Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Vale

Utenti Registrati
  • Content Count

    4.300
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    41

Everything posted by Vale

  1. [quote]luca333 ha scritto: Se il digitale e' piu' affidabile stiamo su quello. Vedo che molti di voi usano l' STC1000 con la sonda PT100 e il pozzetto quale serve? Come si collega tutto questo? Serve anche un trasformatore per far funzionare il tutto? Con un solo STC 1000 si possono attaccare anche 2/3 sonde per controllare varie pentole? Scusate ma da come vedere di queste cose non ci capisco niente! [/quote] L'STC1000 (o vari equivalenti) usa una sonda di tipo NTC e non PT100. Il pozzetto deve avere un diametro interno adeguato a quello della sonda (mi sembra 4mm ma non sono sicuro). L'STC di suo non supporta più di una sonda, bisogna inventarsi un qualche sistema di commutazione oppure dotare il quadro di connettori tipo i jack a cui collegare di volta in volta la sonda voluta. Ciao, Vale
  2. [quote]santa ha scritto: riporto in auge la discussione poichè recentemente ho bevuto una birra homebrewed in cui la saccarificazione è stata fatta per 40' a 62°C e per 20' a 72°C. l'obiettivo era di ottenere una birra dal corpo medio-alto se mi passate il termine. personalmente l'ho trovata un po' troppo secca ed alla mia mente è tornato a brulicare questo cumulo di pensieri: che dopo 40' a 62°C la saccarificazione fosse terminata e dunque i successivi 20' a 72°C non abbiano apportato nulla? dopo le mie prime cotte anche io mi sono orientato verso il single step a temperature intermedie, giocando con intervalli di 2 o 3 gradi a seconda che la voglio più o meno corposa, però il desiderio di capire a fondo il multi step rimane. altri esperti in materia cosa dicono? [/quote] Quaranta minuti di beta per avere un corpo medio-alto? Mi sa che chi l'ha brassata ha le idee un po' confuse. Nel contesto homebrew bisogna affidarsi alle prove, non disponendo di un laboratorio con cui misurare i livelli enzimatici come a livello industriale ci si affida necessariamente all'esperienza pratica. Ciao, Vale
  3. Aggiungo che se vuoi una misura precisa devi andare sul digitale, quei termometri a quadrante danno una semplice "indicazione di massima" che va bene per un boiler, non per brassare. Ciao, Vale
  4. Ragazzi non confondente la precisione con la risoluzione del display! Un display con 3 cifre decimali costa pochi centesimi, poi magari la precisione non scende sotto i 5-10 grammi. A questo prezzo una precisione di un decimo di grammo ce la possiamo scordare, ma anche il grammo sarebbe un miracolo. Ciao, Vale
  5. Se puoi posizionare pentola di bollitura, scambiatore e fermentatore ad altezza decrescente funziona benissimo per gravità e non servono pompe. Ciao, Vale
  6. L'ottone contiene sempre del piombo... Vale
  7. Tiene finchè non entra acqua, poi non tiene più... :D Le sonde immergibili IP65 sono fatte in ben altro modo (capsula INOX con crimpature multiple) e costano anche qualcosa in più. Vedetela così: almeno quando il vostro regolatore inizierà a dare i numeri saprete già cosa si è rotto e non diventerete matti per capirlo! [8D] Ciao, Vale
  8. Per la prima cotta AG va bene, preparati a doverne comprare uno per la seconda perchè il Marga è una boiata e si rompe solo guardandolo. [B)] Sto' esagerando ma mica poi tanto. [8D]
  9. [quote]fastready ha scritto: Io ti consiglio questo: [url]http://www.ebay.it/itm/Mini-Digitale-Temperatura-Controllore-Termostato-99-C-/400159036508?pt=Acquari_Pesci_e_Tartarughe&hash=item5d2b56545c[/url] Praticametne uguale a quello indicato da Vale, ma questo ha la sonda NTC impermeabile e resistente fino a 100%. [/quote] Sono tutti uguali all'STC1000 ed escono dalla stessa fabbrica cinese. :D La sonda fornita di serie non è assolutamente impermeabile e se la immergi prima o poi defunge, va sempre messa in un pozzetto o sostituita con una vera sonda IP65. Ciao, Vale
  10. Come già detto da Nico se la quantità è più che esuberante anche se solo il 50% è ancora vivo non hai problemi di underpitching. Diverso il discorso se il lievito è già andato in autolisi, allora usandolo ti porti sapori e odori disgustosi nella birra e la rovini. Per capire se è troppo tardi basta annusare e/o assaggiare il lievito. Ciao, Vale
