Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Sleipnir

Utenti Registrati
  • Content Count

    166
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by Sleipnir


  1. Di meglio, purtroppo, non sono riuscito a trovare. Se posti qualche link mi faresti un grande favore. Grazie.

    Non sono il primo nè l'unico che utilizza questa pentola e mi sono fidato dei consigli e pareri dati. Devi avere degli accorgimenti per usare una pentola del genere (come per esempio la coibentazione e il coperchio) ma teoricamente con 1800W puoi riscaldare 25L di mosto e portarlo a ebollizione. Non sarà  vigorosa come l'utilizzo di un fuoco da campo da diverse migliaia di watt ma nemmeno così scadente come si potrebbe pensare...

     

    Sleipnir


  2. Buongiorno,

    volendomi costruire una camera di refrigerazione ma non avendo lo spazio adatto per avere un frigorifero in casa, ho pensato di ovviare al problema dotandomi di un frigorifero da campo elettrico e modificarlo con l'aggiunta di (un filo riscaldante?) un termostato di controllo (come nel caso di un normalissimo frigo). Questi frigo, hanno la capacità  di tenere i cibi al fresco senza l'uso dei ghiacciolini, poichè in grado di refrigerarsi attaccandoli alla corrente elettrica o all'accendisigari della macchina. La mia produzione sarà  minima e penso che un fermentatore da 16L (http://www.pinta.it/prodotti/1304/fermentatore_16_lt_rtg.html) possa entrare in questo frigo.

    Dite che un'idea fattibile? Cosa mi consigliate?

    Grazie per le risposte e a presto.

     

    Sleipnir


  3. Ho comprato questa pentola di recente ma non l'ho ancora usata (devo ancora modificarla e costruirmi tutto l'impianto).

    Non ho fatto delle prove con grandi volumi, mi sono fidato dei pareri di altre persone che l'hanno comprata. Questi dicono che i tempi di raggiungimento della temperatura sono, ovviamente, superiori rispetto all'utilizzo dei fornelli da campo ma ciò non toglie che si possa utilizzare per il mash e il boil. Per ridurre i tempi si consiglia di tenere il coperchio anche durante il boil, facendo in modo di trovare un sistema per lo sfiato del vapore.

    Inizialmente ero piuttosto dubbioso sulla resistenza però, cercando su internet, non ho trovato molte alternative... Gran parte (se non tutte) le pentole trovate erano da 1800W. Non mi sono fatto, quindi, grandi problemi e ho comprato la meno costosa, cosciente del fatto che avrei dovuto coibentarla e dotarla di un sistema PID+sonda per il controllo della temperatura (e degli step di mash). Si consiglia, inoltre, di usare una pompa per un'eguale distribuzione della temperatura nella pentola (solo mash).

     

    PS. Se ti fai troppi problemi a utilizzare questa pentola, io mi sono rassicurato con il pensiero che ci sono folli (o visionari) che usano una pentola elettrica di plastica della Lidl (modificata ovviamente) per birrificare con metodo BIAB. Mi sono detto: se ce la fanno loro, non vedo il motivo per cui non possa farcela anche io con questa pentola...


  4. 27 litri per mash......praticamente per farci una decina di litri, con metodo biab sopratutto, la comprerei solo se mia madre adorasse fare conserve, almeno se no la usassi ci sarebbe sempre lei ;)

     

    Diciamo che teoricamente puoi farci qualche litro in più... 15-16 litri in media.

    Considera poi che molte persone non hanno lo spazio per birrificare in modo tradizionale. L'uso di una pentola elettrica e del metodo BIAB possono essere un ottimo compromesso per birrificare in appartamento. Credo che per questi motivi, e per molti altri, si debba avere maggior considerazione per le idee finalizzate a concigliare la propria passione con delle limitazioni verso le quali c'è poco da fare...


  5. Struttura in acciaio inox (ad esclusione della base, delle maniglie e del coperchio, in plastica) che consiglio, tuttavia, di isolare, diametro 35cm e altezza 30cm, capienza 25-27L.

