Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Vale

Utenti Registrati
  • Content Count

    4.300
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    41

Everything posted by Vale

  1. [quote]demetrio ha scritto: la mia è immersa nel contenitore dell'acqua di sparging per tutto il giorno e non mi ha dato problemi [/quote] E continuerà così fino al giorno in cui te li darà , dopodichè dovrai buttarla perchè non la recuperi più nemmeno asciugandola col phon. [B)] :D Una vera sonda IP65 la puoi lasciare immersa ininterrottamente per 100 anni e funzionerà invece sempre (dopo i 100 comincia ad ossidarsi anche l'INOX!). Ciao, Vale
  2. Un fusibile in più è sempre cosa buona e giusta :D, comunque non ti protegge dall'SSR che si brucia alla commutazione N+1. Fra l'altro mi pare che quando si bruciano si bruciano "chiusi", quindi il frigo non si ferma più. [B)] Va beh, al massimo se gela fai una Eisbock... [8D]
  3. [quote]Ar-Es ha scritto: che ne dite invece di questo simpatico bavarese? [url]http://www.youtube.com/watch?v=OmHJGRNTcVE[/url] [/quote] Che non è Bavarese (ha l'accento sbagliato :D). Il kit per 600 Euro mi sembra una boiata. Il mulino Marga è una ciofeca da buttare, i rubinetti sono ridicoli (probabilmente nemmeno in INOX) e la pentola di sparge viene usata anche come fermentatore, cosa che ti impedisce di usare il kit finchè la fermentazione non è completata. Il kit poi non comprende nulla per raffreddare il mosto, ti "suggerisce" di comprare la loro serpentina INOX. L'unica cosa che va bene è proprio il pentolone elettrico e forse il falso fondo filtrante, ma bisogna vedere se è fatto bene. La presentazione invece mi sembra fatta molto bene, e questa è invece gratutita! :D Ciao, Vale
  4. [quote]LazzaroSub ha scritto: Pensa poi che se si brassa a 3000metri sopra il livello del mare potresti bollire tutto a 87 Celsius.....se tu non guardassi la temperatura ti sembrerebbe di fare la tua solita birra ed in realtà lavori al 10% in meno della temperatura/spesa....... potresti ottenere una birra uguale come caratteristiche se tu a 0mslm brassassi la stessa birra senza nemmeno far bollire il mosto ma semplicemente mantenendolo a 87celsius!!! (dovresti però aver calcolato la diminuita evaporazione dato che non bolle:)) [/quote] Stai semplificando un po' troppo. Nella cottura ci sono reazioni la cui velocità dipende dalla temperatura, bollire a 87 sarebbe tutt'altro che uguale, a partià di durata, che bollire a 99-100. Nei grossi impianti industriali si è arrivati a bollire in autoclave a 120 °C per ridurre la bollitura a non più di 20 minuti, naturalmente con lo scopo di risparmiare tempo ed energia (=costi di produzione). Anche la quantità evaporata è importante perchè non c'è solo vapore acqueo che viene disperso, ma appunto sostanze che nella birra finita sono indesiderabili, come il DMS. Il DMS per la cronaca bolle a 37 °C allo stato puro, bisogna però vedere nella birra come è eventualmente legato ad altre sostanze, se a 37 °C se ne evaporasse tutto allora in bollitura non arriverebbe nemmeno e invece non è così. Altre reazioni come la coagulazione delle proteine richiedono poi oltre che temperatura anche disponibilità di calore in eccesso che dipende appunto da quanto vigorosa è la bollitura. Le proteine infatti non si coagulano istantaneamente appena il mosto arriva a 99 °C ma impiegano il loro bel tempo e si coagulano in maniera progressiva. Infine ci sono le reazioni di caramellizzazione e di Maillard che alterano colore e aromi della birra, cosa che non va intesa necessariamente in senso negativo perchè magari quello stile di birra è proprio caratterizzato da quegli aromi e sapori, eliminarli snaturerebbe la birra e sarebbe da considerare, nel contesto specifico, un difetto. Detto questo se vuoi far sobbollire a fuoco lento la tua birra prova pure, ma non pensare che avrai lo stesso risultato che con una vera bollitura adeguata in intensità e durata. Ciao, Vale
  5. Un relè a stato solido in realtà non è l'ideale per un'applicazione dove il relè viene attivato con frequenza bassissima. Relè SSR così economici di solito poi valgono ben poco. Ti consiglio un solido relè meccanico pilotabile direttamente con la 220ac, così eviti l'alimentatore 12v, tipo questo qui: [url]https://it.rs-online.com/web/p/rele-monostabili/6802647/?searchTerm=680-2647&relevancy-data=636F3D3126696E3D4931384E525353746F636B4E756D6265724D504E266C753D656E266D6D3D6D61746368616C6C26706D3D5E5C647B337D5B5C732D2F255C2E5D5C647B332C347D2426706F3D313426736E3D592673743D52535F53544F434B5F4E554D424552267573743D3638302D323634372677633D4E4F4E4526[/url] Ciao, Vale
