Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Leaderboard

  1. Tyrion132

    Tyrion132

    Utenti Registrati


    • Points

      17

    • Content count

      11.215


  2. conco

    conco

    Utenti Registrati


    • Points

      16

    • Content count

      12.709


  3. Vale

    Vale

    Utenti Registrati


    • Points

      13

    • Content count

      4.293


  4. Simone11

    Simone11

    Utenti Registrati


    • Points

      12

    • Content count

      1.382



Popular Content

Showing content with the highest reputation since 08/05/2019 in all areas

  1. 3 points
    E' tra i motivi per cui si dice che la sola ricetta non basti per clonare una birra. Ogni impianto è diverso dall'altro, con caratteristiche fisiche meccaniche e termiche proprie, oltre al livello di precisione del termometro, cambia anche il tempo di risposta delle sonde, influenzato dalla presenza o meno di un pozzetto, e dall'altezza della sonda nella pentola (per quanto si possa fare con mescolatori e ricircoli, è impossibile uniformare perfettamente la temperatura a tutte le quote con precisione al grado). Per mia esperienza personale, posso dirti che, entro certi limiti, la cosa più importante non è l'errore che introduce lo strumento, quanto invece la ripetibilità delle misurazioni. Non è importante che siano reali 63 o 65 gradi, è importante che lo strumento ti permetta sempre di tornare a quella temperatura per ripetere la cotta, e che sia sempre e solo uno il riferimento per gestire la temperatura ( ingresso del rims, pozzetto a mezza pentola, sonda che scende dal coperchio, se cerchi il mezzo grado, saranno sempre diversi uno dall'altro). Che poi, detto tra noi, la differenza di un grado in ammostamento, con tutte le variabili che entrano in gioco nei passaggi dal chicco al bicchiere, è una cosa veramente difficile da percepire, io cerco di essere preciso e metodico in tutte le operazioni, ma il mezzo grado di differenza lo lascio a chi è fissato con i decimali.
  2. 3 points
    Ora vi dico una verità e questa segnatevela perchè è una delle verità della vita (come la differenza densità-viscosità) In assenza di gradienti di pressione/temperatura una soluzione in equilibrio non ha gradienti di concentrazione Una sospensione invece sì
  3. 2 points
    Più semplicemente... pesi lo zucchero in un recipiente graduato e poi aggiungi acqua fino ad arrivare al volume che ti serve,,,, esempio: pesi 200 grammi di zucchero in un recipiente graduato e aggiungi tanta acqua ad arrivare a 400 ml. una volta che tutto lo zucchero è sciolto hai 400 ml di soluzione a 500 g/l e quindi ogni ml contiene 0,5 grammi di zucchero.
  4. 2 points
    Sulla terra sotto il sole difatti non li accendono, sono già roventi così [emoji23]
  5. 2 points
  6. 2 points
    Wela cuore matto...felice di leggerti. Il mio dottore di cose da non fare o di smettere di fare me ne dice sempre tante...per ora io ho smesso di andare dal dottore...poi si vedrà. Tanto ho la sciura che non mi molla...e prima o poi mi toccherà...e poi so cazzi.... Va beh....perché non ti specializzi su birre ultra light...ci stavo pensando anch'io sai, birre con un abv di 1,5-2%, qualche ideuzza io l'avrei già, certo sarebbe cosa ardua...ma tentar... Carne alla griglia ma bianca immagino....che e meglio che un calcio nei coglioni, ma la rossa e la rossa. Poi hai anche pesce alla griglia di sicuro...che se fatto bene e tanta roba pure quello. Ma cerchi il tesoro dunque col metal detector...quello che non ha mai trovato Enzo...beh in bocca al lupo.
  7. 2 points
    Ragazzi(più o meno giovani).. L'importante è che lo zucchero sia sciolto bene.. Se è sciolto NON stratifica! Vero che beviamo birra e non cocacola, ma avete mai visto qualcuno agitare l'estathè prima di berlo perchè altrimenti lo zucchero stratifica???
  8. 1 point
