Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Rume87

Utenti Registrati
  • Content count

    208
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Rume87 last won the day on December 30 2018

Rume87 had the most liked content!

Community Reputation

17 Buona

About Rume87

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 27/02/1987

Profile Information

  • Location
    Milano

Recent Profile Visitors

643 profile views
  1. Rume87

    Regolamento forum

    Perfetto grazie! Mi sono dato una piccola rinfrescata [emoji16] Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  2. Rume87

    Regolamento forum

    Ciao a tt ragazzi... volevo dare per curiosità un occhio al regolamento del forum ma girovagando qua e là non riesco a trovarlo.. chi sa darmi un aiutino? Thx! Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  3. La candeggina è un ottimo sanificante ma non un buon detergente... in genere la soda è utilizzata in coppia cn un sanificante acido essendo considerata non un vero e proprio sanificante ma un detergente in più la soda è basica e il peracetico è acido coprendo un ampio spettro di ph... La candeggina ha di contro che è un po aggressiva anche sull’acciaio soprattutto se usata a caldo cosa che non andrebbe mai fato perchè nociva anche per noi... e se non risciacquata a dovere può rimanere traccia di cloro dannoso per il sapore della birra.. È spesso utilizzata cm sanificante ma richiede un minimo di attenzione in più sui risciacqui... ed io la sconsiglierei per la batteriostatica... So che esistono prodotti soda+cloro ma vengono utilizzati più per lavaggi di keg e impianti di spillatura e non per fermentatori e scambiatori dovevle incrostazioni sono più grosse... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  4. Tyrion non metto in dubbio le tue fonti e non dico che tu hai torto ed io ho ragione... I motivi per il quale i tuoi professori t abbiano detto una cosa del genere possono essere tantissimi ed uguale i motivi per il quale i birrai quando sono in presenza di biofilm nell’impianto smettono di utilizzare la soda e passano agli enzimi... Magari è vero che la soda rompe i biofilm e che lo fanno anche gli enzimi.. ma magari gli enzimi ci mettono di meno.. e la soda magari bisogna usarla ad una concentrazione più alta e per più tempo e che quindi andrebbe a fare danni tenendola troppo a contatto con determinati materiali e che per questo motivo per semplificare loro dicano che in presenza di biofilm non si usa la soda ma gli enzimi ed io cm molti traduciamo con la soda non serve per i biofilm... Tra teoria e pratica passa un abisso sempre... in qualsiasi campo... che sia meccanico che sia fisico e anche chimico quindi è poi sul campo che vanno tirate le somme e capire cs è meglio cs è no perchè cn la pratica vera e propria entrano in gioco un sacco di variabili in più che sulla teoria non se ne era tenuto conto.... Io ho detto che la soda non viene utilizzata nei birrifici per eliminare biofilm.... ed i produttori di detergenti per l’industria alimentare utilizzano gli enzimi per debellarli... poi che sia per un motivo o per un altro non lo so ma se lo fanno si vede che c sarà un motivo teorico e pratico... generalmente non è gente stupida che lavora in quei campi ma ingegneri e laureati che tt i giorni fanno test sia in laboratorio che sul campo... Anche l’anarchia è considerata teoricamente come la forma di governo perfetta ma in pratica non è ovviamente applicabile per intenderci.... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  5. Su questo argomento ho sentito diversi pareri a riguardo e ci sono diverse scuole di pensiero... Io non sono un chimico e non ho possibilità di fare test specifici per vedere effettivamente cs è vero cs no... Mi è capitato di parlare cn birrai e chiedere il loro parere ed alcuni dicono di trovarsi bene utilizzando sempre la combinazione soda caustica 70gradi e peracetico temperatura ambiente e di non aver mai avuto problemi... Altri mi hanno detto che quando hanno avuto problemi non c’è stato alcun modo di eliminare il biofilm se non utilizzando prodotti enzimatici.. ma non l’enzibras che previene la formazione e che quindi una volta formato fatica anche lui... hanno dovuto usare prodotti enzimatici più forti visto che il biofilm era già formato.. mi sembra che il prodotto era BIOREM che costa uno sproposito e si usa solo per I reset batterici... Parlando in una fiera cn quelli di Piramide che producono detergenti e sanificanti per le aziende alimentari mi avevano confermato questa cosa... Avendo sentito il parere di loro che sono più esperti di me mi viene da pensare che effettivamente sia così... e che quindi per i biofilm non sia sufficiente il “classico” lavaggio cn soda... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  6. I biofilm non li elimini ne cn bollitura ne con soda... ci vuole un trattamento più specifico... Ma non credo o meglio non spero sia il tuo caso... Direi che un trattamento di tt la tua attrezzatura con soda caustica e acido peracetico usati alla giusta concentrazione, temperatura di utilizzo e il giusto tempo di contatto t risolverà tranquillamente il problema... La dove non puoi utilizzare queste sostanze se ti è possibile sostituisci il pezzo (tubi, guarnizioni ecc) Ogni volta che finisci una produzione è bene smontare tutto e pulire tt in maniera quasi maniacale... per evitare possibili problemi... o almeno se dovesse esserci qualche contaminazione in futuro se la detersione/sanificazione dell’impianto è stata fatta cm si deve si può già escludere eventuali punti di contagio e restringere il campo di ricerca su cosa è andato storto... Per produrre una buona birra bisogna essere innanzitutto delle brave massaie direi... Il problema non dovrebbe ripresentarsi ma se per caso dovesse farlo ciclicamente ogni 2/3 cotte allora in quel caso c’è una forte probabilità che si sia formato un biofilm da qualche parte... a quel punto dovrai andare giù cn un “pugno” un po’ più pesante utilizzando prodotti appositi... ma secondo me te l’ho detto detersione e sanificazione fatta bene cn soda e acido ti riporterà ad avere nuovamente un impianto ottimo per la produzione! Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  7. No attenzione non dico che è inutile... assolutamente... dico che è una delle cose sulla quale inizialmente ci si può passare sopra... La reidratazione è molto importante per il lievito stesso... permette a quest’ultimo di ritornare in condizioni ottimali e lavorare al meglio... e se contiamo anche che viene messo in un ambiente acido ricco di zuccheri e con poco ossigeno allora capiamo già lo stress alla quale viene sottoposto fin da subito... inoltre permette una partenza della fermentazione molto più rapida lasciando meno spazio a possibili contaminazioni... Però è anche vero che sono stati fatti dei test sullo stesso mosto uno cn inoculo reidratato e uno senza ed i risultati fatti assaggiare a giudici esperti che non hanno trovato differenze di sapore... quindi se non l’hanno trovato loro figuriamoci in un palato poco esperto cm il nostro... Se parliamo di gusto del prodotto finito io dico che si può inoculare senza reidratare (anche se molti homebrewer ed anche birrai sostengono che spargendo sopra alla schiumetta senza buttarlo dentro un minimo di reidratazione ce l’ha) Se parliamo invece di qualità di fermentazione e fornire al lievito le miglior condizioni per lavorare allora la reidratazione è sicuramente un passo molto più completo in questo caso... Ma a parer mio all’inizio è un passaggio che si può sorvolare... anzi consiglierei di sorvolare visto che se si sbaglia qualcosa in quel passaggio il rischio è di fare anche dei danni al lievito stesso e di conseguenza alla birra prodotta... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  8. Io sono del parere che una bollitura male non gli fa.... al max avrai un minimo ma giusto un minimo di caramellizzazione e quindi una birra di qualche grado più scura ma davvero poco e una piccola incisione sul gusto... ma anche qua stiamo parlando di davvero poca roba... Al contrario la bollitura ti permette di scongiurare delle possibili infezioni... quindi avresti un mosto più sicuro a livello batterico... Io consiglio la bollitura di 10 min... raffreddamento rapido... versi nel fermentatore il mosto ed aggiungi acqua da bottiglie sigillate (anche qua per evitare possibili contaminazioni)... ossigeni per benino ed inoculi il lievito... Il lievito meglio se lo spargi sopra sulla schiumetta che si forma senza reidratarlo prima... soprattutto reidratandolo come da manuale dei kit che dice di aggiungere zucchero ecc.... ti assicuro e possono confermartelo tt che anche nn reidratando la fermentazione parte ugualmente ed ottieni ottimi risultati se hai lavorato bene prima e dopo l’inoculo... poi spargendolo sopra la schiuma il lievito ha cmq tempo di reidratarsi ugualmente... Ovvio partendo dalle latte non avrà risultati fantastici fin da subito ma è comunque un ottimo punto di partenza per iniziare a prendere dimestichezza cn le varie fasi di produzione e le fermentazioni.... dopodiché passerai allo step successivo... magari sostituendo lo zucchero cn malto è cercando un lievito più adatto... magari inizierai a provare lieviti liquidi... aggiungere luppoli a caldo ed a freddo ecc... Sarà un continuo crescere fidati non ci si annoia! [emoji16] Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  9. Rume87