    Base non rimuovibile, consiglio di sostituire il rubinetto e dotarsi di PID e sonda per il controllo della temperatura.

    Non l'ho ancora utilizzata ma mi sono fidato di quanto ho letto su internet (persone che già  la utilizzano).

    Per la pulizia, non bisogna immergerla ovviamente in acqua e penso che i normali sistemi di pulizia utilizzati per l'inox vadano bene.

    Comprata da poco, ho avuto degli scambi di opinioni con il servizio di customer care: pubblicizzano (ovunque) 2000W ma in realtà  sono 1800. Non si sa da dove arriva il prodotto. Ho chiesto se potevo utilizzare la grata di plastica (accessorio) a contatto con un liquido alimentare caldo ma non mi hanno risposto. Non utilizzerei la grata...

    • Like 1

  6. Hai per caso paura che la pompa provochi l'appiattimento del tubo?

    Se, invece, è solo una questione legata alla portata, credo che l'uso di un dimmer ti esuli da farti particolari problemi fisici sulla portata dovuti al diametro dei tubi. Da ignorante penso sia più un sofismo che una reale esisgenza perché andresti a variare la portata modulando il voltaggio fornito alla pompa.


  7. Secondo le specifiche nel link postato, la filettatura in entrata e in uscita è di 20,3 mm, quindi penso che i portagomma inox (usa solo acciaio inox aisi 304/316) vanno bene:

     

    http://www.azzistudio.it/tavola.html

     

    L'uscita dei portagomma varia a seconda del modello. In genere, hanno un'uscita di 14mm, quindi un tubo da 13/15mm (food grade, spesso e in grado di supportare alte temperature, come il silicone) può andare bene.

     

    Sleipnir

    • Like 1

  8. Grazie jumper.

    Lol, chiedo perdono. Cercherò una soluzione migiore... :P

     

    2. Mi confermi che posso fare come ho disegnato, ossia fare entrare nella shuko due fili della fase (da due origini differenti)? Chiedo conferma perchè in qualche discussione passata mi avevi fatto notare che facevo erroneamente entrare nella shuko due neutri. Siccone non ci capisco un'H, chiedo conferma prima di sbagliare e perpretrare l'errore...

     

    Sì, è come dici, quindi taglio la massa e la utilizzerò per i collegamenti del PID con l'SSR (rispondo così al punto 4).

     

    Grazie ancora, mi stai aiutando tantissimo!

     

    Sleipnir


  9. Grazie jumper, sempre gentilissimo!

     

    1. Credi che mi possano interessare nel mio caso?

     

    2. Ok. Ho rifatto i disegni considerando di interrompere la fase e non il neutro:

     

    Pannello di controllo MASH: http://i61.tinypic.com/5u4hw.jpg

     

    Posso fare come ho disegnato nell'angolo del foglio (mettere in una sede la fase dal pulsante on/off del bypass e nell'altra la fase dall'SSR)?

     

    Alimentatore variabile 12V: http://i61.tinypic.com/ftd1t3.jpg

     

    La terra dell'FROR dove e come la metto? La lascio li penzoloni senza alcun contatto?

     

    4. Proprio così! Dici, quindi, che posso usare per i punti 3 e 4 dell'SSR cavi da 1.5mmq o è meglio usare quelli da 2.5mmq?

     

    Grazie mille.

     

    Sleipnir


  10. Grazie jumper per la risposta!

     

    1. Ottimo, sono contento di aver interpretato nel modo giusto le fonti trovate sulla rete.Purtroppo sono ancora insicuro per quanto riguarda il PID. Ti allego un'immagine, mi puoi per favore aiutare a comprendere? Grazie.

     

    PID Sestos d1s-vr-220: http://www.sestos-hk.com/english/english/upfile/d1s-info.jpg

     

    Le sigle nei punti 1-11-12 per cosa stanno? Possono essermi utili nel mio sistema?