  11. [quote]Luca_C ha scritto: Devo solo controllare la fase di mash, la piastra è da 2000 watt. Volevo sapere che termoregolatore mi serve e quale sonda devo attaccargli e la piastra dove si inserisce? [/quote] Per quello che hai in mente tu va bene il classico STC1000 (ne trovi a bizzeffe su eBay). Data la potenza da controllare tassativamente munisciti di un relè esterno da almeno 16A, lascia stare quelli a stato solido ma prendi un buon meccanico che va benissimo. L'STC1000 è già fornito di sonda ma non impermeabile, la soluzione migliore è mettere un pozzetto INOX nella pentola e inserirci la sonda che così non andrà mai a contatto col liquido. Ciao, Vale
  12. [quote]Messaggio di fastready Ragazzi pensando alla birra e alle varie complicazioni che potrebbero sorgere mi viene da farmi una domanda. Il DMS nel tempo svanisce? [/quote] Dipende. Essendo volatile da un recipiente aperto evapora lentamente, quindi durante la fermentazione/maturazione tende a diminuire, il problema è quando hai imbottigliato/infustato, a quel punto rimane fino a che stappi/spilli e ti rovina irrimediabilmente la birra. Ciao, Vale
  13. [quote]Messaggio di Max73 Ciao, cosa ne dite di questa serpentina per un impianto HERMS (batch 25L)? [url]http://translate.google.it/translate?sl=auto&tl=it&js=n&prev=_t&hl=it&ie=UTF-8&layout=2&eotf=1&u=http%3A%2F%2Fzapfanlagendoktor.de%2Fproduct_info.php%3Finfo%3Dp17002_BIER---KUeHLSCHLANGE-7-mm-KUeHLSCHLANGE-NEU.html%26XTCsid%3D3bfee8ff6da1ca32567a7e5037ecc06b[/url] Grazie, Max [/quote] Dico che non è INOX ma ferro cromo-nickelato!! Non lo metto a contatto del mosto neanche morto! [B)] Ciao, Vale
  14. [quote]Green House ha scritto: L'acqua di Milano è meglio anche di alcune minerali confezionate! Il difetto che ha è quello di essere molto calcarea. [/quote] Infatti non la uso mai pura, ma la diluisco con l'acqua di Valtellina che praticamente è neve sciolta. :) Ciao, Vale
  15. [quote]Messaggio di rroby Ciao a tutti. Per favore qualcuno conosce o ha usato questo? [url]http://it.rs-online.com/web/p/strumenti-analisi-acque-e-ph/0218970/[/url] Mi pare uno strumento sperimentato, di fascia medio bassa, forse ideale per me che sto iniziando con l'all grain.[8)] Sapete qualcosa a riguardo dell'affidabilità e della precisione di questo phmetro? [/quote] Non ha l'ATC e per la calibrazione richiede di girare un potenziometro con un cacciavite [B)] Secondo me non vale quello che costa (i prezzi di RS poi sono notoriamente i più cari sulla piazza), meglio spendere di più e prendere uno con la compensazione e con la calibrazione elettronica. Ciao, Vale P.S. Io ho preso [url="http://www.azmeters.it/hi-98128-phtester-waterproof-con-elettrodo-sostituibile-7577.html"]questo[/url] e mi trovo benissimo.
  16. [quote]GeCofreE ha scritto: Vale...stai a milano...se non ci mettono il cloro ti trovi le alghe che ti escono dal rubinetto... forse non le hanno scritte perchè dentro ai valori standard, ma fidati che ci sono...il cloro c'è ovunque, in qualsiasi acquedotto, altrimenti l'acqua ti verrebbe fuori verde per il proliferarsi di microalcghe unicellulari, combattute appunto con il cloro... [/quote] Guarda che non ho mai deto che non le hano scritte. Infatti nell´analisi riportano valori di cloro sia pre- che post-trattamento <0.1 mg/l che immagino sia la soglia strumentale di rilevazione, in altre parole di cloro non ce n´è traccia, e nemmeno di alghe. Ciao, Vale
  17. [quote]Green House ha scritto: L'ultimo che ho sentito al telefono l'ho quasi mandato a******** per il modo con cui mi trattava. Dopo avergli detto che avrei comprato meno di 1000 pezzi. La partita iva non c'entra...in quanto l'ho. [/quote] I produttori di solito hanno quantità minime e non vendono singoli pezzi, anche se hai la fortuna di avere una partita IVA. Questi vendono anche al dettaglio, ma non costa proprio pochissimo: [url]http://www.schnapsbrenner.eu/Wine-making//////sprayball-rotative-G-3-4F-1-40m-50-lt-min-4bar::1690.html[/url] Ciao, Vale
  18. Sono riuscito a reperire un analisi dell'acqua del mio acquedotto, anche se vecchina (del 2008). Dall'analisi risulta evidente l'assenza totale di cloro (non di cloruri naturalmente, che sono normali sali disciolti). Invece le misure di durezza corrispondono grosso modo alle mie semplici misure con le cartine (purtroppo!). Secondo me questa del cloro è sempre più una leggenda urbana nata da tecniche di potabilizzazione ormai tecnologicamente stra-superate e quindi abbandonate da tempo. Ciao, Vale