  6. Più di due millimetri di diametro comincia a essere troppo, ideale è 1-1,5mm. Non ho capito cosa c'entra la caramellizzazione con lo sparge? Ciao, Vale
  7. [quote]pumbito ha scritto: scusate ragazzi una domanda....ma la sonda originale del termostato è resistente all'acqua? perchè nonostante sia un termostato per acquari, molti dicono di no... io vorrei metterla in un bicchierino d'acqua per evitare sbalzi termici :D [/quote] La sonda originale non è immergibile. Magari non si frigge subito, ma se la lasci immersa prima o poi l'acqua entra e comincia a dare i numeri. Sonde veramente immergibili (a grado di protezione IP65) le trovi per esempio qui: [url]https://it.rs-online.com/web/p/cavi-per-controllo-temperatura/4388477/?searchTerm=438-8477&relevancy-data=636F3D3126696E3D4931384E525353746F636B4E756D6265724D504E266C753D656E266D6D3D6D61746368616C6C26706D3D5E5C647B337D5B5C732D2F255C2E5D5C647B332C347D2426706F3D313426736E3D592673743D52535F53544F434B5F4E554D424552267573743D3433382D383437372677633D4E4F4E4526[/url] La mia è immersa da quasi un anno e funziona ancora perfettamente. Ciao, Vale
  8. Io lo vedo piccolo! Una foto piຠgrande no? :D Bisogna vedere se i fori non sono ne troppo grossi (passa tutto) o troppo piccoli (passa niente) e se sono sufficienti in numero, altrimenti ci metti una vita a filtrare. A occhio direi che sono un po´ pochini ma da una foto francobollo potrei anche sbagliarmi.[8D] Ciao, Vale
  9. [quote]Tommy ha scritto: Ok grazie quindi con uno starter da 4 dovrei riuscirci...ma con progressivo cosa intendi!?che effettuo uno starter da un litro e poi a step aggiungo il restante mosto per arrivare a 4 !? O faccio piu semplicemente tutto in una volta?! [/quote] Beh, sicuramente 4 litri è molto meglio della bustina originale da 125ml ma potresti essere comunque ancora in underpitching, dipende dalla birra e se bassa o alta fermentazione. Lo starter progressivo è proprio come hai inteso, busta in uno starter più piccolo, poi eventualmente decantare e travasare in recipiente con più mosto piuttosto che versare nello stesso altro mosto preparato a parte. Per un quattro litri puoi fare busta in 2 litri e dopo 48 ore di fermentazione portare a 4 litri e far lavorare altre 48h. Si fa così per evitare di diluire troppo la busta di lievito originale, per non andare paradossalmente in underpitching già con lo starter, affaticando il lievito e quindi riducendo l'efficacia complessiva dello starter stesso. Detto questo si può fare anche subito 4 litri, io lo prenderei in considerazione solo con agitazione continua e un'ossigenazione a regola d'arte, altrimenti il lievito ti si deposita pesantemente sul fondo e alla fine non si riproduce poi così tanto come potrebbe. Ciao, Vale
  10. A prescindere dai calcoli esatti parti comunque dal presupposto che con 40 litri di mosto non te la cavi semplicemente versando direttamente una busta da 125 ml, quindi a meno di comprare parecchie buste dovrai fare uno starter. Lo starter se lo fai bene puoi farlo grande quanto vuoi anche partendo da una sola busta di lievito, basta farlo progressivo e richiede solo più tempo e più lavoro. Con 40 litri da inoculare difficilmente te la caverai con meno di 2 litri di starter, per le birre ad alta gravità anche 4-5. Ciao, Vale
  11. Ciao, nei kit non ci sono conservanti o additivi, al massimo spezie da aggiungere in bollitura. Se non lo tolleri ci sono altri prodotti sanitizzanti tipo il Chemipro OXI o lo Iodophor che potrai usare invece del metabisolfito per sanitizzare recipienti e utensili così da avere birra 100% solfiti-free. :) Ciao, Vale
  12. Un paio di volte ho provato ad assaggiare il mosto alla fine dello sparge, quando aveva ormai circa 3-3,5 °P. Il sapore prevalente era un sentore forte di paglia, immagino che sia il sapore dato dalle trebbie, il dolce invece a questa densità quasi non si sentiva. Non penso che sia il caso di estrarre vari litri di questo infuso inappetibile solo per poi avere, dopo averlo concentrato con la bollitura, magari appena 0,5-1 litro di birra finita in più alla fine (se va bene). Oltretutto la corrente (o il gas) per bollire non costano proprio poco... Ciao, Vale
