Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

vicjuve

Utenti Registrati
  • Content Count

    993
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    10

vicjuve last won the day on July 21

vicjuve had the most liked content!

Community Reputation

183 Eccellente

About vicjuve

  • Rank
    Senior Member

Recent Profile Visitors

1.340 profile views
  1. Il bello delle iga è che non esiste una strada giusta per farla. Dipende dalla tua idea finale di birra e da cosa vuoi ottenere dall'uva. Io, ad esempio, spremo gli acini,li faccio fermentare 4-5 giorni sulle bucce, svino e blendo con mosto di birra ottenuto con70 % pils 20 frumento e 10 avena, poche ibu. (il blend è 70 mosto birra e 30 mosto uva). Questo perché voglio ottenere una sorta di birra aperitivo che ricordi uno spumanti o con aggiunta di frutta. Uso un uvaggio molto caratterizzante, il cesanese d'Affile e conduco una fermentazione spontanea Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  2. Ahhh ok. In tal caso ne ho un altro. Basta togliere tutta la parte relativa alla produzione e vedere se si riesce a reperire la data di produzione o imbottigliamento. Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  3. Io mi son fatto un file excel. Purtroppo non so come si possano caricare file di quel tipo. Ti posto uno screen shot
  4. In effetti non ho mai usato io black non jo mai avuto problemi di salamoia... Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  5. Grazie. Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  6. 18° C fissi e anche abbastanza lievito. A proposito di rifermentazione, quanti volumi daresti, considerato la fg di 1029 e 3 mesi in botte? Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  7. Nooooooo, davvero mi dici??? Ho appena messo in botte una IS da 11%abv fermentata con US05 [emoji24][emoji24][emoji24] Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  8. A mio avviso, la scelta del lievito dipende da diversi fattori: da cosa vuoi ottenere in termini di sensazioni palatali e come intendi ottenerle, dal tenore alcolico che vuoi ottenere e dalla tolleranza del lievito all'alcol. Io penso che un lievito british si presti di più ad ottenere una Imperial Stout di stampo anglosassone, non estremamente alcolica, dove le sensazioni palatali di corpo e "oleosità" si ottengono attraverso il mash e la bassa attenuazione del lievito, il quale contribuisce anche al completamento del bouquet aromatico con i suoi minimi esteri (in questo il wlp004, col suo vago sentore di vaniglia, è ottimo) Un lievito americano, invece, lo vedo più su una versione americana, dove si gioca anche con aggiunte di fermentabili e "non" diversi: avena, maltodestrine, caffè, fave di cacao ecc... Oltre che alla immancabile luppolatura yakhimosa... Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  9. mmmhhhhh.... [emoji23] [emoji23] [emoji23] Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  10. A Proposito di foto a caxxo.... Che birra ragazzi!!! Collaborazione pohjala/ other half. Complice il brusco calo delle temperature e la brevissima nevicata, me la son proprio goduta. Una baltic porter alla quale si può tranquillamente attribuire l'appellativo imperial. Al naso arrivano un calore etilico e note di liquirizia e cacao che già ti scaldano e fanno da preludio ad un sorso veramente ricco, intrigante e suadente, caratterizzato da una complessità e profondità inaudite. Il palato viene gradualmente riempito da una piacevolissima nota di caffè amaro, subito seguita da leggerissimi sentori di frutti sotto spirito e qualche vago richiamo di vaniglia e cioccolato. Il corpo non è importante e la bevuta scorre abbastanza liscia, evitando facilmente gli ostacoli dati dai 12 gradi alcolici, facilitata anche da un bilancio dell'amaro da far invidia e da una carbonazione che si fa veramente fatica a percepire sulla punta della lingua, ma che sembra veramente e decisamente azzeccata. Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  11. Il lievito va benino, non è il max ma è in stile. Il carafa che più si avvicina al roast è il Carafa 3, quello special è decorticato e ti riduce l'astringenza. Con quegli ingredienti, secondo me, ci viene una ottima porter. Per quanto riguarda la ris, alzerei ancora i tostati, fino al 10%, tanto giocando coi cara, i fiocchi (non meno del 10% quelli d'avena) e con gli zuccheri residui divuti alla alta fg, riesci a contrastare l'amaro e l'astringenza dei tostati Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  12. La stout non la vedo molto irish, quello stile, a mio avviso, va fatto con roast barley (max 7-8 % eventualmente tagliato 60/40 % con carafa 3 special) e un 20% di fiocchi d'orzo. La ris vuole più tostati di quelli che hai messo (è come se avessi invertito le dosi) e ci metterei anche più fiocchi se la vuoi con un mouthfeel setoso e pieno. Per quanto riguarda il lievito, se sei attrezzati e visto che intendi concatenare, ti consiglio io wlp004 Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  13. Allora non c'è assolutamente bisogno di alzare i carbonati. Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  14. Forse è meglip fare qualche passo indietro e partire dall'inizio. Che stile di birra intendi brassare? Posta i dati delle analisi dell'acqua chebintebderai utilizzare Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  15. In genere i carbonati si cerca di evitarli, perchè fanno da effetto tampone all'abbassamento del pH. Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
×
×
  • Create New...