Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

gaetano69

Utenti Registrati
  • Content count

    8
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

2 Neutra

About gaetano69

  • Rank
    Junior Member
  1. gaetano69

    Lievito Barleywine

    Ciao a tutti. sì, la cotta è già fatta, le decisioni prese e anche le cazzate fatte. ebbene sì, ho rovinato il mio BW... è giusto che ricominciando dopo uno stop faccia gli errori da neofita che non facevo più... in sostanza ho inoculato con il mosto ancora troppo caldo (24°C) due buste di s-04 che hanno cominciato a far gorgogliare già dopo 6 ore dall'inoculo. il mattino dopo il gorgogliatore era vuoto per la troppa potenza di fermentazione. sostituito con un blow-off e messo il gorgogliatore a bagno in acqua di rete (18°C) per tenere bassa la temperatura, ma ormai il danno era stato fatto. praticamente ha fatto il grosso della fermentazione nelle prime 12 ore con una temperatura decisamente troppo alta e troppo velocemente. questo ha fatto sì che al primo travaso dopo pochi giorni con assaggio e misura densità avessi già un'attenuazione del 68% e una puzza indecente di banana. spero che in bottiglia questi mega esteri si ammorbidiscano un po', ma in realtà non sono molto ottimista. mi sa che semplicemente ho fatto una gran cazzata e buttato via una cotta di quelle che se le sbagli bestemmi.   andranno sicuramente meglio le prossime, sto finendo di recuperare attrezzatura da AG e sto facendo la camera di fermentazione in un vecchio frigo che ho in cantina inutilizzato. per il momento mi consolo con l'APA fatta a ottobre.   in ogni caso posso direi che s-04 è arrivato praticamente in fondo, ma c'è da tener conto del fatto che è arrivato lanciato con una catapulta. la prossima BW che farò la farò allo stesso modo, fermentandola lentamente, magari sui 19°C e aiutando magari s-04 con un us-05 verso la fine se non ce la fa.   buone birre a tutti
  2. gaetano69

    Lievito Barleywine

    lo 05 poi mi regge i 10-11 gradi alcolici? Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk
  3. gaetano69