     

    2. Cosa vuoi dire? Credi ci siano problemi se non polarizzo il sistema? Stavo pensando anche io di interrompere la fase.

     

    4. Come per il PID, ti allego un'immagine:

     

    SSR 25 DA: http://iw.suntekstore.com/office_cache/262/14001717/iw1315193349_image.jpg

     

    L'input (punti 3 e 4) dovrebbero ricevere da 3 ai 32V e presentano polo positivo e negativo. Ho interpretato questo come la possibilità  di usare cavi da 1.5mmq. Non ne conosco il funzionamento, ma ragionando (ditemi se sbaglio e correggetemi) il PID rileva la temperatura e, sulla base di quanto è stato impostato, manda un segnale elettrico al'SSR che gestisce l'apertura/chiusura del sistema (non a caso l'SSR prende il neutro nel punto 1 e lo scarica nella presa dal punto 2).

     

    3.5.6.7. :good:

     

    Grazie mille.

     

    Sleipnir


  11. Propongo uno schema che, credo, sia meno incasinato del primo :rolleyes: :

     

    http://oi61.tinypic.com/25p4f9z.jpg

     

    Rispetto allo schema originale, non ho connesso la presa della pompa con il dimmer e il voltmetro. In questi giorni ho pensato di non regolare la pompa modulando il voltaggio perchè, leggendo diverse discussioni, si sconsiglia su pompe di questo tipo (rischio cavitazione e blocco del flusso con pompa che gira a vuoto). Meglio, quindi, qualcosa di meno raffinato ma più efficace: una valvola in uscita alla pompa. Ho messo comunque aggiunto e separato un eventuale collegamento con questi sistemi.

     

    Ho delle domande:

     

    1. Va bene lo schema? I collegamenti con il PID vanno bene o vanno fatti degli altri?

    2. E' giusto connettere i diversi dispositivi con il cavo della linea aprendo e chiudendo i sistemi con il cavo neutro? Sarebbe meglio fare il contrario?

    3. Ho creato tra una presa e l'altra dei ponticelli per il cavo della linea e della terra. Va bene o è meglio che ognuno sia "indipendente"?

    4. Per il collegamento del PID con l'SSR, sono necessari cavi che supportino la 220 (2.5mmq) o possono andare bene anche dei cavi da 1.5mmq?

    5. In caso di dimmer, il voltmetro lo devo collegare a un cavo marrone e uno blu in uscita dal dimmer?

    6. Per comodità , posso collegare con un cavo marrone la sede vuota della linea nella presa UTENZA con il punto 10 del PID?

    7. Cosa ne dite dell'impiego, quando possibile, degli splice in sostituzione al cappuccio?

     

    Grazie mille.

     

    Sleipnir


  12. Grande, avrei bisogno di lezioni anche io! Non ne so nulla e per questo ti ringrazio per il supporto che mi hai dato.

    Anche se mi dici che vanno bene, mi piacerebbe proporti comunque un disegno meglio fatto e più dettagliato. Ho in mente nuove cose e alcuni cambiamenti. Appena posso, disegno e posto su questa discussione. Grazie ancora e buona giornata...

     

    Sleipnir


  13. Ok, grazie mille.

    Però quel filo non va alla shuko! Il mio schema è straincasinato, lo so... Sono un artista in fondo (molto in fondo)!  :P

    E' un filo che ho dovuto tirare sul foglio per questioni di spazio che non va alla shuko ma agli interruttori che controllano le altre due prese...

    L'unico filo blu che va alla shuko è quello che proviene dall'SSR.

    Stasera ci risentiamo, grazie mille...


  14. Ciao jumper, grazie per la risposta (e la pazienza  ;) ).

    In un post precedente ho messo il link dove ho acquistato gli interruttori, con inerenti specifiche.

    Questi interruttori hanno tre pin: quello color bronzo, da quello che ho capito, serve unicamente per l'accensione del led contenuto nel pulsante; gli altri due pin argento servono invece per aprire/chiudere il sistema. Ho pensato, forse erroneamente, di gestire l'apertura/chiusura dei sistemi (visibile anche a livello dell'SSR) con il cavo neutro (blu). Cosa ne dici? Sbaglio? Grazie mille.

