Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Nickel

Utenti Registrati
  • Content Count

    24
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

2 Neutra

About Nickel

  • Rank
    Junior Member

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Domenica mi brasso un APA monoluppolo. Ho del cascade da raccogliere e volevo farci una birra solo maris otter e cascade fresco con gradazione bassa (5%) e piuttosto secca (questa è l'idea). Non farò dry hopping ma userò l'hop back (se riesco a costruirmelo...)...vediamo se avrò di nuovo problemi di ossidazione. Sui travasi non so come comportarmi...prima di imbottigliare lo vedo anche io quasi d'obbligo, forse inizierò a saltare il passaggio di fermentatore anche se si dice che i lieviti esausti possano rilasciare sapori indesiderati alla birra. Sulle NEIPA ho notato che gli stessi birrifici professionali non le imbottigliano mai...si trovano praticamente solo in fusto (forse mi sbaglio ma per il momento questa è la mia esperienza)
  2. Ciao a tutti, sto bevendo la mia NEIPA ed è buonissima....però grigia... Al livello olfattivo e in termini di gusto e di corpo non presenta difetti da me riscontrabili e mi sembra estremamente equilibrata (relativamente allo stile). Detto questo, come da programma la birra si è scurita molto e vorrei trovare un modo per porre rimedio alla questione. Ho letto l'articolo segnalato da @christiantilt ( http://brewingbad.com/2017/07/ossidazione-la-nuova-psicosi ) e l'ho trovato interessante. Alla luce di quanto letto nell'articolo appena citato e in altri post o articoli sull'argomento le azioni che potrei intraprendere per diminuire l'ossidazione delle mie birre potrebbero essere le seguenti: - Sostituire la mia pentola di bollitura in alluminio con una in acciaio inox (l'alluminio potrebbe rilasciare nel mosto sostanze che favorirebbero una successiva ossidazione; - Fare sempre uno starter per far partire prima la fermentazione e diminuire il tempo in cui l'ossigeno giace nel mosto senza essere consumato dai lieviti; - Evitare il travaso al secondo fermentatore; (in questo caso penso che la soluzione migliore possa essere quella di un fermentatore troncoconico anche se l'articolo suggeriva la possibilità di far terminare la fermentazione in keg riempito con mosto in fermentazione e co2. Questa soluzione mi incuriosisce molto perchè in teoria potrebbe sostituire il priming (e se io dovessi mettere prima della co2 luppoli in pellet sul fondo potrei avere un dryhopping meno invasivo al livello di ossigeno) - A detta dell'articolo anche il dryhopping potrebbe apportare ossigeno extra alla birra e in alcuni tipi di birra (probabilmente non nelle NEIPA) potrei provare a sostituire il dryhopping con un hopback prima del raffreddamento (non so se il risultato possa essere paragonabile). - Gestire problemi di ossidazione in fase di imbottigliamento. Se volessi imbottigliare potrei cercare di pescare dall'alto evitando di fare il travaso nel tino di imbottigliamento e fare il priming direttamente in bottiglia, magari inbottigliando o infustando in controflusso. @Tyrion132 mi risponderà che mi sto facendo troppi problemi per la terza cotta...forse è anche vero ma mi viene naturale cercare di risolvere i limiti delle mie produzioni. Al livello tecnico oggi il mio problema è l'ossidazione della birra e quello devo risolvere. Contemporaneamente dovrò imparare a disegnare birre equilibrate e usare bene i differenti ingredienti, dovrò migliorare nella gestione delle soste di temperatura in mashing ecc...nel frattempo però voglio eliminare tutti i problemi che oggi sono sotto il mio controllo perchè se un domani dovessi essere in grado di riscontrare nuovi problemi (sapori e aromi indesiderati che oggi non sono in grado di identificare) vorrò essere in grado di isolare il problema e lavorare su aspetti specifici. Detto questo in questo post non ho fatto domande dirette ma mi piacerebbe avere qualche feedback su quanto detto..(probabilemte anche 2 o 3 cazzate).. Nick
  3. Io imbottiglio domani....adesso sta facendo cold crash...promette molto bene Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  4. Appena finito di brasare la neipa...è nel fermentatore. Apparentemente è filato tutto liscio e i risultati ottenuti sono quelli programmati (tramite beer alchemy) che è già un buon segno. Ho avuto qualche problema con lo sparging (ma li ho un problema di equipment da risolvere e lo risolverò a breve appena potrò permettermi la 50l motorizzata di polsinelli e farò diventare il mio bielmeier elettrico la pentola per l'acqua di sparging. Il timore maggiore adesso è per il lievito. Penso di aver fatto uno starter in modo approssimativo. Lo starter l'ho fatto martedì mattina e oggi aveva un bel fondo (di cellule morte?). Volevo eliminare il liquido ma nel dubbio ho mischiato tutto e buttato tutto dentro. L'odore era particolare...sapeva di fragola....speriamo bene e speriamo parta la fermentazione. Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  5. Domani brasseró la tanto discussa NEIPA, verrà quello che verrà ma vorrei cercare di farla al meglio. Un dubbio che ho è quello del trattamento dell'acqua. Dovendo prendere un acqua con un livello di bicarbonato inferiore ai 50ppm ho scelto di utilizzare l'acqua "blues" (che poi dovrebbe essere sant'anna). Si tratta di un acqua minimamente mineralizzata ed ha un valore di 9,2 mg/L di bicarbonato. Per la NEIPA è consigliato avere un rapporto di soldati cloruri di 0,8:1 o al massimo di 1:1. Facendo tutti i calcoli è venuto fuori che per trattare 50 litri di acqua devo aggiungere 0,38 g di cloruro di calcio (anche se quello che ho io, acquistato da Pinta, è al 77% e quindi penso che debba aggiungere 0,5 g) Chiedo conferma perché mi sembra strano che se un fattore così importante è l'acqua, mezzo grammo di sale possa fare la differenza. Altro dubbio è sul bicarbonato. Per questo tipo di birra è raccomandato al di sotto di 50 ppm ma io sono neanche a 10. Pensavo di aggiungerne un po' (per portarla almeno a 40) per avere maggior stabilità dei valori del ph una volta aggiunto i malti. Voi che dite? Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  6. Hai fatto il cold crash (per curiosità) e che problemi hai avuto durante il primo tentativo? Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  7. Al massimo butterò tutto ma ci sono molti elementi che mi affascinano in questa birra (particolarità del dry hopping, uso del Lievito liquido, trattamento dell'acqua). Fare una birra all grain non è facile in assoluto, specialmente agli inizi, la differenza in difficoltà tra uno stile più difficile è uno più semplice è piccola cosa in relazione alla difficoltà dell'intero processo. Poi in qualche modo bisogna sporcarsi le mani...al massimo butterò tutto e ci riproverò una settimana dopo Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  8. Apprezzo molto stili di birra e sono un amante dei luppoli...a me alcune Neipa piacciono molto. Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  9. Per come interpreto io la Neipa l'opalescenza non è una caratteristica da ricercare forzatamente proprio come i birrifici che hanno iniziato questo "stile" non si sono posti il problema sulla limpidezza della birra. Ho letto che parte della torbidita è dovuta alle biotrasformazioni che vengono messe in atto dal lievito e dal luppolo messo in dry hopping durante la fase più vigorosa della fermentazione. Del resto quando si aggiungono i fiocchi di avena o altri cereali a maggior carico proteico lo si fa quasi sempre per dare un diverso corpo alla birra ma in questi casi viene altamente suggerito il protein rest. Penso che potrebbe dipendere anche dalla quantità di questo tipo di cereali che si decide di inserire in rapporto alla quantità totale di malto. Quello he scrivo è il riassunto di quanto letto su molti forum e articoli online e molto probabilmente potrebbe essere sbagliato o compreso male da me. Se provo a contraddirti non voglio che sia presa per presunzione ma è un modo per provare ad approfondire la questione è capire meglio determinati aspetti della burrificazione. Grazie Nicola Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  10. Letto. Grazie mille. Molto interessante, ha confermato molto di quello che avevo in programma di fare. La cosa che vorrei approfondire maggiormente rispetto alla mia ricetta è il programma di infusione. Qui suggerisce un single Step ma io ne avevo previsti 3 includendo il portein rest a causa dell'utilizzo di avena. Grazie Nicola Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  11. Ciao a tutti, Ho da poco stappato la mia prima all grain e sono molto soddisfatto per i risultati e voglio subito cimentarmi in una seconda produzione. Con agosto in arrivo ho deciso di produrre una birra leggera, beverina, Fresca e profumata...una neipa. Cercando su internet tra le ricette disponibili e ispirandomi alla mainard del birrificio Kashmir ho buttato giù una ricetta (con beer alchemy). Adesso ho dei dubbi. Nella neipa è fondamentale l'interazione tra lievito e luppoli e non va filtrata troppo. Eviterò il travaso a meta fermentazione anche se pensavo di farlo subito prima di imbottigliare. Il mio dubbio è se sia il caso o meno di fare 3/4 giorni di cold crash. Ho sentito anche che al livello casalingo è una birra facile all'ossidazione. C'è qualcuno che può darmi delle risposte su questi due punti ma anche consigli generici sulla mia prossima produzione? Grazie NIC Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  12. Sto travasando in questo momento ma sui bordi alti del fermentatore sono rimasti dei cospiquimquantitativi di grumi schiumosi. Essendo un'alta fermentazione ho paura che con il travaso abbia lasciato li la parte dei lievito più attiva. È una paura infondata? Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  13. Ciao a tutti. Sabato scorso ho iniziato la fermentazione (con Us 05) con un OG di 1080. Oggi a distanza di una settimana ho misurato una Gravità di 1022 (in realtà 1020 a 26gradi C). Oggi volevo travasare, anche perché la birra è davvero torbida. Come lo faccio? Devo buttare il primo mosto che esce? Considerate che la FG prevista dalla ricetta è di 1014 ma la OG prevista era 1070 e io stavo a 1080. Grazie Nicola Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  14. Grazie Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  15. Per quanto riguarda l'evaporazione è vero che la bollitura non era vigorosa ma tra la rampa e la "bollitura" è evaporata acqua per oltre 2 ore. Il malto l'ho macinato io con un mulino a dischi corona. Per quanto riguarda gli errori di misurazione posso dirti di non essermi preoccupato molto della quantità di mosto inserita nel tubo, era poco più di metà tubo. Durante la prima rilevazione 1064..c'era un po' di schiuma dovuta a dei travasi di mosto fatti per raffreddarlo più velocemente. Per quanto riguarda il lievito ho solo paura che in fase di imbottigliamento possa avere problemi o a causa di lievito già esausto, o per eccesso di zuccheri (quello che aggiungerò io più quello non trasformato del mosto) Poi lo so che "birra verrà lo stesso"....ma se birra e basta doveva essere mi bevevo una peroni [emoji23]... Vorrei fare della buona birra....ma è solo la prima cotta....migliorerà.. Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
×
×
  • Create New...