  19. Hai provato il buon vecchio telefono? :) Ciao, Vale P.S. Dal sito non mi da l'aria di chi vende al pubblico senza partita IVA. [B)]
  20. In realtà se ha già intenzione di mettere un pozzetto può usare benissimo la sonda fornita con l'STC1000, alla impermealizzazione pensa il pozzetto. Ciao, Vale
  21. [quote]insubreman ha scritto: ma forse non ho capito io.... il problema non è che fanno il vino in polvere o con estratti o con cose chimiche, tento le bevono loro; la questione che porta striscia è che lo chiamano vino italiano, utilizzando nomi italiani quando di italiano non ha niente anzi, facendo cagare rispetto al vino originale a cui fa riferimento, rischia di sputannare quel prodotto....la tutela dei nostri prodotti credo sia importante..... che lo chiamino semplicemente "red wine" o come si scrive in scandinavo e sono tutti contenti! [/quote] In realtà nell'intervista il produttore Svedese dice chiaramente che le uve sono 100% italiane (anche perchè di viti in Svezia non credo se ne trovino), chiaramente la lavorazione viene fatta in Svezia (in parte dal cliente finale :D). Di disonesto c'è il fatto che sono uve "generiche" che non si sa nemmeno da dove arrivano e da che vitigni, nonostante questo mettono delle indicazioni ben precise di provenienza! Poi i vari rappresentanti di categoria fanno le menate per le "polverine" che poi magari non sono altro che il lievito, o per i chip di legno messi per dare l'aroma di botte, cosa additata come "scandalosa" ma che si sa benissimo che viene fatta (legalmente) da tutti i grandi produttori. In queste ultime osservazioni esagerano e dimostrano, secondo me, non poca malafede. Non il giornalista che non ci capisce nulla ma i vari "esperti" intervistati in successione, si intende. Ciao, Vale
  22. Per quel prezzo ti puoi comprare un STC1000 (su ebay li trovi a bizzeffe) che oltre a visualizzare la temperatura ha la funzione termostato che ti permetterà un domani anche di automatizzare il controllo dell'impianto. Ciao, Vale
  23. [quote]sannio brau ha scritto: come funziona l autosparge di brouland? [/quote] E' una valvola a galleggiante, tipo quella delle cassette del WC, per intenderci. E' il sistema più collaudato e semplice per mantenere costante il livello del liquido in un recipiente, l'abbassamento del livello fa scendere il galleggiante che mediante una leva apre la valvola di immissione del liquido, il livello risale e il galleggiante chiude di nuovo la valvola. La valvola è entro certi limiti modulabile, quindi raggiunto l'equilibrio dalla valvola uscirà un flusso di acqua esattamente uguale a quello che esce dal rubinetto della pentola e il livello sarà sempre costante. Ciao, Vale
  24. [quote]svante ha scritto: bah, sono gli stessi che qualche anno fa hanno cercato di sputtanare Adrià e Bottura (due tra migliori chef al mondo) perchè usano addensanti, gelificanti e persino l'azoto liquido. secondo striscia l'agar o gli alginati erano pericolossisimi additivi chimici che venivano usati per risparmiare sulle materie prime. [/quote] Infatti, Striscia (ma tutti questi programmi in generale, chi più chi meno) a volte cercano veramente di creare il caso a tutti i costi con acrobazie più o meno ardite, dimostrando a volte semplicemente di non capire (o di far finta di non capire) di cosa stanno parlando. Esempio la "palenta" sbandierata alla fine di un servizio come esempio eclatante di prodotto "contraffatto". Ma che colpa ne ha la Repubblica Ceca se nella loro lingua "polenta" l'hanno tradotto "palenta" perchè gli risulta più naturale da pronunciare? Che gli dobbiamo fare causa a Bruxelles perchè non parlano italiano? Come se poi un piatto fatto con acqua e semola di mais fosse un esempio di eccellenza culinaria italiana... Ma dai! [:p] Ciao, Vale
  25. [quote]Green House ha scritto: Esistono dei sistemi di autosparge. Cerca su brouwland! [/quote] Io lo uso e mi trovo benissimo, però la valvola è sempre in ottone (il galleggiante invece in INOX). Ho provato a cercare valvole interamente in INOX ma pare che costino più del loro peso equivalente in oro! [B)] Ciao, Vale
×
×
  • Create New...