Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

mpenzo

Utenti Registrati
  • Content Count

    53
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutra

About mpenzo

  • Rank
    Member
  1. Tyrion e senza dry come ti sei trovato? Hai aggiunto un botto a 0 min? Si sente tanto la differenza?
  2. Ma il gushing non può essere causato anche da priming eccessivo?
  3. Se stappassi e ritappassi? Ho letto su vari forum che diversi hanno fatto cosi risolvendo in parte il problema gushing. La mia domanda è: devo stappare completamente e sostituire il tappo o basta una sgasata e rischiacciare il tappo giù? Se si è già un po' deformato dopo lo sfiato non rischio di far entrare aria e di ossidare la birra nel giro di qualche gg? Utilizzo tappi a corona..
  4. Per non farmi mancare nulla ho aperto anche una da 0,75 e purtroppo di nuovo gushing. Propendo per un errore di calcolo oppure (cosa più probabile) un'infezione che però non presenta cattivi odori, anzi. Essendo stato il mio primo dry hopping prossimo giro o provo un'ipa senza dry, lo so sembra una bestemmia, oppure lancio dentro il luppolo in pellet congelato senza calza e dopo la pausa a 3° per 3 gg per il travaso preimbottigliamento uso un pezzetto di sarita alla fine del tubo stavolta non solo sanificato con oxi ma anche bollito, nonostante sia un tessuto garantito fino agli 80° circa mi sembra. Alternative potrebbero essere un filtro in inox tipo questo: https://imageshack.com/i/ip8gghjQg https://imageshack.com/i/ewzaimMJj
  5. OG e FG solitamente le misuro sia con densimetro che con rifrattometro e davano più o meno lo stesso risultato, in linea con l'attenuazione prevista dal lievito. Momento momento momento: ho notato che le assaggiate erano tutte bottiglie da 33. Mi son detto apriamone una da 66 per vedere se il risultato non cambia e........................ zero gushing! la frizzantezza è parecchio elevata ok ma bevibile, si sente sempre il profumo di luppolo e il corpo viene fuori abbastanza bene, nota acida sparita. Sbagliato il calcolo nelle bottiglie da 33?
  6. Ho provato una birra dopo 48 ore di frigo e purtroppo il risultato non cambia. Sul fondo della bottiglia si vedono come dei filamenti di lievito verticali che al ruotare della bottiglia in controluce si muovono ancorati al vetro. Il gushing è sempre lento e inesorabile. Al naso si avverte solo profumo di luppolo (E.K.Goldings) usato per il dry hopping, all'assaggio è frizzantissima come la più frizzante delle weiss tanto da dar fastidio e da nascondere il corpo e il finale è un po' acido. Le lascerò ancora in frigo per un po' di gg ma a questo punto penso sia più un'infezione: nelle bottiglie no altrimenti non schiumerebbero tutte, quindi o al momento del dry hopping, è la prima volta che lo provo (nel fermentatore lo escluderei perchè solitamente sono maniacale e non mi era mai successo prima) o del malto, e li sarebbero c@##i perchè ho utilizzato gran parte degli stessi per fare successivamente una stout che ora sta carbonando. Che fastidio!
  7. All'infezione ci avevo subito pensato, la cosa strana è che ho lavato sempre le bottiglie e attrezzature allo stesso modo e che succede in TUTTE le bottiglie. Ok potrebbe essere un infezione data dal dry hopping ma onestamente di odoracci non se ne sentono anzi, il profumo è buonissimo. L'acqua è stata trattata correggendo il ph con acido lattico fino a 5,5 ph.
  8. Niente fontana ma schiuma che fuoriesce lenta e inesorabile, identica a un video pubblicato da Giaco qualche anno fa: Mi sono dimenticato il lievito: English Ale yeast WLP002. OG: 1059 FG: 1018 quindi in linea con i livelli di attenuazione del lievito: 63-70% Cosa intendi per qualche lattico?
