Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

mpjame

Utenti Registrati
  • Content count

    124
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

13 Buona

About mpjame

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 10/02/1989

Profile Information

  • Location
    Provincia di Macerata

Recent Profile Visitors

355 profile views
  1. mpjame

    Ispindle

    Io ne ho fatti 5 con le mie mani sfruttando quei link sopra e i soldi che ho speso per farli sono andati tutti in materiali presi dai cinesi di un noto sito asiatico...magari lui finanzia questo sito e non lo sapevo...in realtà questa pubblicità che sto facendo è per evitare il mese abbondante di attesa delle spedizioni...[emoji849]
  2. mpjame

    Ispindle

    Tutto sta discussione per il nulla, stiamo parlando di un progetto open di cui si trova tutto online, di cui esiste una pagina (tedesca) che vende il kit completo per prepararselo a casa da solo. Il progetto è tedesco, a questo progetto Filippo ha partecipato attivamente. Se volete vi dico la mia esperienza personale: mi incuriosivano questi “attrezzi” perché sono abbastanza smanettone, frequento il forum anche se solo passivamente da diversi anni. Grazie al forum ho avuto modo di scoprire di questa cosa, ho contattato Filippo che mi ha detto se vuoi ce ne ho un paio pronti, altrimenti mi ha dato i link (vedi sopra) dove trovi tutte le info. La mia smanettositá mi ha portato ad informarmi e me lo sono fatto da me grazie alle info datemi da Filippo. Ne ho fatti altri per alcuni amici birrofili della mia zona, Filippo lo contatto se ho qualche problema e lui è sempre pronto a dare suggerimenti per risolvere la situazione. Il tutto a costo zero...toh per essere proprio puntigliosi ci prende qualche centesimo di euro dalle pcb, ma se uno è capace se le può fare anche da solo.
  3. Come filtro ho il fondo filtrante fatto da Lamanna sul mercatino di facebook. Comunque per la prossima volta provo a mettere il tubo in verticale e ad aumentare il flusso. Visto che ci sono ho diminuito l’output nel PID come detto e provo a rifare l’autotune.
  4. In effetti lo tengo orizzontalmente, proverò a metterlo come dici tu. Per il flusso della pompa al massimo ho un po’ perplessità, da qualche parte, non ricordo dove, avevo letto che il flusso del ricircolo non doveva essere eccessivo perché poi poteva portare problemi alla birra, però non so quanto sia vera questa cosa. Come pompa io ho la TL-10BH ma penso cambi poco.
  5. Sinceramente non ne ho la certezza assoluta però da quello che vedo dal tubo in uscita il flusso d’acqua mi sembra costante. Forse posso provare ad aumentare il flusso della pompa che regolo con un relè. Però da quello che noto dal PID in funzione è che molto spesso l’output arriva a 100 anche per differenze di temperatura di 0,5ºC
  6. Salve a tutti! È da un po’ che non intaso più il forum con le mie richieste per il vostro bene ma questa volta, ahi voi, non posso farne proprio a meno e mi servirebbe un suggerimento da chi magari ci è già passato.[emoji12] Giungo al punto, mi sono auto costruito un sistema RIMS composto da PID Sestos D1S, resistenza Gandolfi da 2000W e pompetta per il ricircolo Topsflo. Il mio problema è che molto probabilmente la resistenza in questione è troppo potente per la gestione delle temperature e mi trovo del mosto leggermente carbonizzato intorno quando la pulisco a fine cotta. Pensavo di risolvere depotenziando la resistenza nei settaggi del PID ma non sono sicuro della cosa. Da quello che ho capito bisognerebbe abbassare il valore oPH (output upper limit). Cosa ne pensate? Suggerimenti? Opinioni?
  7. Io penso che alla fine opto per l'elettrico e vorrei provare a costruire un RIMS in modo da evitare di forare ulteriormente la pentola. Ho già trovato una pompetta della topsflo ad un prezzo ragionevole su ebay in UK in modo da evitare dazi. Apprezzo l'idea del gas ma vorrei provare l'elettrico visto che vorrei sfruttare il PID al massimo.
  8. Stiamo portando avanti più o meno la stessa discussione. Essendo una scelta che spero sia definitiva mi farebbe veramente comodo capire l'esperienza diretta di chi ci è già passato![emoji6]
  9. Sto facendo una serie di valutazioni di pro e contro nei due set. L'elettrovalvola ha diversi pro tra cui la spesa, la reperibilità degli oggetti e il fatto che non devo modificare assolutamente l'impianto, però dall'altra parte non riesco a giustificarla la spesa: non è una vera automazione, non parlo di temperatura, 0,5°C o 1°C poco mi importa, ma del fatto che comunque gli devo stare dietro (sto da solo a birrificare) e, per dire, non posso mettermi a fare altro (preparare l'attrezzatura per passaggi successivi). A questo punto se devo prendere un'elettrovalvola non so se rimango a fare tutto manualmente come faccio già . Smentitemi se dico castronerie, io vado a senso e seguendo le indicazioni nelle varie discussioni (utilissime) del forum. Per quanto riguarda l'elettrico vorrei chiedervi: un RIMS è compatibile eventualmente con un filtro bazooka o anche qui dovrei cambiare, magari con un doppio fondo?
  10. Sisi questo lo so, però per quanto riguarda l'inerzia termica sia a salire che a scendere, si riesce a gestire la cosa??? Magari ti posso contattare in PM per capire come settare al meglio il tutto? Ringrazio comunque tutti per la disponibilità e per la gentilezza. Avevo tutta un'altra idea in testa ma è sempre meglio sentire l'esperienza diretta di esperti HB. [emoji3][emoji3][emoji3]
  11. Comunque la mia non è una fissa sulla temperatura , ci mancherebbe, ma volevo capire come poter automatizzare il mash, sfruttando quello che ho già (pid e pale) e introducendo qualche miglioria che mi alleggerisca un po' il processo. Avevo scartato l'elettrovalvola per la difficoltà di gestione col pid e per la pericolosità ad essa connessa per via del metano.
  12. Il discorso vale anche per la resistenza venduta da Gandolfi??? Perché 2000w di quella lunghezza non dovrebbe avere un'alta densità da quello che so. La mia idea era proprio quella di alzare le pale, composte da tre alette che girano abbastanza velocemente. Mi stai facendo venire grossi dubbi e forse mi fai rivalutare l'idea dell'elettrovalvola (considerato che ho un venditore qui vicino casa). Non avrei neanche difficoltà a costruirmi un RIMS considerando che ho il mio spacciatore di fiducia d'acciaio aisi 316 (anche lui vicino casa). In questo caso però dovrei buttare le pale e comprare una pompa di cui ora sono sprovvisto e non saprei neanche dove cercarla.
  13. Le altre vendute dallo stesso venditore sono stainless steel 304, a detta sua (magari fosse vero), e sono identiche solo da un wattaggio maggiore (per questo le ho scartate). Ma a prescindere dal materiale, che anche se c'è scritto dubito sia vero, chiedevo se qualcuno le avesse provate. Ho contattato per email anche Gandolfi e sto valutando quella da 2000w. Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  14. Salve a tutti! Scusate se pongo una domanda ritrita ma mi sto scervellando su come automatizzare la mia fase di mash. Il mio è un impianto a 3 tini e per adesso faccio tutto con due fornelloni e il metano di casa. Considerando che ho già un pid sestos, volevo incominciare ad avere una regolazione più fine della fase di mash, rispetto ad ora che accendo e spengo a mano. Premetto che la pentola è provvista di pale motorizzate autocostruite. Ho scartato l'elettrovalvola per sfruttare al massimo il Pid e ho puntato su una resistenza. Girando e rigirando in rete ho trovato questa: http://m.ebay.it/itm/Water-Heating-Element-Screw-In-Immersed-Foldback-1-INCH-NPT-Thread-240V-2500W-/321930410015?nav=WATCHING_ACTIVE àˆ presente anche su Amazon ad un prezzo maggiore e sinceramente sembra la stessa venduta da BrewPi (opinione personale). Che ne pensate??? Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  15. mpjame

