Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

fedemito

Utenti Registrati
  • Content Count

    20
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutra

About fedemito

  • Rank
    Junior Member
  • Birthday 18/02/1982
  1. del doppio fondo rialzato non mi va tanto l'idea di dover fare un marchingegno per rialzarlo dopo il mash..allora il verticale mi sembrava una bella idea..ma in effetti mi ci hai fatto pensare e non va bene..alla fine opterò per il bazooka e buonanotte!
  2. Ciao a tutti, sto pensando a come costruire il mio impianto AG.   Voglio realizzare la pentola del mash in modo tale da effettuare anche lo sparge; il filtro bazooka non mi piace, e il fare un falsofondo che si alza lo trovo troppo macchinoso..   Ecco l'idea: se costruissi ( tramite lamiera forata inox) una paratia verticale in modo da creare due ambienti distinti dentro la pentola? in una  parte  stanno le trebbie, e nell' altra sta il rubinetto?   le pale dell'agitatore penso dovrebbero creare il ricircolo necessario per non far caramellizzare il mosto nella paratia dove stanno le trebbie.   che ne dite?   PS: per spiegarmi meglio ho fatto un disegnino..cos' si capisce un po' meglio...spero!! :-)  
  3. [quote]spontex ha scritto: il rubinetto a meno che non stai in montagna o vicino ad una fonte e' sconsigliato dopo vedi tu [B)] [/quote] E' da poco che faccio birra coi kit, ho deciso di usare l'acqua del mio rubinetto perchè mi piace, e bevendo solo quella acqua in bottiglia in casa mia non ne entra. Però mi è venuta la curiosità di vedere la differenza con l'acqua in bottiglia: cosi' ho comprato il necessario per fare due kit completamenti identici ( lievito, malto secco e kit) , solo che in uno userò acqua del rubinetto, nell'altro acqua in bottiglia. per l'acqua in bottiglia , fra le grandi marche, avete suggerimenti?
  4. io faccio come dicono le istruzioni: scaldo la latta ancora chiusa a "bagnomaria" per fluidificare il contenuto della latta. poi apro e lo diluisco in 3 o 4 litri di acqua abb calda. dopodichè verso nel frematatore a aggiungo acqua fredda di rubinetto fino che non ragguingo il litraggio necessario a 26°C. secondo me cosi' non hai il problema della stratificazione e fai delle letture di OG corrette!:)
  5. la valvola del post precedente l'ha trovata Sbraga87 in quest'altra discussione! [url]http://forum.areabirra.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=13587[/url]
  6. guarda anche questa discussione! [url]http://forum.areabirra.it/forum/topic.asp?whichpage=1,8&TOPIC_ID=13552#130972[/url] ci sono spunti interessanti!
  7. [quote]dueerre ha scritto: diciamo che non è proprio complicato, basta far le cose fatte per bene, essenziale è una valvola N.C. a riarmo automatico, e una fiamma pilota. poi io consiglio sempre una valvola con termocoppia per ragioni di sicurezza, [/quote] perchè la valvola NC se hai già la valvola con termocoppia? [quote]dueerre ha scritto: una valvola come dici te "regolatrice" o per meglio dire modulante, sarebbe il massimo, ma il costo è abbastanza elevato, in pratica vai a pilotare la valvola con una tensione da 0 a 5 Volt, ed in base a quant'è la tensione si apre o meno la valvola, andando a modulare la potenza. [/quote] parli di valvole come questa? [url]http://www.brahma.it/cgi-bin/file_prodotti/9454_r03.pdf[/url] questa è un solenoide comndata in PWM, il tuo controllore la gestisce questa modalità di comando? se no che valvole intendi? grazie per la disponibilità e scusami se ti stresso..cerco di capire!:D
  8. [quote]Messaggio di Sbraga87 Tante belle parole insomma, ma voi manomissori di aggeggi elettrici, cosa ne pensate? Al di là del costo che è poco chiaro ( 50 euro la valvola senza sensore di pressione, che mi sembra davvero troppo poco), la lettura della T come avviene? la scheda tecnica non parla di sensori ( ne pt 100 ne niente) e volevo capire se è possibile comandare invece l'aggeggio con un PID che acquisterei io a parte, anche perchè per settare un intero processo ( proteolisi, saccarificazione mash out) non credo sia sufficiente appoggiarsi alla scheda del prodotto, che evidentemente ti da modo di settare una T)...Al telefono l'area tecnica non mi ha fornito sicurezze, anche perchè la loro elettronica, giustamente, è