Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

corbaccio

Utenti Registrati
  • Content Count

    512
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

Everything posted by corbaccio

  1. grazie dei consigli. Se riesco a recuperare Lalleland Munich classic lo userò, altrimenti wb06 a 23°C e vediamo. Magari 200 g di lolla reidratata, per problemi "meccanici" (mai usato il grano con il BIAP). No ferulic rest, probabilmente sarebbe più utile un lievito "migliore", ma tant'è. Buona serata. Mario
  2. weiss con 2 kg di pilsen e 3 kg di wheat per 23 litri; lievito WB06 (quello ho trovato; se riesco a trovarlo, lo sostituisco con Munich classic) protein rest 55°C 30 min, poi 65°C per 45 min è utile far precedere il ferulic rest (15 min 44°C)? Grazie e buona settimana Mario
  3. Premessa: uso solo bottiglie mie con tappo meccanico, lavate molto bene subito dopo la bevuta; molto molto bene, tenute in un armadio. Prima dell'uso, lavo con acqua calda e scolo, poi sanifico (avvinatore: poca spesa, tanta resa imho) Come molti, ho iniziato con il metabisolfito, tanto anche se non andava bene non me ne accorgevo Sono passato a oxi, toccando ferro mai problemi, anche su bottiglie dimenticate per alcuni mesi Sono quindi passato a starsan: che bello, non devo risciacquare, lascio un'ora a scolare sullo scolabottiglie e via; che brutto, non sempre carbonano bene (faccio bulk priming per rifermentare in bottiglia) Sono quindi ritornato a oxi e mi trovo bene La conegrina la uso per l'attrezzatura non inox. Ciao Mario
  4. la prima cosa che mi viene in mente è ridurre i litri dello sparge, perdi qualche punto ma non credo troppo
  5. il volume morto dell'Arsegan è 6.5 litri, non so perchè l'errore di due litri, boh. AIO cinese ma non mi lamento
  6. certamente.Prima di usarlo, ho controllato aggiungendo un litro di acqua alla volta. L'errore è costante: dove segna 20 sono in realtà 22, dove segna 23 sono 25, 27 invece di 29 etc etc. questo nel mio sistema, consiglio di provare il proprio prima di usarlo. Lo stesso vale per la temperatura: nel MIO sistema 52°C dell'apparecchio sono 53 con il termometro a gabbia, 63 invece di 65, 78 invece di 83 etc; purtroppo, in questo caso l'errore non è costante, ho perso un po' di tempo a fare le misurazioni e mi sono fatto una tabellina per le correzioni, sapendo che anche il termometro a gabbia non è LA verità (basta accontentarsi ed essere consapevoli che facciamo birra e non fusione nucleare). Ciao Mario
  7. nel mio accrocchio (Arsegan 30 L comprato nel 2017) le tacche sono sbagliate, segnato due litri in meno (es: la tacca da 20 litri è invece a 22 litri effettivi e misurati). Ciao Mario
  8. lievito secco T58, iniziando la temperatura a 17-18°C; sul forum ci sono molte informazioni, es. buon 2021! Ciao
  9. Consiglio personale: falla così com'è, zucchero e lievito della Brewferm. Fatta alcune volte anni fa con varie modifiche declamate come portentose sui diversi forum. Boh... è come truccare un Ciao, non diventerà mai una Guzzi.
  10. Gironzolando nel forum, sono capitato qui: mi sembra molto interessante. Magari lo conoscete ma a'sa mai (discussione del 2012, un'era geologica fa). Buona lettura Mario
  11. li trovi facilmente nelle isole ecologiche (es. a Torino quelle dell'AMIAT), alcune riciclano elettrodomestici
  12. Grazie delle risposte. Se continua a rumoreggiare dopo che ho tolto pressione al fermentatore, a temperatura ragionevolmente costante (camera di fermentazione), il borbottio dovrebbe quindi indicare che la fermentazione sta proseguendo. Capisco che l'assenza i attività non esclude la fermentazione, ma la sua presenza, al contrario, dovrebbe essere significativa. Sono di coccio magari, ma se non capisco... non mi adeguo Buona domenica Mario
  13. 1. il gorgogliatore, questo sconosciuto. Se continua a borbottare significa che continua a esserci produzione di gas, cioè fermentazione. Capisco che le variazioni di temperatura, le variazioni di umidità, le pressioni, i movimenti possono variare la tensione del gas disciolto ed il volume del liquido, etc etc. ma il gas da qualche parte deve arrivare. Se sfiato bene tutto e riprende ad esserci sviluppo di gas...chi lo manda? 2. il rifrattometro, questo simpaticone. Al termine della fermentazione posso misurare FG con il solo rifrattometro e vedere se il valore è costante ? Risparmierei liquido e tempo (non necessario sgasare, etc etc). Buona giornata Mario
  14. Mai posseduto un controflusso ma la butto lì: asciugare soffiando con un compressore (magari con filtro interposto)?
  15. Vai e fermenta Per le prossime, vedi di organizzarti meglio; il controllo della temperatura è cruciale. Ciao
  16. Certamente; in genere consigliano 18-20 ma al massimo sarà poco più lenta. Dipende da come mantieni e controlli la temperatura, ricordando che la fermentazione di per sè genera calore
  17. FG final gravity, densità finale (al termine della fermentazione; OG original gravity, densità iniziale del mosto prima che inizi la fermentazione). Non misurare tutti i momenti, sprechi solo birra
  18. se la densità è stabile per 48 ore - meglio 72 - puoi imbottigliare. E' importante la stabilità della FG, NON il valore numerico (entro certi limiti). Se aspetti qualche giorno in più male non fa, anzi.
  19. La durata della fermentazione non la decidiamo noi... se la densità scende, significa che la fermentazione prosegue (non guardare il gorgogliatore, è rassicurante e poetico ma non è affidabile)
  20. Bertinotti: La tua birra fatta in casa Per me, il più utile per iniziare; e non solo per me. Buona avventura Mario
  21. Lascia stare, se vuoi un consiglio. Qualcuno beve la tua birra, mangia e beve troppo, gli viene male al pancino... di chi è la colpa ? Dove sono i certificati, le autorizzazioni, le ispezioni dell'igiene e la marca da bollo ?? no, è triste ma lascia stare
  22. Se fai poche cotte all'anno (per dire, 4-5) penso che aio sia più maneggevole e pratico
  23. Alla fine ho usato la ricetta della ricetta delle bisnonna di una collega 62enne (a occhio, 120 anni fa). Il giorno di san Giovanni ho messo noci verdi 29 (circa 1 kg) tagliate in 4, alcol 95° 1 litro, acqua 630 g, zucchero 470 g, 7 chiodi di garofano, 3 scorze di limone, 1 stecca di cannella in un vaso di vetro con tappo a vite, al sole per qualche ora al giorno e ritirato in casa per la notte, 1 mescolata al giorno, tra sette settimane imbottiglierò (stimato 49°). Più che una ricetta, una cabala
×
×
  • Create New...