  13. [quote]Bioca63 ha scritto: Ragazzi, la discussione ha preso una piega troppo tecnica per me, e mi pare stiate facendo riferimento a sistemi autocostruiti dove utilizzate resistenze elettriche che posizionate voi. Io volevo sapere se qualcuno di voi ha esperienza con i pentoloni elettrici gia' fatti, come il Brewkettle della Brewferm, che ha un volume di 27 litri, una resistenza da 2000 W ed un termostato che prevede la regolazione della temperatura tra 30 e 100 gradi, o prodotti simili. Ce la fanno a bollire adeguatamente? Salta la corrente in casa? [/quote] Io ci ho fatto un paio di cotte ma la bollitura è decisamente deludente. Meglio una pentola coibentata tipo [url="http://www.ebay.de/itm/Edelstahl-Thermoport-Thermobehalter-38-5-L-Ablasshahn-/380501573420?pt=Koch_Grill_Imbisstechnik&hash=item5897a93f2c"]questa[/url] con resistenza ad immersione. A parità di potenza (2kw) bolle molto più vigorosamente e in più rischi meno di scottarti. La pentola elettrica ora la uso solo per il mashing in all grain, ma pian piano l'ho modificata con un termostato esterno con logica PID e rampe programmabili, molto più comodo e preciso. Il termostato incorporato ha la precisione tipica di un utensile da cucina... [B)] Ciao, Vale
  14. [quote]DarthVader ha scritto: Vale, visto che mi sembri molto competente chiedo anche a te, quindi invece di mettere una resistenza da 4, se ne metto 2 da 2, è la stessa cosa? [/quote] Esatto! Anzi, se così facendo riduci la densità di potenza (perchè magari l'elemento è grosso uguale) allora tanto di guadagnato. Ciao, Vale
  15. [quote]Green House ha scritto: AH AH! Cmq...l'incognita che vale la pena considerare davvero è il tempo. Soprattutto per quando si fa il salto per il mash out. Poi per bollire...basterebbero anche meno di 4kW forse... [/quote] Io con 36 litri di mosto pre-boil e una resistenza da 3kw ho dovuto mettere un riduttore di tensione per regolarla perchè con 3kw avevo un'evaporazione addirittura eccessiva (con una pentola coibentata però). Negli step bisogna considerare che a meno di fare BIAB si hanno meno litri in pentola prima dello sparge (fino a anche solo la metà ), la rampa di salita a parità di potenza sarà quindi proporzionalmente più ripida. Ciao, Vale
  16. [quote]Green House ha scritto: @Vale Pensavo che il problema sulla dimensione fosse già stato superato... Sul resto ti ci trovi d'accordo? [/quote] Affermazione che si presta a numerosi fraintendimenti e doppi sensi... :D Per il resto pienamente d'accordo, anche se non ricordo a memoria i coefficienti termici. Ciao, Vale
  17. [quote]DarthVader ha scritto: quindi una resistenza da 4 kw ai fini birraioli è indifferente se ad alta o bassa densità ? alla fine si arriva alla bollitura nello stesso tempo? [/quote] Esatto, l'output è sempre lo stesso. Naturalmente a patto che l'assorbimento sia veramente lo stesso, i valori dichiarati a volte non sono così esatti, anche perchè magari riferiti a 240V quando nella presa ne abbiamo 230 se va bene. Ciao, Vale
  18. [quote]DarthVader ha scritto: quindi più è lunga la resistenza più è efficiente? [/quote] Assolutamente no. In una resistenza ad immersione il calore prodotto finisce tutto nel liquido riscaldato (per forza!), e 1Kw di corrente consumata genera sempre la stessa quantità di calore in base all'effetto Joule. La differenza fra resistenza a bassa densità (=più superficie riscaldante a pari potenza) e ad alta densità (=meno superficie riscaldante a parità di potenza) è nella temperatura raggiunta sulla superficie della resistenza, più elevata in quella ad alta densità . Temperatura più alta significa maggiore caramellizzazione del mosto e anche formazione di incrostazioni sulla resistenza stessa, che diventa più difficile da pulire bene. Per questi due motivi è sempre meglio usare la resistenza a densità termica più bassa possibile. Ciao, Vale P.S. La resistenza più piccola può dare l'impessione "visiva" di rendere di più perchè genererà più bolle di vapore sulla propria superficie durante la bollitura, facendo apparire la stessa più "vigorosa". Se invece andiamo a misurare il tempo necessario ad aumentare la temperatura della stessa quantità di mosto nella stessa unità di tempo vedremo che la resa sarà identica.
