Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

BobGen

Utenti Registrati
  • Content Count

    113
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Everything posted by BobGen

  1. Last news. Ho provato anch'io con questo lievito. E ho sbagliato in una cosa. Fondamentale. A termine fermentazione (temp. 21°C e FG stabile - ma ancora alta - per una settimana) travaso e imbottiglio con un priming più blando (hai visto mai che mi riparte in bottiglia?). Così, tempo due settimane, la birra carbona e non "riparte" nulla, rimanendo più o meno con la stessa (bassa) carbonazione. Con l'arrivo di temperature più alte, la blanche riparte a fermentare in bottiglia. Per fortuna ero stato basso col priming! Morale: Nell'ultima fase della fermentazione non abbiate paura a friggere il culetto a questo lievito: tenetelo a temperature progressivamente più alte (anche fino a 25-26°C) fino a che non raggiungerete la FG prevista. Ci arriva. Basta aspettare e tenere al caldo il maledetto lievito. Finora non è esploso nulla (bottiglie robuste e priming prudente) ma il pericolo di fare delle bombe c'è.
  2. Certo, ovviamente mi riferivo alle modalita per un prossimo raccolto...
  3. Sono passato alla cremagliera anch'io mesi fa (quella di Pinta è molto solida e affidabile) e la trovo comodissima. Un po' più ingombrante di quelle a leva, ma molto precisa e veloce.
  4. Parteciperai anche alla 3a tappa dell'edizione di quest'anno (IPA/APA)? Io porto le birre sabato... All'edizione 2016 sono arrivato 5° con una Koelsch amaricata coi luppoli autoctoni!
  5. Io non darei troppo retta ai "disfattisti"... Quelli che vedo sono dei bei coni, probabilmente al punto giusto di maturazione. Falli essiccare un paio di giorni e poi mettili sottovuoto e in congelatore. Io li sto utilizzando già da un po'. La zona è un'altra (Bologna), ma i risultati sono più che soddisfacenti. Li utilizzo prevalentemente in amaro, ma penso che per alcune birre possano essere inseriti in sapore e aroma. Butta un'occhio all'articolo del mio blog dove racconto un po' le mie esperienze con i luppoli cossiddetti "selvatici".
  6. Questa è invece l'etichetta della birra di cui vado più fiero:
  7. L'etichetta di cui vado più fiero... (solo l'etichetta...)
  8. Estraggo dal congelatore a pozzetto, metto sul mobiletto, travaso a caduta collegando il tubo crystal da rubinetto a rubinetto.
  9. Setup completamente "volante". Nulla di fisso: Fornellone ghisa 5,5 Kw a GPL. Hot Liquor Tank: Pentola Krukko 30 litri c/rubinetto inox: Mastun: Ghiacciaia Coleman 48 qts con bazooka inox e rubinetto a sfera inox smontabile: Pentola Boil 50 litri (Ebay veronese) con rubinetto a sfera inox smontabile e mini-bazooka per filtraggio luppoli: Raffreddamento con scambiatore Pacetti 40 piastre:
  10. Bene, vedrai che qualcosa di buono da bere ven fuori...
  11. Io come primo tentativo di E+G andrei con la Bitter che Davide consiglia proprio nella sua introduzione passo-passo. Quando ti verrà bene quella (e vedrai che non sarà difficile) passerei al Barley Wine. Per quest'ultimo devi padroneggiare bene le tecniche di ossigenazione e produzione di starter per il lievito, visto che parliamo di una high gravity. Se sai già padroneggiare bene i lieviti liquidi, puoi provare anche il Barley Wine. Inviato dal mio SM-T335 utilizzando Tapatalk
  12. BobGen