  9. Ok quindi non può essere la pausa a 3° il problema del gushing. Per quanto riguarda le ipotesi sono ben lontano da avere la verità in tasca. Sto semplicemente cercando di trovare una soluzione a un mistero che per quanto grande sia non è certo quello di Fatima, voglio dire ci sarà una soluzione e per trovarla è necessario escludere o meno delle possibilità . Riguardo le proteine ecco la lista dei malti e il profilo del mash: -Maris Otter 5 kg -Crystal 150 400 gr -Carapils 300 gr -Vienna 300 gr Mash: 68° per 60' 78° per 15' Non ho notato una differenza di torbidità tra birra a 20° e birra raffreddata per 5-6 ore in frigo; all'assaggio la carbonazione risulta eccessiva ma a questo punto avevo collegato il gushing cioè gushing=grande frizzantezza; lasciata decantare 10 minuti nel bicchiere la birra perde parecchio gas divenendo molto più bevibile. Non ho avuto esplosioni. Escludendo anche il priming resterebbe: lievito in sospensione (secondo me) e troppe proteine?
  10. Ciao a tutti! Mi trovo alle prese con un I.P.A imbottigliata agli inizi di giugno, quindi quasi 2 mesi di maturazione, che presenta gushing in tutte le bottiglie aperte fino adesso (3). Ho letto parecchio in giro su questo fenomeno e le sue possibili cause, se non infinite poco ci manca ma vorrei comunque ragionarci sopra per risolvere questo problema. Mi sento di escluderne alcune: - infezione del malto: in base ad alcuni studi effettuati (non da me) è stato dimostrato che anche un malto infetto mi sembra oltre il 90% non sia responsabile di questo fenomeno; - infezione durante dry hopping: i luppoli erano congelati e li ho inseriti in un hop bag fatta "in casa" con del tessuto sarita e fil di ferro d'acciaio entrambi sanificati con oxi per 15 minuti; - residui di luppolo in bottiglia: dopo 1 settimana di dry ho effettuato 3 gg a 3° per far precipitare i seppur minimi o inesistente residui e al momento del travaso pre imbottigliamento ho attaccato al tubo un altro pezzo di sarita sanificato, la trama è veramente fitta, sarà sui 100 micron; le bottiglie in controluce infatti non presentano residui; - sbalzo termico troppo elevato tra temperatura frigo e ambiente: le bottiglie assaggiate sono state in frigo per 5-6 ore e ho sempre aspettato una 10ina di minuti prima di aprirle; - mal funzionamento del tappo a corona: no; - piccola scheggiatura del vetro della bottiglia: no; - fermentazione non conclusa: no. Io punterei il dito contro: - lievito in sospensione: le bottiglie in questi 2 mesi hanno maturato a una temperatura intorno ai 20° per mancanza di frigo di maturazione o cantine; in controluce si nota sul fondo del lievito in sospensione. Ora ho messo tutte le bottiglie in frigo a 10°, proverò a tenerle li 1 settimana e poi vedrò; - priming eccessivo: calcolando la temperatura di fermentazione per 2 settimane (21,5°) la birra avrà sviluppato all'incirca 0,85 volumi di co2; ho voluto ottenere 1,8 vol di co2 quindi in media con i valori di un'ipa (1.5 - 2.3) quindi ho utilizzato 84 gr di zucchero bianco aggiunto direttamente in bottiglia e pesato come sempre con bilancina di precisione (mai dato problemi). E quindi? Quindi mi viene il dubbio che quei 3 gg a 3° possano aver alzato il volume di co2 seppur a fermentazione conclusa rendendo la birra già abbastanza gasata, quindi priming eccessivo. Può essere?
  11. Pilsner: temperatura di fermentazione 12°, pausa diacetile a 15°, consigli magari 10° la prossima volta x la fermentazione? Stout: qui ho seguito le indicazioni del lievito Irish Ale della White Labs che segnava 18-19°. Riguardo Mrmalty "l'asticella" growth factor dove è meglio posizionarla: a sx al centro o a dx? Perchè spostandola a destra logicamente le bustine di lievito da utilizzare diminuiscono ma mi segna 6 litri di starter con agitatore per una lager con O.G. di 1050 e lievito confezionato a marzo, mi sembra eccessivo per 23 litri. Eppure c'è chi dice che sti calcolatori lasciano il tempo che trovano.. boh..