  19. Forza centrifuga e centripeta sono forze radiali e quindi il senso di rotazione è indifferente. La forza di Coriolis invece dipende dal senso di rotazione (e dall'emisfero) ma per scale di metri o centimetri è assolutamente irrilevante. La storia dell'acqua nello scarico del lavandino che gira diversamente a Nord oppure a Sud è una bufala. Gira pure nel senso in cui sei più comodo. Io giro in senso orario perchè sono destrimano e mi viene più naturale, magari per un mancino è meglio l'opposto. Ciao, Vale
  20. [quote]fastready ha scritto: iL SENSO DI ROTAZIONE? [/quote] E' una battuta vero? Non crederai mica per davvero alla favola emisfero nord/orario emisfero sud/antiorario? [:p][:p] :D Ciao, Vale
  21. [quote]fastready ha scritto: Bhe anche io uso l' HOP BAG, ma non il Whirlpool, anche se potrei provare a girare da me il mosto. CMQ i residui sono molti sottili, tipo farina (bagnata), secondo voi corro il rischio di intasare tutto? [/quote] Sicuramente è sempre meglio separare l'hot break, anche per non farlo finire nel fermentatore. Non credo che ce ne sarà così tanto da intasare uno scambiatore a 40 piastre, sicuramente alla fine sarà però più sporco del dovuto. Il whirlpool io lo faccio proprio così, semplicemente girando vorticosamente il mosto con una paletta (occhio a non scottarsi!) e lasciandolo riposare per 5 minuti, alla fine ho una bella "pagnotta" di proteine al centro e con molta cautela riesco a lasciarne più del 90% nella pentola, perdendo solo un mezzo litro o poco più di mosto. Ciao, Vale
  22. [quote]Lord Zepp ha scritto: Lunedì... La bollitura è stata vigorosa, ma ho tenuto il coperchio a metà ... [/quote] Ahi ahi ahi signora Longari, lei mi casca sul coperchio! :D La bollitura sempre scoperta! Ciao, Vale
  23. [quote]fastready ha scritto: Una curiosità , ma lo scambiatore nn rischia di intasarsi? [/quote] Io uso luppoli in coni e li metto nella hop bag e faccio un whirlpool che mi separa bene l'hot break, mai avuto problemi di intasamento. Se metti luppolo in coni senza filtrarlo o rimuoverlo allora probabilmente ti intaserà tutto. Ciao, Vale
  24. [quote]Bioca63 ha scritto: Scusate l'ignoranza, ma il mosto nello scambiatore passa una sola volta? E' sufficiente? [/quote] Se si regola bene la proporzione fra flusso di raffreddamento e flusso di mosto basta una passata. Non c'è problema a usarlo a caduta se le pentole hanno dimensioni tali da poterle mettere "a cascata". Chi usa recipienti da 200 e più litri deve ricorrere alla pompa perchè è difficile sviluppare un simile impianto in verticale, a meno di farlo in un capannone. [8D] Ciao, Vale
  25. Lascia stare il Marga, sono soldi buttati. Se proprio non riesci a lavorare con il Corona prendi un mulino a rulli serio, non te ne pentirai. Ciao, Vale
×
×
  • Create New...