversi impianti anzichè avere un impianto e diversi fermentatori, ma a livello casalingo sono pochi a fare cotte parallele
  5. .. lo so, l'idea non piace nemmeno a me.. ma quanti problemi potrebbe portare al prodotto finito? ovviamente non parlo di tutta la fermentazione ma solamente della tumultuosa. Ho sempre eliminato più roba possibile nel passaggio dalla pentola di boil al fermentatore quindi non ho esperienza per fare confronti ma, detto ciò, coaguli proteici, residui di luppoli sfuggiti alla sacca e compagnia bella, penso sia tutta roba che firebbe sul fondo del fermentatore.. non so cosa dica la scienza, quella vera, ma così a spanne non penso che possano avvenire strane reazioni con quel genere di materiale che possa portare sentori strani.. dopotutto si tratta sempre di roba naturalmente presente nel mosto.
  6. Questa mattina sono andato a comprare il vino col mio vecchio, il quale mi ha fatto una domanda interessante: "ma perché non compri uno di questi (parlando dei fermentatori in inox)? potresti prepararla li poi chiudere e fermentare". Personalmente non lo farei, però a pensarci mi chiedo perché non abbia mai visto impianti all in one in cui una volta finita la cotta e raffreddato, inoculi, chiudi il coperchio (magari uno apposito diverso da quello della cotta) e metti il gorgogliatore. Tanto ho visto che in giro si trovano molti che a fine bollitura buttano tutto nel fermentatore, coaguli e residui di luppolo compresi. Potresti fare tutto nello stesso angolo della casa e non dovresti sanitizzare quasi nulla, inoltre avresti già un pid per controllare la temperatura.. ovviamente non usando la stessa resistenza usata in cotta
  7. Avete ragione, era per buttarla li, ma effettivamente sono OT in questo OT dell'OT, poi magari potrebbe interessare anche ad altri, quelli che non seguono l'OT dell'OT.. dopotutto sarebbe molto OT cercare informazioni su questo nell'OT dell'OT... ok la smetto Scusate, ho un nobel da ritirare
  8. Questa mattina sono andato a comprare il vino col mio vecchio, il quale mi ha fatto una domanda interessante: "ma perché non compri uno di questi (parlando dei fermentatori in inox)? potresti prepararla li poi chiudere e fermentare". Personalmente non lo farei, però a pensarci mi chiedo perché non abbia mai visto impianti all in one in cui una volta finita la cotta e raffreddato, inoculi, chiudi il coperchio (magari uno apposito diverso da quello della cotta) e metti il gorgogliatore. Tanto ho visto che in giro si trovano molti che a fine bollitura buttano tutto nel fermentatore, coaguli e residui di luppolo compresi.
  9. Oh.. Finalmente @Simone11, quando ti ho conosciuto stavi già lavorando alla tesi.. Complimenti @Gagge87 spero che tu gli abbia dato le tue coordinate bancarie, l'atto di proprietà della casa e la mano di tua figlia necessari per riscattare il premio
  10. Eh.. stamattina colloquio telefonico, tutto bene e figo fino a quando non si mette a parlare in inglese.. l'esatto momento in cui per l'imbarazzo butti nel cesso gli studi all'estero, il First, tutti i tuoi viaggi e non riesci nemmeno a balbettare qualcosa.. chiudi la chiamata e tutto il tuo sapere rientra nel cervello e recuperi la capacità di parlare inglese...
  11. Ieri prima cotta in elettrico.. tanta tanta roba.. abbiamo finito molto prima del solito e restavano solo pentola di boil e serpentina da lavare.. Un bel po di trub in più del previsto.. colpa delle castagne.. quindi abbiamo messo nel fermentatore 21/22 litri al posto di 23, poco male.. leggermente peggio l'efficienza, 1036 sui 1042 previsti ma il mulino è andato 3 ore per macinare 5kg, inoltre per vari motivi tecnici non siamo riusciti ad essere molto precisi con la temperatura di sparge ed i ph.. beh.. ho deciso di comprare il phmetro.. sapevamo che non avremmo raggiunto il max dell'efficienza ma avevamo troppa voglia..