    Io faccio whirlpool con una Topsflo con testa in Inox, ma lo faccio veramente cioè con passaggio dal tino di bollitura al tino di whirlpool (che poi è il tino di mash privato del falso fondo e con installato un ingresso tangenziale, riconfigurazione che avviene a tempo di record durante la bollitura) con ottimi risultati. Secondo me aspirare e ributtare nello stesso tino è, per dirla col mitico e compianto Fantozzi, 'una cagata pazzesca'. Prima di tutto è impossibile non riaspirare il trub dal rubinetto in uscita, quindi finchè non spegni la pompa l'effetto whirlpool viene negato fino a quel momento. Secondariamente ributtando il tutto in una pentola già piena anche con ingresso tangenziale hai talmente tante perdite per turbolenza e inerzia del mosto già presente che la velocità rotatoria che ottieni fa ridere i polli. Nei video che vedi su internet il mosto si muove più lentamente delle paperelle nello stagno, e questo con la pompa ancora accesa! Una volta spenta il movimento si smorza in un nulla e considerando che solo a quel punto inizia l'effetto whirlpool praticamente hai lo stesso effetto che avresti soffiando sul mosto come se fosse minestra... P,S. Nel mio caso il travaso risolve anche il problema che la pentola di bollitura è ad altezza pavimento dopo lo sparge a caduta e il whirlpool mi serve più alto per andare a raffreddare e riempire il fermentatore sempre a caduta.
  9. 1 point
    Ciao bella gente, sono ancora vivo e vegeto Riassumo quello che è successo di recente Lavoro Lavoro Lavoro Lavoro Compleanno Lavoro Lavoro Lavoro Che vita difficile xD Mi sto dilettando a cuocere bisteccone! So che solo 3 dita per alcuni è solo carpaccio, però non è mica facile! Inviato dal mio LG-D855 utilizzando Tapatalk
  10. 1 point
    Io faccio cotte da 54 litri per cui travasare è un problema, ti posso dire che ,visti i nostri volumi, se dopo la bollitura fai un buon whirlpool non occorre nessun travaso a metà fermentazione. Il travaso è "semplicemente" un sostituto dello spurgo che si fa a livello professionale per separare il mosto da lievito morto e ad alto rischio autolisi e da eventuale feccia portata in fermentatore dalla bollitura....parliamo però di fermentatori da centinaia di litri nei quali anche la pressione è fattore favorente l'autolisi....ai nostri livelli questo rischio è inesistente ed il lievito (se sano ovviamente) non andrà mai in autolisi in una o due settimane e se lo facesse non lo farebbe in modo "sensibile" sul profilo della birra. Oltre a questo tieni conto che il travaso nel mezzo della fermentazione è comunque un ulteriore fattore di rischio che si aggiunge al processo relativamente alle infezioni in quanto il mosto non ha ancora maturato un volume alcolico sufficiente a mettersi al sicuro da contaminazioni varie (che comunque anche con birre a 12-14 gradi sono sempre in agguato). Quindi secondo me non ne vale poprio la pena....buon whirlpool dopo la bollitura, fermentazione, robusto cold crash, travaso in nuovo fermentazione per priming e "pulizia" finale della birra(ovviamente "rischioso" pure questo per il discorso delle infezioni ma meno rispetto a prima per via del tenore alcolico completo) e dopo imbottigliamento.....ripeto, questo è quello che faccio io dettato dalla mia esperienza e dal confronto fatto con i miei inizi nei quali anch'io travasavo a metà fermentazione.... Andrea
  11. 1 point
    Pastorizzare non serve a nulla, le amine che scatenano l'intolleranza sopravvivono alla pastorizzazione. L'unico modo sarebbe la filtrazione sterile che comunque un po' di residui lascia e quindi potrebbe non risolvere al 100% il problema. Esistono dei sistemi a cartoni per uso amatoriale che trovi sui soliti siti online, non sono facili da usare e comunque non ti danno nessuna garanzia di risoluzione del tuo problema.
  12. 1 point
    Secondo me non è assolutamente fattibile. I sistemi con ricircolo tipo clone Braumeister non sono adatti alla decozione, l'unico modo è dotarti di una pentola abbastanza grande da poter fare prima la decozione a parte per poi immetterla nel sistema a ricircolo dove aggiungere il resto dell'acqua e del malto per proseguire in infusione.
  13. 1 point
    Ciao Io ho un impianto con un layout simile al tuo ma con la pentola di boil in basso, io ho messo tra pentola e scambiatore una Topsflo, io ho lo scambiatore da 24m, e riesco a pompare dentro ai fermentatori, appena tolte tutte quelle maledete bolle di aria funziona bene e si riesce regolare facilmente senza problemi per il tubo in silicone, per sicurezza metto una fascetta da elettricista. ho provato anche con una pompa in inox tipo Chugger di aliexpress e funziona bene.
  14. 1 point
    Senz'altro la migliora, però vai a spendere parecchio di più per una birra che non è che ti diventa una Barley Wine.... sempre birra da kit è.
  15. 1 point
