Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Vale

Utenti Registrati
  • Content Count

    4.300
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    41

Everything posted by Vale

  1. [quote]menph ha scritto: un bel repertorio portato a casa da monaco [/quote] Ecco di chi é la foto affissa sui muri di tutti i locali di Monaco con sotto scritto "WANTED, DEAD OR ALIVE" :D
  2. Ma che fermentatore hanno che ha bisogno di agitazione, un 10 ettolitri? :D In un fermentatore da qualche decina di litri la temperatura é già¡ piຠche omogenea e non c´é bisogno di agitare nulla. L´agitazione durante la fermentazione viene fatta in alcuni grossi impianti industriali per accelerare i tempi, ci sono perà³ degli effetti collaterali che vanno gestiti e non é certo alla nostra portata. Ciao, Vale
  3. [quote]Ar-Es ha scritto: se hai provato la stessa ricetta senza lolla posso chiederti che efficienza hai avuto? perchè ho in mente una birra con una quantità spaventosa di segale ( >80% ) e sto valutando se procurarmi la lolla; io però non userò il fondo filtrante ma un bazooka [/quote] La terribile segale, nota anche come la "colla del birraio". :D Credo che nessun umano abbia mai superato il 60%, facci sapere se sopravvivi all´esperienza. [:p] Ciao, Vale
  4. [quote]Teo HC ha scritto: vorrete mica le provvigioni [}:)] [/quote] Ma che provvigioni, da bravi maschietti non sanno resistere alle richieste di aiuto di una damigella. Una volta i gentiluomini aiutavano le signore a cambiare la gomma dell'auto bucata, oggi danno indicazioni su dove andare a bere buona birra. Comincio a sentirmi veramente vecchio... [B)] :D Vale
  5. [quote]rodrisco ha scritto: In effetti ho letto che gli IBU risultanti dal FWH (da prove di laboratorio) sono maggiori di quelli della gettata da amaro, ma "si sentono" di meno. L'ho riscontarto nelle ultime due cotte, amaro ben presente, ma molto meno pungente, meno aspro, più morbido e rotondo. Inoltre dicono che rimangano anche gli aromi del luppolo, anche se questo si fa poi tutta la bollitura completa (sarebbe interessante provare una cotta con solo luppolo in FWH...). Sono molto contento del metodo, credo lo utilizzerò spesso. [8D] [/quote] Secondo la letteratura il luppolo aggiunto prima della bollitura ha una resa diversa perchè le proteine non ancora coagulate si legano alle sostanze responsabili dell'amaro e poi le fanno in parte precipitare successivamente, quando le proteine si denaturano e precipitano. Per evitare questo bisognerebbe (se non si fa first-wort hopping, ovviamente) aspettare sempre almeno 15 minuti (il grosso delle proteine coagula in questo intervallo di tempo) dall'inizio della bollitura prima di fare la prima gittata. Invece facendo il first-wort hopping si sfrutta proprio questo effetto per modificare la resa soprattutto in termini qualitativi del luppolo d'amaro. Il risultato non credo sia possibile prevederlo a priori (anche il calcolo delle IBU alla fine è solo una stima) e sicuramente cambia a seconda della varietà di luppolo e dei livelli di luppolatura. Non resta che darci dentro e fare esperimenti fino a trovare la combinazione che più ci soddisfa. Ciao, Vale
  6. Allora il sacro NarziàŸ è più stitico del solito su questo tema, comunque indica da un minimo del 2% con il classico fondo forato (a livello industriale considerato ormai archeologia :D) al 10-15% con i moderni fondi punzonati in INOX. Direi che con i tuoi numeri sei vicino al limite inferiore ma ancora accettabile, non ti resta che provare e vedere se ottieni almeno 0,5L/min come limite minimo assoluto. Ciao, Vale