  12. zona sassi.. praticamente da dove sali per andare a superga
  13. aaaah ecco! sicuramente.. poi le birre di filodilana non mi dispiacciono per nulla.. inoltre è tanta roba per il prezzo.. non so se manterranno questo ma è inferiore anche a molti pub che vendono industriale. Lo stile non mi è piaciuto molto perché sono sempre scettico quando vedo questi locali molto hipster-style, associandolo ad una cosa nata prettamente per moda mi viene automatico pensare che sia tutto fumo e niente arrosto. Però è la panza l'ultima a parlare e ne è stata contenta . Se capiti da quelle parti comunque fa un fischio che beviamo qualcosa!
  14. si ma se vedi il capo oggi vedi di stare zitto
  15. Dopo mesi di trattative riesco finalmente a combinare con un vecchio amico ormai diventato professore.. programma semplice, andiamo dal nostro bavarese di fiducia e beviamo come se non ci fosse un domani. Tra un boccale e l'altro, alla fine di due ore di discussione su Dante, il prof salta su e ci chiede: "ma cosa vuol dire lambic"? Allora iniziamo a spiegare, forse con troppi tecnicismi, di cosa si trattasse e lui resta parecchio incuriosito dall'argomento. Dopo un po' usciamo e decidiamo di fare il giro dell'isolato. Tempo 10 min non ci imbattiamo in un'insegna con scritto lambic! Esultiamo come procioni in calore e ci buttiamo subito dentro al locale che scopriamo essere alla prima apertura assoluta (faranno quella ufficiale settimana prossima). Atmosfera che puzza di fighetto/hypster da lontano, musica finto-jazz a tutto volume, carta della birra... manco un lambic .. scritte a cazzo ovunque giusto per ricordarti che quella è roba craft! Nonostante questo però ho buttato giù una pinta di una buona iga di filodilana ed altre cosette interessanti a prezzi tipo 4.5€ la media.. la panza ne è uscita soddifatta, il cervello non troppo colpa di quell'atmosfera davvero troppo fighettosa.. punto a tornarci di nuovo e a bere di più.. così magari il contorno mi darà meno sui nervi
  16. Oggi si testa la pentola di boil per vedere quanti litri riesce a far bollire dignitosamente, fare una stima dell'evaporazione e capire un po' quanta roba può stare accesa prima che salti la corrente.. Per il momento ha già superato ogni aspettativa.. Avrei anche potuto pulirla prima.. Ci sono residui dei vari fori e schegge di legno che galleggiano xd
  17. ma perché andare così ot a caso?.. i mio era solo un esempio. Si trova qualcosa in rete.. cmq una era simile a come l'ha detta didinho, l'altra non me la ricordo ma mi pare fosse semplicemente la derivazione di un piatto tradizionale più antico, un po' come l'amatriciana. Forse ne esisteva pure un'altra che aveva a che fare con i moti carbonari ma mi sembra molto fiabesca come versione. Io sono più propenso a credere a quella che la vede originarsi durante la presenza militare statunitense in Italia dato che, come raccontava anche mio nonno, di bacon e uovo liofilizzato, ne girava molto. Ma il motivo per cui ho parlato di questo è proprio per dire che, secondo me è una stronzata il seguire queste cose. La maggior parte delle ricette che abbiamo oggi arrivano da poveracci che cucinavano con quello che riuscivano a rabastare in giro ed avevano fame... non si ponevano problemi di guanciale o pancetta. Lieto di esser stato il tuo cantastorie anche se mi stavo lamentando proprio del fatto che la gente desse importanza a ste cose