    Birre acide dopo imbottigliamento

    Prova a non utilizzare il citrico come hai detto tu... ma in generale evita acidi organici (citrico acetico lattico) e prova cn quelli inorganici... il fosforico è il migliore... poi dipende anche da quanto ne usi... gli organici se usati in quantità tendono a modificare il sapore... ma non fino a renderle completamente acide... Consiglio che do sempre è monitorare il pH cn uno strumento per capire le variazioni... se a fermentazione finita il pH muta e continua a scendere è sicuramente un infezione.... se scendi sotto il pH 4 a birra finita direi di sì... Guarda anche quando scende... nel fermentatore o dopo il primo travaso o in bottiglia... così capisci quando si infetta.. Le bottiglie sono nuove o le riutilizzi? Se le riutilizzi magari prova a cambiarle.... Prova anche a dividere una cotta... parte in bottiglie e parte in fustini e vedi se hai gli stessi risultati... Comunque controlla il pH sempre... se è stabile vuol dire che sono gli ingredienti... se scende è infezione.... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  10. Rume87

    Birra all'elio

    Esatto sono andato a ricontrollare... l’elio è insolubile in acqua e quindi nella birra... https://www.google.it/amp/s/www.innaturale.com/la-birra-allelio-solo-bufala/amp/ Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  11. Rume87

    Birra all'elio

    Ahahah sai che tempo fa ci avevo pensato anche io! Ma se non ricordo male mi sembrava che avevo letto da qualche parte che non si poteva fare cn l’elio per qualche motivo che non ricordo... forse per la solubilità nei liquidi o bo va be.. Avevo anche pensato all’esafloruro di zolfo che al contrario dell’elio che t da la vocina stridula, l’esafloruro ti da una voce da posseduto [emoji23][emoji1787] ma anche in questo caso farlo risultava controproducente... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  12. Rume87

    birra aspra

    Ma nei birrifici gli enzimi sono preferiti alla soda... non vengono utilizzati spesso per via dei costi... ma anche quando si fanno i reset batterici sono sostanze enzimatiche che vengono utilizzate perchè in grado anche di rompere biofilm impermeabili a basi e acidi... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  13. Rume87

    birra aspra

    Be ma io credo che la soda sia meglio della bollitura... e gli enzimi sono più efficaci della soda rispettando i giusti dosaggi, temperature di attivazione e le giuste tempistiche... sicuramente sono più difficili da utilizzare ma cn risultati più sicuri.... ovviamente ad un detergente va affiancato sempre un sanificante per un buon risultato, quindi dopo gli enzimi andrebbe comunque fatto un ciclo di peracetico... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  14. Rume87

    birra aspra

    Ciao Tyron!! Perchè dici lascia perdere gli enzimi? Io non mi trovo male... Secondo me, tralasciando il costo eccessivo, si tratta del miglior detergente ad oggi in commercio... è in grado di eliminarti in maniera ottimale ogni tipo di sporco organico... Non lo consiglierei per lavaggi quotidiani visti i costi ma per debellare una possibile infezione, per qualche volta si... specialmente su punti critici come scambiatore ed imbottigliatrice... Per quanto riguarda la possibile infezione invece direi oltre tutto di tenere monitorato il pH se possiedi un pHmetro... cs vedi se varia nel tempo.. ma a quanto hai detto tu sembra affievolirsi invece nel tempo... Se è l’imbottigliatrice o le bottiglie potresti fare una prova ed una cotta metterla in un fustino anziche in bottiglia e vedere se hai lo stesso risultato... Poi cn il termine acido/aspro intendi un acido tendente al citrico? Questo potrebbe anche significare che ci sia una contaminazione lattica... magari utilizzi (se utilizzi) acido lattico per abbassare pH di mash e questo potrebbe influenzare il sapore finale trattandosi ci acido organico... O potrebbe trattarsi dei luppoli... un elevata dose di luppolo può rilasciare sentori citrici... anche acqua cn un elevata quantità di carbonati potrebbe rilasciare gli stessi sapori affiancata ad alcuni ingredienti... Le cause possono essere tante ma non per forza può trattarsi in infezione... quindi prima bisognerebbe capire bene di cosa si tratta e la cosa migliore è appunto capire se è un problema piuttosto che un altro... Il mio consiglio è controlla in primis il pH a fine fermentazione ed esegui altri test a distanza di diversi giorni... se il pH continua a scendere procedi con la detersione e sanificazione dell’attrezzatura.... diversamente comincia a lavorare sugli ingredienti modificandoli poco alla volta durante le tue produzioni... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  15. Rume87

    Dubbio su Oatmeal Stout

    L’astringenza dai malti scuri la si estrae con valori di ph al di sopra di 6.... se si lavora bene abbassando il ph nei valori ottimali e non esangerando con le percentuali di utilizzo dei malti scuri il problema non c’è... o perlomeno io non ne ho mai avuti... se la birra risulta essere astringente non è detto che sia dovuto ai malti scuri ma più probabilmente ad altri fattori che legati ai malti scuri hanno portato all’estrazione di tannini... Poi so di tecniche dov’è i malti vengono messi alla fine dell’ammostamento e di “infusioni a freddo” dove i malti scuri vengono messi a mollo in acqua fredda il giorno prima poi filtrati ed aggiunti al mosto... ma sinceramente sono metodi che non ho mai utilizzato perchè mi sono sempre trovato bene cn il classico ammostamento totale... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
×