Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Leaderboard

  1. Pie11

    Pie11

    Utenti Registrati


    • Points

      7

    • Content Count

      505


  2. T.Rex

    T.Rex

    Utenti Registrati


    • Points

      2

    • Content Count

      2.206


  3. Blackbread

    Blackbread

    Utenti Registrati


    • Points

      2

    • Content Count

      418


  4. Simone11

    Simone11

    Utenti Registrati


    • Points

      1

    • Content Count

      1.763



Popular Content

Showing content with the highest reputation since 30/05/2022 in all areas

  1. 1 point
    Secondo me invece bisogna considerare il dead space, perché comunque ingrani stanno in ammollo solo in una parte dell'acqua. Se la "zona" in cui ci sono i grani è troppo densa non scende il liquido e ti bruci resistenza e pompa. Detto questo su sistemi biab o biap, a mio parere, non ha senso lo sparge
  2. 1 point
    https://fivestarchemicals.com/media/ingredient/five-star-pbw-ingredients.pdf Il contenuto del pbw
  3. 1 point
    @Blackbread Grazie blackbread, Ho capito. Ma costano un terzo di un vero keg cinese. @eamaxb Ossidazione in keg: non più che in bottiglia. Le poche volte che metto in keg contropressione, quando tolgo il distributire e metto il tappo mi trovo un pò di schiuma che viene su. Poi quando tolgo il tappo e rimetto il distributre la birra schiuma un pò. Mai sentito segni di ossidazione da li, ma poi non faccio birre iperluppolate dove potrebbe fare più danni.
  4. 1 point
    @eamaxb, appena arrivo a casa guardo sul PC, alla peggio se non trovo il link smonto l'attacco e metto le foto sul post!
  5. 1 point
    Ho 7 keg da 2 litri e 3 keg da 5. E un solo raccordo di distribuzione. Quando lo apro svito il tappo a freddo e metto il raccordo. Sono fatti per essere usati così. Come prevedibile non mi è mai successo niente, al massimo un filo di schiuma che arriva al filetto. Anche con birre da 3 volumi. Se non ci credete il prossimo vi faccio il video.
  6. 1 point
    A meno che non lo autocostruisci! prima di passare ai keg avevo costruito quell'attacco con una 15ima di euro... 20 con gli attacchi jg! Avevo preso l'idea da un vecchio blog
  7. 1 point
    beh un fusto da 5 esploso un 5-6 anni fa mi era capitato... un amber ale con nottingham che mi è ripartito... dopo aver ripulito il disastro... beh diciamo che vi consiglio di stare parchi col priming
  8. 1 point
    Continua così, anch'io l'ho usato con temperature simili con soddisfazione.
  9. 1 point
    Di esperienza non ne ho tanta, sono solo al 5 anno di birrificazione, ma ho curiosità e provo ad avere un pò di metodo (e un pò di strumentazione visto che ho preso l'abitudine a usarla al lavoro). Cerco sempre di dividere in due le cotte quando provo un nuovo lievito, per comparare con qualcosa che consco. E annoto. Adesso sto provando per poter fare qualche analisi per vedere eventuali infezioni in caso di sapori imprevisti. Mantenere un livello scarso di contaminazioni con il lievto liquido non è triviale, soprattutto dopo la prima generazione. Ho fatto anche qualche esperimento di disidratazione del lievito liquido, ma l'ho contaminato sempre.
  10. 1 point
    Solo mie teorie: Se ci metti poi un altro lievito per rifermentare, quello stanco si addormenta. È come quando si fa il cold crash troppo presto con l'us-05, che poi ti rimane il diacetile in bottiglia se non metti lievito da rifermentazione.
  11. 1 point
    per me l'aggiunta di monaco ci sta (da un po' più di "spinta" alle note di base maltata senza arrivare ai caramelli)
  12. 1 point
    Questo è uno spezzone del libro "Fare la birra in casa" di Frank Antonelli e Angelo Ruggiero. Il focus di approfondimento è sulla luppolatura americana...
  13. 1 point
    Usi la serpentina per raffreddare? Io uso il controflusso, quindi appena spengo lascio ricircolare un'attimo e metto il luppolo, lascio li 10 minuti e poi inzio a svuotare il tino e a raffreddare. Per sanificare il controflusso lo faccio ricircolare per 15 minuti durante la bollitura. Aggiunge qualche ibu? Sicuramente. Quanti? Pochi. Se vuoi fare un test prendi il mosto prima e dopo. E assaggi. Gli ibu da flame out sono diversi degli ibu da amaro. Metterei il luppolo a più di 75°C solo per una questione di sanificazione, non rischierei un infezione per abbassare qualche ibu. Se hai paura di andare sul troppo amaro abbassa un pò gli ibu iniziali. Che ne so, da 40 a 35. Credo che beersmith li calcoli, ma non l'ho mai comprato. Il flame out non è un hop stand, dove fissi la temperatura e la tieni per un tempo predeterminato, e che è molto più ripetibile. Sono tutte tecniche che dipendono molto dall'impianto che si ha.
  14. 1 point
Sponsor:


×
×
  • Create New...