    iSpindle

    Ho un dubbio. All'interno di un fermentatore d'acciaio, posto all'interno di un congelatore a pozzetto, riuscirà a trasmettere qualcosa o se la canta e se la "suona" da solo, rimanendo nella sua gabbia schermata? Chi lo ha provato dentro un fermentatore metallico? TIA
  13. Lascialo lavorare in pace. Chiudi a chiave l'ansia nello sgabuzzino e perdi la chiave. Vuole il suo tempo... Inviato dal mio SM-T335 utilizzando Tapatalk
  14. Spesso sono più fattori a concorrere alla torbidità finale, come la quantità di proteine disciolte, gli amidi non convertiti, un lievito poco flocculante... Inviato dal mio SM-T335 utilizzando Tapatalk
  15. Un pugno di lolla di riso metticelo, non fa mai male... Inviato dal mio SM-T335 utilizzando Tapatalk
  16. Una buona scelta per la prima All-Grain. Semplice e facile da portare a casa. Buona cotta!
  17. Sei un po' al limite come latitudine. Forse anche OLTRE il limite, ma il luppolo si adatta bene se trova acqua a sufficienza. Il problema è anche questo clima un po' impazzito, con temperature in costante aumento. Le foglie che si seccano indicano un po' di sofferenza per l'acqua. Tanta acqua ci vuole. Ma comunque non preoccuparti, il luppolo lo fa. Probabilmente è una strategia della pianta. I nuovi tralci che partono dal tronco sono quelli che daranno i fiori. Vai avanti così pacciamando bene il terreno e annaffiando spesso. Le mie piante di luppolo selvatico sono arrivate a 5 metri...
  18. Ok. Hai sentito la campana dei controflussisti... Ora senti quella dello scambiatorista. Ho scelto lo scambiatore perché 1) costava meno; 2) è meno ingombrante; 3) ha una buona efficienza. Il controcanto può essere quello dei dubbi: "cosa diavolo sarà rimasto dentro?" "ammuffirà tutta quella porcheria rimasta dentro?" ... Ti dico come faccio io: lavaggio e sanificazione prima del primo utilizzo. Travaso: io apro prima il rubinetto della pentola per riscaldare a temperatura di quasi-boil il circuito (tengo il tubo d'uscita sollevato per tenere in equilibrio il livello); dopo un minuto apro l'acqua fredda e do' inizio al travaso. Dopo l'uso: getto potente d'acqua per sciacquare bene lo scambiatore nei due sensi (tanto ci passa solo del mosto, il luppolo rimane in pentola ;-) ). Sanificazione con starsan e, prima di riporlo, la mia strategia per la buona conservazione della sterilità (o quasi): 150 ml. di grappa (la + economica del discount) con circa 40-50 ml. di alcool a 95°. Chiudo poi il circuito "mosto" con uno dei due tubi di silicone che uso per i collegamenti. Mai avuto mezzo problema.
  19. Io faccio uno step intermedio a 10°, ma in linea di massima non è necessario. L'inerzia del liquido dovrebbe comunque evitare gravi stress termici al lievito.
  20. L'ultima volta che l'ho usato in effetti sono partito da 18 per arrivare a 20 gli ultimi 5 giorni, volendo pochi fenoli. A temperature più alte il fenolico aumenta, ma se i primi giorni resti sotto o intorno ai 20, non dà problemi. Una particolarità del t-58 è che devi aspettare diversi mesi prima di avere una buona maturazione del prodotto finito... Inviato dal mio SM-T335 utilizzando Tapatalk
  21. Beh, anch'io ho avuto efficienze spaventosamente basse alle prime 2 cotte (dell'ordine del 50%!)... Poi, con pazienza, prove e tentativi vari ho corretto nell'ordine: temperature di mash, macinatura, ph e sparge. Per arrivare oggi ad efficienze più che dignitose (65÷80%) secondo la ricetta... Non demordere!
  22. Io partirei da una base pilsner (ottimo il Dingemans per le belgian) con un 10% di aromatic e un altro 10% di wheat o fiocchi di grano. Mash monostep a 66°C per ottenere una buona fermentabilità. Luppolatura morbida, EKG o Saaz a seconda dei gusti, e se vuoi un pizzico di coriandolo. Fermentazione con T-58 a 20°C per i primi 4 giorni e poi libero di salire fino a 23-24°. Priming robusto 2-3 volumi CO2. Potrebbe venir fuori ciò che cerchi.
  23. Come fai, va bene. Io metto solo fiocchi per comodità, visto che sono già gelatinizzati. Visto che hai già il frumento crudo, se ne hai abbastanza, metti pure solo quello. In ogni caso, pr una filtrazione ottimale ricordati di una quantità sufficiente di lolla di riso. A meno che tu non voglia farla in BIAB... Inviato dal mio SM-T335 utilizzando Tapatalk
  24. Io lascerei perdere col torrefatto, me lo terrei per una prossima stout; dà un ottimo contributo sia di sapore che di corpo. Per una blanche lo trovo un po' fuori luogo. Inviato dal mio SM-T335 utilizzando Tapatalk
×
×
  • Create New...