  12. Alla fine la birra l'ho buttata, era partita secondo me una fermentazione spontanea e continuava ad avere un cattivo odore. Cosi ho fatto un'altra cotta sempre pilsner a bassa fermentazione ma stavolta attivando tot gg prima la busta wyeast e successivamente preparando 2 litri di starter in una damigianetta da 5 litri. Con agitazione "manuale" a intermittenza (diciamo ogni 6 ore più o meno), ho lasciato fermentare per 3 giorni e poi ho messo tutto in frigo per 24 ore. Il giorno dopo ho inoculato nel mosto solo la parte solida. Fermentazione fatta partire a 20° e successivamente abbassata a 12°. Risultato dopo 6 gg la densità da 1.050 era già a 1.020 e 2 gg dopo complice il diacetyl rest era già terminata. Ora sta lagerizzando. Domanda: vista la velocità di fermentazione sono andato in overpitching? essendomi nel frattempo munito di agitatore magnetico e beuta da 1 litro per la prossima ne basta 1 litro di starter con agitatore? Queste considerazione nascono dal fatto che ho da poco fatto fermentare una stout a 18,5° con inoculo di 1 lt di starter con agitatore magnetico x 24h e nel giro di 5 gg la densità anche qui era già arrivata a termine; non controllando giornalmente è probabile che, dopo la partenza in 3h A BOMBA, sia terminata in 3-4 gg. Mi sto facendo l'idea che forse x i classici 23 litri: 0,5l di starter x le alte e 1l x le basse fermentazioni in entrambi i casi con agitatore vadano bene. Sbaglio?
  13. Ho comprato da birramia il loro agitatore magnetico e la relativa beuta da 1 litro. Per fare starter da 2 litri, evitando di spendere 35/45 euro per una beuta di quelle dimensioni, ci sono controindicazioni se volessi usare una pentola da 3 litri di capienza alta e stretta in acciaio? L'ancoretta da 35mm crea un bel vortice fino in fondo con tanto di bolle quindi come potenza ci siamo, in più avrei il vantaggio che come la beuta da 1 litro posso passare dalla bollitura dell'estratto al raffreddamento all'agitatore con lo stesso recipiente.
  14. Smanettando un po' con il calcolatore di mr malty ho voluto inserire la ricetta di questa cotta quindi: lager - densità 1048 - 5,25 galloni - data di produzione del lievito fine marzo e mi segna 4,39 litri di starter. Domanda da ignorante: non è eccessivo mettere 19 litri di mosto e 4 di starter? in questi giorni sto leggendo parecchio in rete sulla questione starter e per tagliare la testa al toro molti considerano sufficiente 1 lt per ale medie, 2 lt per lager e ale molto alcoliche. Mi sfugge qualcosa? Nel caso poi volessi preparare 2 o 4 litri di starter devo cominciare con 1 lt, aspettare che sia finita la mini fermentazione e successivamente aggiungere 1 lt x volta aspettando ogni volta che termini la fermentazione oppure posso fare tutto in un colpo ad esempio con una bottiglia d'acqua da 2 lt o con damigiana da 5?
  15. Stasera ho ricontrollato la densità e non mi si è mossa di 1 mm, inoltre mentre l'altra settimana al momento del travaso si sentiva un buon profumo di luppoli ora l'odore è di qualcosa di stantio. Mi sa che alla fine butterò tutto.. Ora vista la cappella con la bassa fermentazione vorrei capire come mi devo comportare con il lievito WhiteLabs Irish Ale che ho in frigo con scadenza fine luglio. L'ho acquistato x fare una stout con OG di 1.059. E' sufficiente fare uno starter prima oppure un solo lievito non basta?
×
×
  • Create New...