    Lievito Barleywine

    grazie per i pareri. sabato se tutto va bene cucino. e farò così: fermentazione primaria con s-04 (due buse). travaso dopo un paio di giorni dalla fine della fase tumultuosa. ritravaso dopo una settimana o poco meno e inoculo t-58. riritravaso per lasciare indietro anche lui. una settimana per farlo sedimentare bene e riassorbire il diacetile e poi imbottiglio. so che è un po' da fuori di testa e mi tiro avanti la faccenda per minimo minimo tre settimane, ma per un barley wine questo e altro... tra un annetto vi saprò dire com'è venuto... buona birra. Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk
  4. occhiali protettivi qualsiasi di plastica,ma se porti quelli da vista potrebbero bastare già quelli. guanti in gomma da cucina, in lattice o nitrile da laboratorio...quelli che preferisci purchè impermeabili. la soda è pericolosa ma non è acido solforico.... in caso di contatto con la pelle acqua corrente e via. non entrare in paranoia.... buone birre Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk
  5. grazie mille. mi era sfuggito. quindi per i profani: 1%=10grammi/litro di conseguenza 5%=50grammi/litro occhio che la soda scalda sciogliendosi. Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk
  6.   Documento decisamente interessante e approfondito. Grazie mille.   In sintesi dice che la soda è un ottimo mezzo di pulizia soprattutto per residui lipidici (grasso) e proteici. Non specifica purtroppo la concentrazione ottimale, e sinceramente io stesso vado a occhio (e sicuramente esagero). Inoltre descrive come sia buona cosa sciacquare le superfici passandole con un abrasivo (nel caso dei fermentatori di plastica deve essere una spugnetta non abrasiva o una spazzola a setole morbide per evitare di creare graffi in cui i contaminanti si possano annidare) preima del trattamento con soda. Acqua che deve avere temperatura superiore ai 45°C per sciogliere grassi e proteine, ma inferiore ai 60°C per evitare di cuocerle e rendere la pulizia più difficoltosa. Ricordo inoltre che la soda va lasciata a contatto perchè abbia un effetto disincrostante (almeno 15-20 minuti e più secondo il tipo di sporco). Anche se sarebbe meglio evitare direttamente la formazione di incrostazioni....   Per quel che riguarda la candeggina, ho fatto due calcoli secondo le indicazioni date dal documento. considerando una concentrazione di cloro attivo del 3% nella candeggina commerciale (di solito è 3-5%) e supponendo di volerla usare ad una concentrazione di 200ppm (il doc parla di 100-200ppm per la disinfezione), sono necessari 66ml di candeggina (mezzo bicchiere) in 10l di acqua. Per quanto riguarda i tempi di contatto a questa concentrazione, sono sufficienti 1-2 minuti per uccidere le forme vegetative di quasi tutti i microorganismi, e dopo 20 min di contatto sono state fatte fuori anche le spore di Aspergillus (la muffa che cresce nel frigo, per intenderci). Per l'eliminazione del cloro residuo (e quindi dell'odore di candeggina) parla addirittura di "lasciar asciugare la superficie". io una sciacquata con acqua calda e poi con acqua e metabisolfito gliela darei comunque, che l'odore del cloro nella birra non ce lo voglio proprio....   buona birra
  7. da uomo di laboratorio mi permetto:   -la soda è un ottimo mezzo di pulizia. meglio usare guanti e occhiali ma in realtà prima di far male bisogna metterne tanta. se è sufficentemente concentrata ce ne si accorge perchè comincia a bruciacchiare la pelle, in quel caso semplice acqua corrente, non spaventatevi. il risciacquo dell'attrezzatura con semplice acqua, meglio se calda, è più che sufficente. senza bisogno di acidi vari. in ogni caso guanti e occhiali sono come le luci in moto: accese anche di giorno.   -io non ho mai usato la soda come sanitizzante, ma effettivamente se qualcosa riesce a sopravvivere ad un trattamento di NaOH bisognerebbe stringergli la mano. secondo me però servirebbe a concentrazioni più alte di quelle necessarie alla pulizia.   -per la sanitizzazione la candeggina va benissimo così com'è, senza aggiunta di acidi. MAI mischiare regagenti chimici senza sapere come si potrebbero comportare. tra l'altro non è solo in grado di sanitizzare a basse concentrazioni, ma a concentrazioni più elevate addirittura sterilizza. per il risciacquo basta acqua molto calda, se si è paranoici si può usare acqua bollita. se persiste odore di cloro un poco di metabisolfito aggiunto all'acqua (mai il contrario) è efficacissimo.   -IL METABISOLFITO NON è UN SANITIZZANTE   -personalmente uso decisamente meno di 5lt di acqua+candeggina per sanitizzare i fermentatori. gli do una bella agitata ogni 5 min per 20-30 minuti e poi va di risciaquo come ho descritto sopre.   -per quanto riguarda lo scambiatore, è uno di quegli elementi che se trattato male può rovinare una birra dietro l'altra prima di accorgersi dove sta il problema. io faccio così: _alla fine della cotta faccio passare l'acqua di rete nel canale dove è passato il mosto, con forza e in entrambi i versi. _svuotato dall'acqua lo riempio di alcol etilico. per intenderci quello alimentare 95°. _alla cotta successiva lo scambiatore è già sanitizzato, se non addirittura sterile. in ogni caso si può anche (io lo faccio) dargli una bollita di 15-20 min in acqua prima di utilizzarlo. l'acqua bollente poi sciacqua la candeggina che è una meraviglia.   alla fine ho scritto un sacco, non volevo... spero di essere stato utile. buona birra.
  8. gaetano69

    Lievito Barleywine

    Ciao a tutti, sono un vecchio/nuovo utente del forum che sta ricominciando a cucinare. Ho in programma per il prossimo fine settimana un barleywine E+G e il mio dubbio ricade sulla scelta del lievito:   prevedo di arrivare ad una OG di 1.100 o giù di lì (devo ancora scrivere la ricetta dettagliata) in 20 litri totali, e la questione sta nel fatto che vorrei che il mio vino d'orzo avesse in se gli aromi stupendamente inglesi dell'S-04. stando al calcolo del pitching rate ci sbatterei dentro due buste da 11,5g, ma... riuscirà ad arrivare alla fine? non c'è il rischio che l'alcol me lo faccia fuori?   Un mio amico (ad onor del vero abbastanza navigato) dice che non esiste che l'S-04 riesca a fermentare sopra i 7,5/8% di alcol, e da un paio di ricerche fatte direi che ha ragione.   Consiglio suo: o uso un US-05 (cosa che non voglio fare perchè è troppo pulito per il barleywine che voglio fare io) oppure metto una sola bustina di S-04 e al travaso nel secondo fermentatore metto una busta di T-58 per finire lo sporco lavoro.   Sinceramente l'idea mi piace, ma il mio dubbio è: se poi il T-58 (giustamente) attenua come suo solito e spara alle stelle la gradazione alcolica, il mio S-04 sul fondo del fermentatore e successivamente su quello delle bottiglie non rischia una bella autolisi in stile "credevi fosse birra e invece è simmenthal"?   Cosa ne pensate? Idee su altri lieviti secchi da usare?   Tenete conto che non ho menzionato di proposito i liquidi perchè in questo momento di voglia di mettermi in ballo con degli starter proprio non ne ho...
×