  7. [quote]agabellini ha scritto: Problemi di filtrazione a parte, posso quindi usare i fiocchi anche in percentuale del 40/45% oppure potrei avere problemi di estrazione di zuccheri? Grazie, Andrea [/quote] Dato che li abbini ad un malto base chiaro di enzimi ne avrai più che a sufficienza per convertire tutto. Ciao, Vale
  8. [quote]agabellini ha scritto: Problemi di filtrazione a parte, posso quindi usare i fiocchi anche in percentuale del 40/45% oppure potrei avere problemi di estrazione di zuccheri? Grazie, Andrea [/quote] Dato che li abbini ad un malto base chiaro di enzimi ne avrai più che a sufficienza per convertire tutto. Ciao, Vale
  9. [quote]agabellini ha scritto: ciao, pensavo infatti di fare così. Ora mi rimane il dubbio che la percentuale che vorrei usare è del 40/45%. Potrei avere problemi sia nella birra che in fase di filtrazione? Fare un mix di grano maltato (weizen) e fiocchi? E' una boiata? Andrea [/quote] Sicuramente tutto ciò che è privo di glumelle non contribuisce a rendere la filtrazione più facile, anzi... Al limite potresti procurarti della lolla di riso che a quanto pare funziona molto bene con birre ad alta percentuale di cereali "nudi" o fiocchi. Grano maltato e non maltato hanno decisamente un sapore finale diverso, se provi a degustare fianco a fianco una Weizen tedesca e una Wit la differenza è enorme. Ciao, Vale
  10. Occhio che gli apparecchi per aerosol moderni nebulizzano con gli ultrasuoni e non con un compressore, quindi sono inutilizzabili per altri scopi. Ciao, Vale
  11. Usa pure i fiocchi, il frumento intero dovresti comunque cuocerlo prima e non credo che si riesca a trovare non macinato a meno di andare a comprarlo direttamente da un agricoltore. Ciao, Vale
  12. Secondo me ti finisce tutto il mosto sul soffitto. [B)] Per ossigenare bastano le pompettine per acquari, il compressore di un frigo è sicuramente molto più potente. Ciao, Vale
  13. Consiglio a tutti gli utilizzatori di mulini a rulli di dotarsi sempre di uno [url="http://www.rma-tools.com/index.php?main_page=product_info&products_id=874"]spessimetro[/url] dal costo di pochi euro, per evitare regolazioni approssimative. Ciao, Vale
  14. Ultimamente nel forum c'è spesso l'eco... :D
  15. [quote]gbert64 ha scritto: Lo standard delle macchine per la pasta: 2,5 cm [/quote] Un po' piccolini. Con rulli di piccolo diametro la godronatura aiuta a rompere il grano, per questo dovrebbe essere molto più "tagliente" come nell'esempio citato da Rico. Con rulli di grande diametro invece basta la compressione per rompere il grano e una leggera graffiatura giusto per fare presa sul grano ed evitare che scivoli senza venire trascinato fra i rulli. Non so se un tornitore a mano riesce a farti una lavorazione simile, perlomeno non in un tempo (e quindi un costo) umanamente accettabile. I mulini commerciali sono sicuramente prodotti in piccola serie con macchine a controllo numerico ben più sofisticate. Ciao, Vale
  16. [quote]maltisglt ha scritto: Non sono d'accordo!!!:D Sii più chiaro ?? La birrificazione non è una scienza perfetta ma un compromesso...... Anche nelle Ale dà ottimi risultati...provare x credere!!! [/quote] Non ho detto che la birra non viene buona o è da buttare, ho semplicemente detto che cambia molto carattere e viene fuori stile. Se in Gran Bretagna hanno birrificato per secoli senza refrigerazione e con un certo tipo di lieviti non l'hanno certo fatto per ignoranza.