    Ti posso dire come faccio io, cornelius da 18 litri a circa 10 gradi, nemmeno ci provo a far rollare il fusto, lo carico a 4 bar per due volte a distanza di circa 3-4 giorni ( 4 bar è circa il limite della valvola di sicurezza, e quella pressione mi assicura anche una chiusura perfetta del coperchio, che altrimenti rischia qualche microperdita sulla guarnizione ), poi in frigo a circa 6 gradi, pressione di spillatura poco meno di mezzo bar, ed è praticamente pronta per l'uso. Per aumentare o diminuire la carbonazione basta variare di decimi la pressione, lo faccio raramente durante il mese. C'è chi sconsiglia il rubinetto con compensatore perché dice che nel cono dove smorza il flusso si formano vortici che generano schiuma, io invece te lo consiglio vivamente, fusto freddo sempre alla stessa temperatura, regolazione bassa della pressione, compensatore regolato a dovere, e gli unici problemi che avrai saranno con il fegato . Non avere fretta, riempi bene il fusto senza arrivare fino al tubo interno del gas, onde evitare docce di birra nelle manovre di attacco, usa una bilancia per la quantità, io ne uso una da 40kg con risoluzione 5g, togli la tara ( circa 4 kg più tubi e attacchi, azzeri la bilancia quando è tutto sopra), e ci metti 18 kg esatti di birra attraverso il connettore della birra, in modo da non splashare. A fusto pieno avrai modo di fare prove più veritiere, con risultati sicuramente più stabili che con 1 litro di birra in 18 litri di gas.
  16. 1 point
  17. 1 point
    Modifica pentola mash... Facendo batch sparge e usando rims, tramite una valvola a 3 vie riesco a filtrare il mosto per portarlo in boil, poi, ruotando la valvola, prelevo, tramite la pompa di ricircolo, l'acqua per lo sparge. Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
  18. 1 point
    Ah! Ok! Scusate, credevo che ognuno portasse qualcosa. Grazie tyrion per il chiarimento...ora vado di pvt. Ps: anche io sono molto contento di rivedervi
  19. 1 point
    Credo che il Conco volesse dire che non ha senso filtrare sterile la birra per poi fare priming in bottiglia, perché se riusciste veramente a renderla sterile non rifermenterebbe mai e vi trovereste birra sgasata e dolce, a meno di aggiungere di nuovo lievito per la rifermentazione e quindi avere comunque un fondo in bottiglia.
  20. 1 point
    Saggia decisione abbandonare il dottore anzichè i vizi Birre ultra light? Cazzarola, sono abituato alla Rochefort 10, la vedo mooooooooooooooolto dura Carne alla griglia rossa, mi hanno detto di non abusarne ma non di non mangiarla. Già mi hanno tolto duemila cose per il diabete e altre duemila per il cuore, lasciatemi qualcosa di acquolinoso... Pesce buonissimo ma più raramente alla griglia, sono diventato fanatico delle cotture lunghe a bassa temperatura e il pesce non si adatta molto. Magari trovare il tesoro di barbanera, ma tanto qui in Italia non puoi tenerti niente... In realtà sono soddisfatto quando trovo medagliette devozionali o vecchi oggetti. E adesso non sono nemmeno più l'unico pazzo dalle mie parti : http://www.valcuviarelichunters.it Nel frattempo, intanto che rifletto sulle ultralight, ho ordinato qualche bottiglietta di Orval con relativi bicchieri
  21. 1 point
    Io tra il filtrare e il raffreddare ci metterei anche un qualche minuto di bollitura.. giusto per dare una sterilizzata al mosto.. Poi oh, io continuerei sulla gretta e rozza mossa del lattico.. Poi, se viene bene, nulla vieta di rifarla con i lattici prima o poi..
  22. 1 point
    Ripeto io di fusti capisco nulla eh....ma su accessibilità per pulitura non ne sarei così convinto sai. Comunque se legge qualcuno che li usa....e nel forum ci sono diversi hb che li utilizzano, vedrai che ti daranno info che cerchi.
  23. 1 point
    Boh.. Io proverei tipo ad aggiungere un 10-15ml.. Se poi non si sente ancora nulla, raddoppio e via così.. Insomma, in 3-4 assaggi dovresti arrivare ad un risultato quasi accettabile.. Assaggi ne! Non devi farti fuori una pinta per volta! XD
  24. 1 point
    Io la bombola da 5 kg la uso solo per fare carbonazione forzata dei fusti, la lascio dove faccio birra perché pesa, è scomoda da spostare ed è delicata sui manometri del regolatore. Per spillare uso bombole usa e getta da 600 grammi, piccole e leggere, spendo forse un poco di più ma non da sbattermi per la ricarica, ed ho sempre una scorta di riserva. La metto direttamente dentro lo spillatore in un alloggiamento che la rende invisibile, e me ne dimentico per credo almeno 200 litri ( a occhio una decina di cornelius da 18, sinceramente non li ho mai contati ).
  25. 1 point
    Perchè andare alle manifestazioni con lo spillatore non ha prezzo! Ho fatto un supporto apposta per poter scarrozzare la spina alle feste Inviato dal mio M5 Note utilizzando Tapatalk
Sponsor:


×