Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

corbaccio

Utenti Registrati
  • Content count

    492
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

Posts posted by corbaccio


  1. Alla fine ho usato la ricetta della ricetta delle bisnonna di una collega 62enne (a occhio, 120 anni fa).

    Il giorno di san Giovanni ho messo noci verdi 29 (circa 1 kg) tagliate in 4, alcol 95° 1 litro, acqua 630 g, zucchero 470 g, 7 chiodi di garofano, 3 scorze di limone, 1 stecca di cannella in un vaso di vetro con tappo a vite, al sole per qualche ora al giorno e ritirato in casa per la notte, 1 mescolata al giorno, tra sette settimane imbottiglierò (stimato 49°). 

    Più che una ricetta, una cabala:D


  2. 27 minutes ago, eamaxb said:

    In genere si, quest'anno ancora non mi sono informato.... Purtroppo vivo in città e le noci devono portarmele 

    Certo:

    13 noci verdi raccolte a San Giovanni 

    1 litro di vino bianco o rosso (io ho sempre usato il bianco) 

    400 gr di alcool

    500 gr di zucchero 

    Tagli le noci a metà e le metti in ammollo nel vino per 40 giorni al buio mescolando ogni tanto

    Passati i 40 giorni mescoli alcool e zucchero e imbottigli

    Chiaramente in base ai gusti puoi variare la quantità di alcool o di zucchero (io ad esempio sono sceso a 350 gr di zucchero) .

    Per mischiare lo zucchero con l'alcool, lo sciolgo prima in pochissima acqua (come per fare priming per intenderci). 

    Per filtrare, se usi i filtri di carta non ti passa più.... Io ci ho provato i primi 5 minuti della prima volta poi sono passato immediatamente ad uno strofinaccio a maglie non troppo strette 

    grazie !! buona domenica

    • Thanks 1

  3. Le latte aperte devono essere usate tutte, credo che conservarle sia molto/troppo difficile.

    Esistono latte per produrre meno litri, es. Brewferm; Birramia produce (o produceva ?) nano-kit (non so se sono solamente all grain ed e+g).

    Le bottiglie vanno conservate al fresco.

    Ciao e buon divertimento

    Mario

     


  4. la temperatura del malto e dell'acqua deve essere quanto più possibile omogenea specie tra sommità (che tende ad essere più calda) e fondo (più freddo), per questo si mescola, si ricircola etc; quello che misuri è la temperatura del "pastone"


  5. La fine della fermentazione è certificata dal densimetro, che misura una densità stabile (uguale) a due misurazioni distanziate di 2-3 giorni; la FG (fnal gravity, densità finale).

    NON è certificata dalle bolle o dai ruttini.

    NON è certificata dalle istruzioni.

    Quanto la fermentazione è SICURAMENTE finita, travasi per togliere schifezze, poi aggiungi lo zucchero previsto (da 2 a 10 g per litro, dipende dallo stile e da tante variabili, se vuoi la birra più o meno gasata, dalla temperatura di fermentazione, etc; cerca "priming") e subito dopo imbottigli. Lo zucchero aggiunto sarà trasformato dal lievito in (poco) alcol e anidride carbonica che, imprigionata nella bottiglia, gaserà la birra.

    Otto grammi per litro sono molti, attenzione che se la fermentazione non è DAVVERO terminata, il gas compresso può far esplodere le bottiglie; raro, ma può succedere e può essere MOLTO pericoloso.

    Se hai aggiunto lo zucchero da meno di un paio di ore, io imbottiglierei; altrimenti lascerei riprendere la fermentazione, aspetterei che ri-finisca e rifarei il priming.

    Qunidi aspetti un mesetto almeno, tenendo le bottiglie al fresco.

    Consiglio: leggiti qualcosa di organico, tipo il pdf di Bertinotti http://www.bertinotti.org/birra_in_casa.pdf chiarisce molti dubbi e previene un buon numero di errori.

    • Like 1
×