     

    Sleipnir


  15. Do maggiori informazioni:

     

    presa shuko: http://www.idroelettroshop.it/moduli-system-white/166-gewiss-system-white-presa-universale-2pt-.html

     

    prese bivalenti: http://www.idroelettroshop.it/moduli-system-white/164-gewiss-system-white-presa-bivalente-2pt-.html

     

    On/off: http://www.ebay.it/itm/281397079517?ssPageName=STRK:MEWNX:IT&_trksid=p3984.m1439.l2649

     

    Il PID è un Sestos d1s-vr-220 connesso a una PT100 e relè SSR25.

    I cavi sono da 2.5mmq (FROR 3x2.5mmq), mentre i cavi nero e rosso sono da 1.5mmq.

     

    Il dimmer e il voltmetro posso anche ometterli e gestire la pompa (Iwaki md20r) con una valvola in uscita.


  16. Ciao jumper, grazie per la risposta.

    A cosa ti riferisci nello specifico? Scusa ma proprio non ho capito...

    Saresti così gentile da spiegarti meglio? Sono proprio capra in queste cose...

     

    Per l'alimentatore ho fatto affidamento a questo video:

     

     

    Per il resto ho dovuto cercare sulla rete, informarmi e... non capirci nulla! :fool:

    Sono andato a intuito sulla base di quello che ho visto e letto sui forum, blog, etc etc.


  17. Per il mio impianto BIAB ho pensato di costruire un pannello di controllo per la gestione della temperature durante la fase di mash. Tale pannello avrà  una presa dedicata per la pentola elettrica da 1800W e ne regolerà  l'accensione/spegnimento mediante PID Sestos d1s-vr-220. Vi saranno, poi, altre due prese, una per alimentare una pompa Iwaki (voltaggio regolato con un dimmer) e l'altra per una qualsiasi utenza ausiliaria. Ogni presa sarà  indipendente e regolata mediante pulsante on/off. 

    Ho in mente, inoltre, di costruire un alimentatore variabile da 12V, dotato di uscita facilitata per l'alimentazione del mulino-macchina per la pasta motorizzato con motorino tergicristalli e l'agitatore magnetico (ventola pc da 12V). Questo alimentatore lo ricaverò modificando un alimentatore per laptop da 15V e 5A.

    Questi sono i disdegni che ho fatto:

     

    Pannello di controllo: http://i61.tinypic.com/dw8chx.jpg

     

    Alimentatore variabile 12V: http://i62.tinypic.com/so4k13.jpg

     

    Agitatore magnetico e motorino: http://i61.tinypic.com/2hewzyf.jpg

     

    Cosa ne dite? E' tutto collegato a dovere o ci sono cose che devo sistemare? Grazie per l'aiuto.

    Dove c'è scritto "vampiri", intendo l'utilizzo di splice: 

     

    http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTeJpA4-Bv1mgdLNvYtxXchkrc0nbPxFvBHX8hUsL5qYslmhWzI

     

    Sleipnir


  18. Mi dispiace ma non conosco il dato.

    Comunque potresti determinarlo con un semplice procedimento secondo me.

    In un recipiente graduato metti 250 gr di grani e 250 cl di acqua.

    Leggi il volume, finale sottrai i 250 cl e ti rimane il volume dei grani (250gr) moltiplichi per 4 e ottieni il volume di un chilo di grani.

     

    Dovrebbe essere 0,67 l/kg

     

    Grazie mille a entrambi!

     

    Però, non ho neanche capito a cosa ti serve sapere questo dato, se é per lo spazio in pentola puoi evitare tutto e considerare circa 1kg:1l

     

    Unicamente per una questione di spazio (limitato). Considererò anche questo tuo consiglio... Grazie.

     

    Sleipnir

×
×
  • Create New...