    Ricetta Sciroppo Di Zucchero Candito Scuro Belga

    Salve, riscrivo dopo un anno dal mio messaggio sconfortante sulla mal riuscita dello zucchero candito. Devo dire che con quello ottenuto ci ho prodotto una belgian dark strong ale anche se pensavo fosse venuto male...che dire la birra era fantastica e non si sentivano assolutamente note di bruciaticcio o altro ancora, non solo, è stata molto apprezzata da amici e familiari (lo so vale come il due di picche ma mi accontento di poco). A distanza di un anno, vista la buona riuscita della birra, ho deciso di riprovare! Questa volta però ,sapendo a cosa andavo incontro, mi sono attrezzato di tutto punto con pentola ENORME (non troppo dai...) e due termomentri (two is meglio che one) ma soprattutto nel mio caso ho trovato fondamentale mischiare continuamente il composto. Che dire, rispetto alla volta scorsa non ci sono parogani! Come hai indicato in altri commenti prima di passare alle ultime fasi comunque lo zucchero rimane abbastanza chiaro, certo non giallo pallido ma neanche nero pece, note di bruciato quasi del tutto assenti (sicuramente devo ancora aggiustare il tiro) e sapore finale ottimo. Grazie ancora per la ricetta, inanzitutto per averla condivisa (di solito uno è geloso delle proprie creazioni) e poi per i consigli che continui a darci nonostante la nostra testa di legno (almeno la mia).
×