Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

BobGen

Utenti Registrati
  • Content Count

    113
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Everything posted by BobGen

  1. Per andare in bollitura con 35 litri di mosto hai bisogno di 3 Kw... Forse è più facile con un fornellone...
  2. Però! Bel raccolto... cono molto simili a quelli selvatici che trovo vicino a casa mia.
  3. Molto pulito! Io invece, visto che uso un congelatore a pozzetto, il cavo l'ho adagiato sul fondo intorno a una tavola di legno sulla quale poggia il fermentatore. Ho preferito così perché comunque il calore poi mi ricircola l'aria verso l'alto...
  4. Avevi mai usato prima il Fermentis S-33 per una wit? Riusciresti a fare un confronto? Finora con S-33 ho avuto buoni risultati. Grazie
  5. Può anche essere... in effetti dipende dal ceppo di lieviti. Fermentis, ho appena controllato, consiglia per tutti i lieviti reidratazione in acqua sterile a 27°C con una tolleranza di 3°C. La mia esperenza con S-33 e T-58 dice che se lo spargi sulla superficie del mosto direttamente o lo reidrati a temperature minori di 30° va un po' in sofferenza e a volte ti lascia a piedi. Reidratandoli a 35/37°C partono a razzo e lavorano come trattori. Boh? Sarà stato un caso?
  6. IMHO a livello hobbistico le pentole del veronese (YOXU mi sembra) sulla baia sono largamente sufficienti. Gli ultimi modelli sembrano anche migliori (ho faticato un po' di piu a fare il foro per il rubinetto rispetto al modello precedente...) Col fornellone a GPL non ho problemi di caramellizzazione sul fondo. Poi ognuno è libero di fare come vuole...
  7. Polsinelli dichiara 1mm per la parete e 1,5 mm per il fondo. Spessori di tutto rispetto.
  8. Sarà pure ma ho provato a reidratare a diverse temperature e tutti i Fermentis Safbrew danno il massimo se reidratati a 37° e lasciati riposare un quarto d'ora circa. Mescolati bene e inoculati alla stessa temperatura del mosto +/- 2°. Inviato dal mio SM-T335 utilizzando Tapatalk
  9. Chris White (il signor White Labs) nel libro Yeast, a pag.146 descrive, nella sezione "Working with dry yeast" la procedura per reidratare un lievito secco: ... 2. In a sanitized container prepare a an amoun of sterile tap water at 105°F (41°C) equal to 10 times the weight of the yeast. ... Nella pagina seguente spiega che reidratare a temperature inferiori a 35°C comporti la perdita di una percentuale altissima di cellule, fino al 50%, essendo la temperatura un fattore critico per la ricostituzione delle pareti cellulari... Inviato dal mio SM-T335 utilizzando Tapatalk
  10. Che c'avete contro questo S-33? Le mie ultime blanche le sto fermentando con bustine di S-33 accuratamente reidratate a 37°C e mi fa il 90% del lavoro a 20 gradi in soli 8 giorni. La blanche che viene fuori risulta molto piacevole. Tanto che va a ruba in pochi giorni... (sob!)
  11. BobGen

    Impianto Ag

    Bellissima guida. Ho imparato il 70% di ciò che so sulla birra da quel piccolo opuscoletto di Davide. Da lì è nato il bel libro scritto con Faraggi.
  12. BobGen