  17. Se vuoi andare sul sicuro usa i tubi in materiale plastico (non so esattamente che tipo di plastica sia) con cui oggi fanno gli impianti di riscaldamento al posto dei vecchi tubi in rame. Considerando che ci deve passare per anni acqua molto calda e per giunta non corrente ma stagnante penso che acqua calda di rubinetto con un po' di amuchina gli faccia proprio il solletico. :) Ciao, Vale
  18. Sullo stile golden ale non ho consigli da darti dato che non lo conoscevo prima d'ora. Avendo però fatto un sacco di cotte di Kà¶lsch con i lieviti specifici posso sconsigliarti di usarli per fare altre birre perchè sono molto caratterizzanti e vanno gestiti molto bene (temperatura!) per non ottenere delle birre che sembrano più dei succhi di frutta che birre di malto. [B)] Ciao, Vale
  19. [quote]Messaggio di gbert64 Sarà sufficiente? [/quote] Dipende. Se hanno 20cm di diametro è addirittura eccessiva, per 2cm invece potrebbe essere poca... [8D] [:p] Ciao, Vale
  20. Ups, ieri mi sono immerso nella lettura di "Yeast, the practical guide to beer fermentation" e ho dimenticato di andare a guardare sul [url="http://www.amazon.de/Abriss-Bierbrauerei-Ludwig-Narzi%C3%9F/dp/3527310355"]NarziàŸ[/url] le specifiche usate negli impianti professionali. Prometto che stasera ci guardo e vi faccio sapere. [:I] Comunque con fori da 2mm va già molto meglio, per il discorso delle farine se hai una buona macinazione non è un problema, fai un po' più di ricircolo finchè le trebbie non si assestano bene e vedrai che avrai comunque mosto limpidissimo. Ciao, Vale
  21. 13 °C è normale temperatura di cantina, per la lagerizzazione si deve scendere a meno di 2 °C. Nelle ale sarebbe comunque da evitare, fa precipitare molte delle sostanze aromatiche caratteristiche dello stile e quindi snatura la birra. Per il discorso limpidezza basta aspettare più a lungo o usare i lieviti molto flocculanti. Ciao, Vale
  22. [quote]Scott ha scritto: Per quanto riguarda il raffreddamento, in effetti dovremmo andar meglio, l'acqua è di pozzo e adesso esce bella fredda, non si spiega bene il motivo per cui a volte si va così lenti e altre volte un pò meglio, ma resta sempre e comunque un raffreddamento troppo lungo che dobbiam migliorare. [/quote] Ciao, non ti offendere per la domanda banale, ma siete sicuri di averlo collegato correttamente rispettando il controflusso? A volte con tutti quei tubi può capitare di confondersi e scambiarli senza rendersene conto. La mancanza di controflusso riduce l'efficienza a meno della metà e non consente di raggiungere temperature abbastanza basse, che è esattamente lo scenario che avete voi. Ciao, Vale
  23. C'è l'eco qui? :D L'attenuazione non l'aumenti inoculando più lievito ma solo controllando il procedimeto di mash e/o cambiando tipo di lievito. Con uno starter da 0,5L senza agitatore passi, se va bene, dai 96 miliardi di cellule della busta da 125ml ai 105-110 miliardi, praticamente non guadagni nulla. A quel punto tanto vale saltare uno step e inoculare direttamente la busta attivata il giorno prima. Incrementi significativi si hanno dal litro in su, meglio se con agitazione continua. Ciao, Vale
  24. Azz... e io che mi sono fatto tutti i calcoli a mano. [B)] L'indicazione del 12% di HobbyBrew mi sembra comunque un po' alta... Ciao, Vale
  25. La grandezza determinante è il rapporto percentuale fra superficie del fondo e superficie complessiva dei fori. Non ricordo a memoria i valori raccomandati, stasera guardo sui sacri testi e ti faccio sapere. Intanto per calcolare il rapporto: Ipotizzando diametro = 20 cm e distanza fra fori 0,9mm hai circa 1550 fori complessivamente. La superficie è di circa 1256cm2. 1 foro tondo di diametro 1mm ha una superficie di 0,00785 cm2, per 1550 fori = 12,16cm2. Il rapporto 12,16/1256*100 = 0,96875 %. Della superficie disponibile solo poco meno dell'uno percento lascia passare il mosto. Stasera ti confermo ma mi pare che rapporti ottimali siano attorno al 4%, quindi almeno il quadruplo di quello che hai tu. Per aumentarlo puoi o fare altri fori (più delicato come lavoro) o allargare quelli esistenti a 1,5mm (valore consigliato dai testi) che ti aumenterebbe il rapporto di un fattore 2,25, quindi arriveresti a circa il 2%. Ciao, Vale P.S. La formuletta per calcolare il numero dei fori è: raggio (espresso in numero di fori) al quadrato per pi-greco. Per la superficie del singolo foro stesso calcolo ma col diametro espresso in mm o cm, l'importante è usare sempre la stessa unità anche per calcolare la superficie complessiva del fondo.
×
×
  • Create New...