  18. Un giorno uno esclama: "la vera pasta alla carbonara è fatta con il guanciale". Il popolo si risveglia e dichiara guerra a tutti quei maledetti mangiatori di pancetta: imbraccia il tricolore e va a commentare i video del cuoco francese che fa la carbonara con l'uovo crudo messo sopra, botte a tutti quei ristoratori che osavano servirla con la pancetta, amicizie finite, amori infranti, etc etc. La cosa divertente, ed esce fuori lo studente di filologia che c'è in me, è che ci sono due teorie sulla nascita della carbonara: una prevederebbe appunto l'uso della pancetta e l'altra del guanciale (e già qui si capisce che esordire dicendo "si fa così, sicuro" è una vaccata), per giunta, è molto più credibile quella della pancetta! Perché allora quel tipo, pur non potendo affermare con certezza, quale delle due versioni fosse quella autentica, ha detto ciò che ha detto? adesso esce fuori il consulente marketing digitale che c'è in me e la risposta è subito chiarissima! bastano 5 minuti su internet per capire quante persone stanno campando dietro a quell'affermazione! Parrebbe non esserci nulla di granché sbagliato in questo.. tutti dicono le loro cavolate ma apparentemente muoiono li. Cannavacciuolo dice che la pasta è al dente quando ha il cerchietto bianco dentro.. falla così poi ti accorgerai che quel cerchietto è la prova fisica che la pasta (che chimicamente è un gel) non ha assorbito sufficiente acqua e che è quindi cruda! Queste erano le stesse tecniche che usavano gli antichi per dare delle origini divine o leggendarie a famiglie, città, imperi, etc. Quando diamo origini nobili ad un prodotto, aumentiamo la considerazione che la gente ha di quel prodotto. Se le persone hanno una buona considerazione di quel prodotto, saranno disposti a spendere di più. E ci sono migliaia di esempi di questo: "La apple non fa pc, fa mac"... prezzo raddoppiato. "La farina integrale fa meglio" ed anche se originariamente era il prodotto di scarto che mangiavano i poveri mentre i ricchi mangiavano quella bianca, dove la compro io costa il doppio di quella bianca. Poi sulle farine lasciamo perdere sennò facciamo notte. Etc etc.. ovvio che non è sempre l'unico motivo dell'auemento di prezzi di questi prodotti.. ma fa sicuramente tanto. Togliendo però il problema mercato, cosa lascia questo alle persone? Lascia un mondo in cui siamo abituati ad avere miti ovunque (e spesso questi miti sono degli asini per quanto riguarda ciò di cui parlano), ad emulare le gesta di quelli che, profumatamente pagati, giudicano tutto e per uno che lo fa da vero appassionato, ce ne sono un casino che lo fanno per cazzaggine, finendo poi ad essere gli elementi attivi della strategia di marketing. Il vero paradosso è che questo condanna a non essere pienamente soddisfatto di quello che hai bevuto (ed anche se lo fossi, in un ambiente come quello della birra artigianale il cui prodotto, per sua definizione, è irripetibile, beh...) e a non notare la figa che ti passa affianco perché troppo impegnato a preoccuparti per quelle tre bolle troppo grosse sopra la schiuma. Poi, non pretendo di avere la verità in tasca, magari quello che ho detto è una mia fantasia, ma diciamo che se domani venisse da me un cliente che possiede un grosso birrificio artigianale beh... non andrei molto lontano da quello che ho scritto qui.
  19. per altro mi sembrano calati un sacco di qualità.. ho preso la scotch e sembrava di bere fieno ma proprio fortissimo
  20. e sono anche freschissimi.. non credo che dall'immagine si vedano le date ma avevano pochi giorni di vita... con l'umidità che ha fatto in quei giorni.. non credo faccia molto bene
  21. Bah.. Sacchi buttati così a caso sull'erba umida.. Ho avuto la tentazione di buttarne un paio nel baule
  22. se non ricordo male il destrosio è più velocemente assimilabile dai lieviti. non starei a perdermi in questo ed userei direttamente dell'estratto di malto
  23. Anche la Honda dice che la mia auto può andare a 180..cio non significa che se lo faccio non ho problemi. Un lager a 22° è la ricetta per una fialetta puzzolente Poi ti ripeto.. Io sono fin troppo maniacale con le temperature.. Ma ricorda che il lievito non è una sostanza chimica che butti li è fa la sua reazione.. Sono cellule.. È roba viva.. Può, a seconda delle condizioni, dare risultati diversi anche molto evidenti
  24. ok, io lascerei perdere... capisco che forse sia io quello fissato ma 11/18 è una bella escursione per una fermentazione, in più sono un po altine. solitamente fermento a 10 e lagherizzo a mezzo
×
×
  • Create New...