Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

papies

Utenti Registrati
  • Content Count

    41
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutra

About papies

  • Rank
    Member
  • Birthday 30/07/1979
  1. @maltisglt: ti avevo scritto in privato per il gruppo di acquisto, ci riproviamo?
  2. Se si fa il gruppo di acquisto, contate anche me! In uno slancio di entusiasmo, a quel prezzo, potrei prenderne anche 2! Putroppo sono privo di P.IVA...il resto delle condizioni non sono un problema.
  3. Un fattore non banale che può contribuire alle perdite è la rigidità /secchezza delle guarnizioni. Nel mio caso (parlo però di fusti usati) dopo il riempimento e prima di mettere in pressione passo sempre una piccola quantità di grasso alimentare sulla guarnizione del coperchio, laddove poggerà il bordo in acciaio del fusto. Questo mi assicura una maggior tenuta, mai più avuti problemi di perdite.
  4. Io sanitizzo con soluzione acqua+candeggina, e risciacquo i residui con acqua e metabisolfito (Bertinotti docet). Penso di passare all'OXI, che ora utilizzo solo per i cornelius, anche per il resto dell'attrezzatura, dato che mr.malt ha eliminato dal catalogo il metabisolfito (almeno apparentemente): ne sapete qualcosa?
  5. Per mosto freddo si intende portato a temperatura di inoculo dopo la bollitura, tramite i consueti mezzi (serpentina, controflusso...); la temperatura ottimale dipende dal lievito che intendi inoculare, ma in generale è prossima alla temperatura ambiente. Quando travasi non c'è problema di ossidazione non per questione di temperatura, ma solo perchè tutto l'ossigeno che introdurrai nel mosto verrà utilizzato dal lievito durante la fase di replicazione e in tutta la parte tumultuosa della fermentazione: a livello casalingo dubito ci sia il rischio di introdurne troppo, e comunque c'è sempre un livello di saturazione oltre al quale il mosto si rifiuterà di incorporare ulteriore ossigeno; durante il travaso (solo il primo, ovviamente, prima di inoculare il lievito) splasha come se non ci fosse un domani, e magari utilizza anche altri mezzi per introdurre più ossigeno (scuotimento, mestolone, trapani modificati, pietra porosa), più ce n'è meglio è!
  6. In effetti il processo del birrificio ha più del magico che dell'ingegneristico...vero che riempono fino all'orlo, ma fatico a pensare a qualcosa di più permeabile all'aria del legno...non hanno spiegato cosa fanno della frutta? La buttano nelle stesse botti o fanno travaso? Ad ogni modo penso lascerò per un annetto in acciaio, spero che la ripresa della fermentazione quando travaserò aggiungendo frutta saturi lo spazio vuoto delle damigiane, così non dovrei avere rischio di ossidazione. Eventualmente aggiungerò un po' di zucchero o simili, al fine di formare un cuscinetto di CO2...vi saprò dire tra un paio di anni come è andata...
  7. Ho approfittato dell'arrivo repentino dell'autunno (alle mie latitudini, almeno) per mettere in cantiere la mia prima cotta di un lambic. La dimensione della cotta è di 30 litri circa, in fermentatore d'acciaio da 35 litri, inoculato col il lambic blend della Wyeast (2 buste, di cui una non freschissima). E' partito tutto che è un piacere. A questo punto però ho un dubbio: a tendere (inizio estate 2015) vorrei spezzare la cotta in damigiane di vetro da 5-10 litri, che ho già acquistato, per portare circa un terzo della cotta a 2 anni di invecchiamento, un terzo circa in bottiglia come lambic giovane, ed il restante terzo per esperimenti con frutta e chips di legno. Ho letto da più parti che è bene non disturbare Bretta e soci durante il lavoro, ed in special modo è meglio non eliminare la pellicola che protegge il lambic dall'azione dell'ossigeno e di conseguenza dei batteri che potrebbero acetificarlo; ad ogni modo, prima o poi, mi troverò nella condizione di doverlo fare. La domanda quindi è: finisco uno pseudo primario (cioè aspetto che smetta di gorgogliare) e travaso subito? Lascio tutto lì un annetto e travaso (lasciando quindi eventuali pellicole nel fermentatore del primario? Non dovrebbero esserci problemi di autolisi, anzi gli eventuali sottoprodotti dovrebbero aumentare la complessità ... Non penso che Cantillon e soci travasino prima di blendare e/o aggiungere frutta, come si comporteranno con le "pellicole" che si formano sicuramente nelle botti "primarie"?
  8.   Cazz...dovevi palesarti prima!  :D Giusto 5 minuti fa luca1586 mi ha confermato di aver ricevuto il pacco dal corriere che mi ha mandato a casa per il ritiro...
  9. Prova ad eseguire Hobbybrew come amministratore: in più puoi seguire (in maniera soft) il consiglio di 60faina. Hobbybrew è stato abbandonato, come progetto, è preso in carico da un nuovo team che ha prodotto Brewplus (http://brewplus.blogspot.it/), correggendo qualche bug e creando qualche nuova funzionalità ; da provare (io uso solo quello + Brewzor calculator durante la cotta). Ciao!
  10. Ok, nessuno si è fatto avanti per il ritiro a mano, se vuoi procedere come dici tu, mandami un MP sui prossimi passi.
  11. "Affare" fatto con lorenzolorenzo. Se dovessi liberarmi di altro, Spike82, ti faccio un fischio.
  12. Ciao Spike82, nel weekend dovrei avere la conferma di lorenzolorenzo, che acquisisce il tutto in blocco. Se cambia qualcosa ti faccio un fischio.
  13. Vorrei evitare la spedizione, ma la potrei prendere in considerazione qualora, a stretto giro, nessuno se lo venisse a ritirare a mano (piuttosto che buttarlo, meglio sia utile a qualcuno...). Facciamo che ci aggiorniamo a inizio settimana prossima, se nessuno lo reclama sei in pole!
  14. Visto l'errore di subject (l'attacco è a baionetta e non a scivolo), ho creato un nuovo topic con le informazioni corrette. Per me questo thread può chiudersi, se siete interessati scrivetemi un MP o postate sull'altro. Ciao!
×
×
  • Create New...