Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Vale

Utenti Registrati
  • Content count

    4.293
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    40

Vale last won the day on June 28

Vale had the most liked content!

Community Reputation

1.296 Eccellente

About Vale

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 02/01/1971

Profile Information

  • Location
    Milano

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Comunque su grossi impianti i "coltelli" hanno forme complesse con inclinazioni importanti studiate a tavolino per riuscire a "tagliare" masse di trebbie notevoli, ma in ogni caso non arrivano a smuovere tutto come le pale del mash. Sono poi anche traslabili in altezza per adattarsi a un letto di trebbie che può essere più o meno alto a seconda della OG ma se arrivi ad abbassarle fino al fondo è perché hai uno stuck sparge e devi cercare di salvarlo. Se per loro invece è la procedura standard allora sbagliano sicuramente qualcosa di basilare (macinatura?).
  2. Ma che boiata si è fatto fare? E' proprio vero che se hai i soldi puoi farti costruire quello che vuoi. Mi piacerebbe vedere che valori di torbidità hanno durante lo sparge... Per non parlare dell'efficienza, con i coltelli fino sul fondo filtrante apri dei canali che sembrano autostrade.
  3. Si è dimenticato di menzionare che quelle pale sono messe di taglio e appunto tagliano la parte superiore del letto di trebbie. Qualsiasi sistema che smuova veramente il letto di trebbie ti darebbe un mosto torbidissimo. Già con i coltelli bisogna stare attenti a non esagerare perchè un po' smuovono e la torbidità ti accorgi che sale subito (con un turbidimetro digitale ovviamente).
  4. Vale

    IGA, parliamone

    E soprattuto il forum non si vende i tuoi dati a destra e a manca...
  5. La poltiglia gelatinosa sono beta-glucani e non mi meraviglia che compaia con avena e grano non maltato. Ti consiglio di provare un beta-glucan rest con queste tipologie di birra, allunghi i tempi di mash ma potrebbero risolvere il problema.
  6. Fai almeno 30 minuti. Per le parti in plastica non ci sono problemi al contatto con il citrico.
  7. Vale

    Diacetyl Rest in Italia

    Allora a livello industriale nessuno dei big player ormai fa più lager con metodo tradizionale. Quindi lo standard è fermentazione sotto pressione a temperature che arrivano tranquillamente a 18-20°C a fine fermentazione e con maturazione che prosegue alla stessa temperatura. Nei paesi dove è consentito (non in Germania p.e.) si può anche aggiungere enzima decarbossilasi di sintesi che riduce direttamente l'acetolattato impedendo proprio che il diacetile si possa formare. In Germania sicuramente nei birrifici minori si trova ancora chi fermenta e matura lager con un profilo tradizionale, magari maturando a temperature non proprio sottozero per accorciare i tempi. A livello craft in Italia sicuramente molti fanno l'errore di inoculare a temperatura alta ottenendo l'effetto opposto, cioè di aumentare la produzione di diacetile che spesso poi si sente nel prodotto finito anche se si tenta di rimediare con maturazione a temperatura elevata o diacetyl rest che dir si voglia. Dubito comunque che qualcuno tenga ancora la birra a lagherizzare per 2 mesi perché i costi sarebbero ingestibili. Per altro non sono poi così tanti i micro a fare basse fermentazioni, molti si specializzano sulle alte e lì il problema non si pone.
  8. 40 litri. E' questo gioiellino: https://www.ssbrewtech.com/collections/all-unitanks/products/14-gal-unitank
  9. Io uso un compressore (la pietra dell'Unitank è 0,5micron veri e fa un sacco di resistenza) e quindi non rischio di sovraossigenare.
  10. Il problema di usare O2 puro "a capocchia" è che non saprai mai se sei giusto piuttosto che sotto-ossigenato (difficile) o sovra-ossigenato. A meno di fare un'altra spesa e comprarti uno di questi. https://it.aliexpress.com/item/32894427285.html?spm=a2g0y.search0604.3.55.277e13fdxu9mWj&ws_ab_test=searchweb0_0%2Csearchweb201602_3_10065_10068_319_317_10696_10084_453_10083_454_10618_10304_10307_10820_10821_537_10302_536_10843_10059_10884_10887_321_322_10103%2Csearchweb201603_60%2CppcSwitch_0&algo_expid=078046c3-0f4b-412c-be6b-8a2fed3d593a-8&algo_pvid=078046c3-0f4b-412c-be6b-8a2fed3d593a
  11. Sopra i 4000 mt. Sono arrivato a sfiorare i 6000. Di solito ammiro il paesaggio e saluto le aquile....
  12. L'ossigeno in Italia purtroppo è cosa (inutilmente) complicata. In farmacia è considerato medicinale e senza prescrizione non te lo danno neanche se lasci la mamma/sorella in pegno. Non ti dico io che fatica faccio a farmi ricaricare l'ossigeno che uso in volo sopra i 4000mt, quote a cui l'ossigeno serve a tutti indistintamente senza prescrizione medica se non vuoi svegliarti su una nuvoletta a suonare la lira... L'unica alternativa è l'ossigeno da saldatura. Ti consiglio di cercare nella tua zona un fornitore di gas da saldatura e vedere se magari ti conviene di più il noleggio con scambio vuoto per pieno piuttosto che l'acquisto di una bombola nuova. Prendi pure la bombola più piccola in assoluto che per cotta te ne serve pochissimo. Per la pietra sarebbe più efficiente una pietra da 0,5 micron che puoi comprare su Alixpress per pochi Euro.
  13. Comprato taaanti anni fa su ebay non so più nemmeno da chi...
  14. Se non usi la pentola a pressione possiamo escludere il superamento dei 100°C a meno di vivere nella depressione caspica... Ci sono scambiatori che vanno oltre i 90°C, il mio dichiara 120°C. Penso dipenda dalla lega usata per la saldobrasatura.
×