    Impianto Ag

    Scusami, ti assicuro che non è per fare il saputello. Sei alle prime esperienze in All Grain o hai già fatto qualcosa? O forse usiamo solo terminologie diverse che, a distanza rendono difficile la comprensioni di concetti semplici. Brevemente per filtrazione intendo proprio quel procedimento che tu fai iniziare con la parola "spurgo" e io con run-off, ma intendiamo la stessa cosa. Parliamo del trasferimento di mosto limpido in pentola di bollitura. Il whirlpool io lo faccio in un solo verso, cercando di non fare schiuma. Ossigenare il mosto bollente non è una buona pratica. Ciao
  13. Io sono un poco riluttante a usare alluminio e rame a contatto con liquidi acidi.A mio avviso le pentole del veronese sono onestissime e meglio di qualunque concorrente di alluminio. La durata dell'inox poi non è paragonabile.
  14. Beh, come qualcuno avrà intuito l'ho battezzato io così il metodo del the... Comunque sì, solo luppolo in acqua. Senza interferenze esterne, visto che non si tratta di misurazioni ma solo di percezioni sensoriali. E preferibilmente i due luppoli dovrebbero essere dello stesso formato (coni con coni). I pellet hanno di solito un rendimento migliore, apportando maggiori aromi e amaro. La prova dovrebbe empiricamente stimare il potenziale amaricante del luppolo selvatico paragonandolo a uno noto. Spero di essere stato chiaro.
  15. BobGen

    Impianto Ag

    Beh direi che sono scelte personali. La mia risposta personale è non necessariamente. Se hai un sistema di mescolamento continuo potrebbe non essere necessario, ma in fase di filtrazione, al posto di run-off manuali potresti usare un semplice sistema di ricircolo fino a completa chiarificazione del mosto.
  16. Azzz... astemio?! Questa è una brutta malattia... ;-)
  17. Io ho usato un paio di metodi infallibili (ah ah ah) cioè quelli che spannometricamente ti danno un'idea. 1. Metodo inglese. Cioè del tè . Metti in bollitura in uguali quantità d'acqua la stessa quantità di luppolo per lo stesso tempo. Ovviamente di uno dei due deve essere nota la quantità di AA. Dal risultato hai una stima (mooooolto approssimativa). 2. Metodo pratico. Dividi in due lo stesso batch al momento della bollitura. àˆ questo il test-verità e lo consiglio dopo il primo. Provi a ottenere lo stesso amaro con il luppolo di riferimento e quello sotto investigazione dopo aver regolato la dose in base al risultato del test 1. Poi ovviamente se ti puoi permettere un laboratorio di analisi, tanto meglio...
  18. Bello! Hai avuto bisogno di trattamenti chimici o hai fatto tutto bio? Io ho un luppoleto "selvatico" a 200 metri da casa mia dove mi "servo" ogni fine estate e sembra resistentissimo a tutto. Ed è sicuramente bio... L'aroma è erbaceo/resinoso e usato in amaro sono riuscito a stimare empiricamente intorno al 6% di AA.
  19. Santificare potrebbe avere una buona efficacia, ma presuppone una discreta dose di ... fede. ;-)
  20. Io le ho entrambe e devo dire che i prezzi sono più che onesti per la qualità offerta. Io non ho coibentato un bel niente perché la pentolona da 50 la uso solo in bollitura. Per l'ammostamento ho optato per una ghiacciaia Coleman da 48 qts. (45 litri) completata con un bazooka rudimentale di mia progettazione. Direi che con quelle vai bene.
  21. Io le ho di entrambi i tipi. La prima è da 35 e quella nuova è da 50. Devo dire che a questo prezzo non si può pretendee di meglio. Non hanno uno spessore eccezionale, ma sono più che dignitose in bollitura. Non so per l'ammostamento, io uso una ghiacciaia modificata. Devo confermarti che anche la mia ha una leggerissima bombatura verso l'esterno senza che però si riesca a farle fare lo scatto premendo verso l'interno. La stabilità sul fornellone non è compromessa da questo piccolo difetto e anche le vibrazioni in piena bollitura sono trascurabili. Spero di essere stato di aiuto...
  22. Eccomi qui. Ormai da 2 anni e qualche mese mi ha infettato il virus dell'homebrewing, malattia a decorso per lo più benigno che mi ha portato a innamorarmi sempre di più della cara vecchia cervogia. Un saluto a tutti e buone fermentazioni a tutti! Bob
×
×
  • Create New...