Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

dakmor

Utenti Registrati
  • Content count

    95
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

13 Buona

About dakmor

  • Rank
    Member
  1. Se può esserti utile qualche settimana fa ho chiesto delucidazioni a Mr Malt su come venissero conservati i luppoli e mi è stato risposto che li tengono in frigo a 4°C. Non è il freezer ma visto che sono anche sottovuoto dovrebbero mantenersi bene anche per 18 mesi.
  2. Se posso permettermi te lo sconsiglio: iniziare con l'all grain, per di più quello classico, non è una buona idea. Principalmente perchè richiede un investimento considerevole, oltre ai circa 100 euro di kit base per la fermentazione devi comprare per una pentola decente e capiente, recuperare un fornellone e una bombola di gas (perchè 30 litri di birra non la fai bollire sui fornelli della cucina), comprare strumentazioni adatte al controllo della temperatura e ph durante il mash, pensare ad un sistema di filtraggio e attrezzarti con una serpentina per raffreddare la birra a ebollizione conclusa. Partendo da zero spenderesti circa 200-300 euro di attrezzatura e sarebbe probabilmente scomoda da utilizzare. In secondo luogo sarebbe tutto nuovo, l'all grain non è difficile, ma richiede attenzione in determinati passaggi, la consapevolezza che i dettagli sono fondamentali e un'assoluta conoscenza del processo per andare incontro e risolvere gli imprevisti. Io ti consiglio di comprare il kit di fermentazione migliore che trovi sui vari siti di riferimento (in plastica, per l'inox c'è tempo), perchè tanto col tempo compreresti tutti gli accessori esclusi nelle versioni base, e di prendere confidenza con tutto il procedimento di fermentazione. Poi leggi leggi leggi leggi, sia su internet che libri come "La tua birra fatti in casa" di bertinotti, passa all'e+g per mettere a punto la luppolatura e poi quando ti affaccerai all'AG sarai pronto a gestirlo. Nessuno ti vieta di partire con l'AG, magari ti verrebbe subito anche bene, ma al 90% saresti in balia del procedimento e nel caso qualcosa andasse storto difficilmente riusciresti a capire il problema, isolarlo e risolverlo; con la conseguenza che magari dopo qualche cotta con risultati altalenanti e casuali molleresti lì tutto, rimettendoci un investimento iniziale considerevole. E' come comprarsi una moto sportiva da 200 cv senza essere mai salito neanche su una bicicletta, fa figo e ti senti realizzato a farla vedere agli amici del bar, ma se poi non sai stare neanche in equilibrio su due ruote cosa te ne fai davvero?
  3. Grazie Vale. Allora la decozione è meglio se la lascio stare per "limiti" personali. Ho fatto un solo tentativo nella mia vita e mi è scappato uno step facendo bruciare un po' i grani e mi son ritrovato con dei sentori di bruciato nella birra finita. Questa dunkel è una cotta che faccio come regalo ad un amico, quindi preferisco stare su una procedura che conosco bene in modo da limitare le possibili "vaccate". Per i malti tostati: anche 50 grammi dici che si sentono subito? @Vinc Cold stepping mi è nuova francamente, significa fare un infusione a freddo prima di inizare con gli step di saccarificazione?
  4. Grazie per le risposte. Conco, l'idea non è quella di avere tutti quei sapore tipici dei malti scuri, ma di non averne nessuno se possibile. Il punto è cercare di capire se nella birra finale si senta di più al palato un malto tostato da 500 di ebc usato al 3%, oppure uno con 1500 ebc usato all'1%. L'orzo tostato e non maltato invece come si comporta rispetto ai malti? Sarebbe un'alternativa valida? Tanto stiamo parlando di 50 grammi di prodotto, non credo che l'amido crei problemi a queste dosi no?
  5. Ciao a tutti! E' tanto tempo che non scrivo, anche perchè negli ultimi tempi ho ridotto al minimo l'attività brassicola. Ora con l'anno nuovo voglio ripartire ed ho in programma di fare una munich dunkel. L'idea è quella di non esagerare con i malti caramellati, potenzialmente la farei con 70% di monaco, 25% di pilsner tedesco e un 5% residuo di malti speciali. Ora vorrei sfruttare quel 5% nel modo migliore possibile per dare colore alla birra senza incidere troppo sul sapore. Per vostra esperienza personale qual'è il malto tostato che dà più colore senza andare ad aggiungere eccessive note al palato di tostato/caffè/cioccolato/bruciato? Del caramello è accettabile, il tostato non lo vorrei. Grazie e buon natale!
  6. Bene, l'us05 ha fatto effetto! Ha abbassato la fgvdi ben un punto..... A questo punto o il lievito era davvero messo male (mezza bustina conservata in frigo da 2 settimane) oppure ho fatto solo destrine nel mash.... Anche se mi sembra davvero strano visto che ho fatto 10 minuti di protein a temperature alte (56 °c) dove sono gia' attive le beta.... Imbottigliato tutto sempre con 5gr/l, spero nn esploda niente
  7. Eh si lo so bene... Una volta viaggiavo anche a 6,5 grammi/litro, poi dopo qualche fontana ho smesso
  8. Ma no dai, diamo una mano alla schiuma, facciamo rifermentare per bene
  9. Io recupero il possibile iniziando a pescare con sifone quando il livello scende sotto quello del rubinetto, ma ovviamente un paio di litri almeno devo lasciarli lì, altrimenti lo schifo comincia ad esser parecchio
  10. Aggiornamento per chi eventualmente è interessato: come previsto la densità è calata di un niente in una settimana: da 1026 a 1025. Ho deciso di imbottigliare con 5 gr/l 10 litri di birra, mentre nei restanti 11 ho inoculato la mezza busta di us05. Per ora nessun segno di schiuma in superficie, ma son due giorni che il gorgogliatore sbuffa ogni tanto.... Vediamo al controllo di sabato se ha attenuato un po' di più
  11. Come sarebbe che non hai mai sentito parlare del protein rest?! Perdonami ma se birrifichi con base pils è quasi fondamentale (dico quasi perchè esistono pils così modificati da non richiedere il protein in linea teorica).
  12. Bè come prima cos puoi investire nel mulino, come seconda puoi eliminare il carapils che se birrifichi con pilsner come base lo reputo assolutamente inutile, fai 5 minuti in meno di protein rest e hai il medesimo risultato di usare il 4% di carapils in ricetta.
  13. La storia delle pressioni francamente mi sembra una fesseria: tra un giorno di pioggia e uno di sole, oppure tra livello mare e 1000metri, ci ballano 10000 Pascal, mentre i due centimetri di acqua spostati dal gorgogliatore sono neanche 200... Aggiungiamoci pure che l'aria dentro il fermentatore è comprimibile e magari al livello birra abbiamo qualche pascal in più, ma davvero poca roba, direi che è del tutto ininfluente
  14. No il termometro è giusto.... Segnava la temperatura corretta di ebollizione durante amaricatura e ora segna quella ambiente uguale ad altri termometri che ho, non è quello il problema
  15. Ciao a tutti, dopo anni di birrificazione anche per me e' arrivato il primo e sempre temuto problema di fermentazione, ovvero a fronte di una OG di 1060, la gravità è piantata a 1025. Il lievito che ho usato è il workhorse della Mangrove Jack's (io volevo usare il nottingham ma l'avevano finito e birramia ha ben pensato di mandarmi questo... grazie ), inoculato due bustine e fatto fermentare in ambiente a 16°C.