sacra...) [/quote] Ciao! Anche a me interessa molto questo argomento, perchè voglio fare un impianto a gas con l'ammostamento automatizzato! La scheda col microcontrollore, non è dentro la valvola, ma è dentro al regolatore che fornirà la bhrama; il regolatore sostanzialmente è l' aggeggio che ragiona con logica " PID " che vuoi comprare tu. E qui ha ragione ORSO: ne devi comprare uno che sia capace di mandare segnali PWM. detto questo secondo me la valvola funziona così: - la valvola di per sè è un solenoide, comandato e alimentato col sistema PWM: in pratica gestisci la modulazione attraverso un regolatore che da una serie di impulsi a tensione fissa. ( se cerchi pwm su wikipedia trovi una bella spiegazione) - il sensore di pressione di cui sono dotati alcuni modelli di valvola, serve per "assorbire" variazioni di pressione della rete del gas: in pratica se la pressione del gas in ingresso allla valvola è variabile, il regolatore riesce a far lavorare la valvola in maniera ottimale. se intendi alimentare il tuo impianto con una bombola da cucina ,per i nostri scopi, la valvola con sensore non ci serve: la nostra pressione in ingresso alla valvola non sarà affetta da variazioni repentine! - la valvola non gestisce la temperatura: è il regolatore che, attraverso una sonda di temperatura, dice alla valvola come e quando aprirsi, per risacaldare o meno il mosto. cmq per capire lo schema, guarda bene lo schema a blocchi in fondo al pdf linkato!:D
  9. se decido di passare a gas ho bisogno di un impianto + complicato ( per la sicurezza immagino)se voglio automatizzarlo. immagino serva una valvola regolatrice motorizzata ( controllata dal regolatore) e un sistema di sicurezza tipo " naso elettronico" + elettrovalvola ON/OFF..giusto? non conosco valvole di regolazione gas , hai mica dei suggerimenti?sono tipo a solenoide oppure hanno un servomotore dedicato? mi sono accorto ora del tuo sito, ora vado a curiosare!:D
  10. [quote]dueerre ha scritto: [quote]fedemito ha scritto: vorrei fare il controllo della temperatura con un regolatore, se lo faccio sul fornello mi frego il bello dell'automatismo! [/quote] per quel che riguarda il controllo di temperatura, tanti che utilizzano il mio termoregolatore, eseguono il processo di mash con il software, e per la bollitura passano al fornello a gas. [/quote] ma se il mash lo regoli con un riscaldamento elettrico, mi hai appena spiegato che servono potenze alte, superiori al classico contatore enel da 3 kW..come si fa? hai bisogno del contatore vitaminizzato!
  11. [quote]dueerre ha scritto: ... E= 50 1 30= 1500 kcal per trasformare da kcal a kwh (non kw/h) devi moltiplicare per 4184 e ottieni l'energia in joule (1kcal=4184 joule) e poi dividere per 12.600.000 (3,5kwh=12600000 joule) [/quote] Non ho capito questa operazine
  12. [quote]dueerre ha scritto: Considerando che più litri hai, maggiore è la dispersione, per 50 litri ti ci vogliono minimo minimo 5 - 6 kw, coibentando logicamente la pentola, per una bollitura vigorosa poi, con quella potenza penso ti convenga passare a gas. [/quote] dici che serve addirittura triplicare la potenza? ok che da 25 a 50 litri raddoppi la superficie radiante, (e quindi disperdi il doppio) ma coibentando tutto come si deve, magari aumentando a 3.5 kW, ce la puoi fare..certo, impiegherai + tempo per la bollitura..dove sbaglia il mio ragionamento? vorrei fare il controllo della temperatura con un regolatore, se lo faccio sul fornello mi frego il bello dell'automatismo!
  13. [quote]GeCofreE ha scritto: bravo... a far le cose per bene dovresti fare un travaso dopo 5 giorni di fermentazione in un secondo fermentatore...poi lasci li fino al termine, poi travasi di nuovo nel primo (che nel frattempo avrai lavato e sanetizzato) e procedi con l'imbottigliamento [/quote] ..idem come sopra :D : perchè proprio 5 giorni? vale per tutte le birre? :D questa "seconda fase" della fermentazione serve per rendere la birra più limpida, giusto?
  14. [quote]GeCofreE ha scritto: .. ho imparato che il mosto non si deve bollire come dicono...anzi..sarebbe meglio far scaldare l'acqua fino a 85 gradi circa e poi inserire il contenuto del kit e mescolare bene... [/quote] perchè proprio 85 gradi e non bollire? secondo te vale per tutte le birre?
×
×
  • Create New...